Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (970 voti)
Agosto 2015
Samsung Galaxy Note 5, scoppia il ''Pengate''
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent
Apple, arriva l'iPad Pro
L'e-diesel senza gasolio di Audi, carburante ''pulito''
Tutti i grandi spioni di Facebook: come aggirarli
Apple chiude tutti i Macbook di 6 gradi
NASA: razzi senza carburante con motore a microonde
La lente bionica per correggere i difetti di vista meglio del laser
Kim Dotcom: State lontani da Mega
Google cambia nome: nasce Alphabet
Un trucco per velocizzare Android (o rallentarlo fino alla morte)
Fusione Wind e 3, diventa primo gestore in Italia (ma russo-cinese)
Windows 10: come aggiornare il PC senza aspettare
Catturare una regione dello schermo
Luglio 2015
Windows 10: Disabilitare il pericoloso sharing del Wi-Fi, attivo di default
Tutti gli Arretrati

L'indennizzo per i guasti di Telecom Italia

Una normativa sbagliata concede l'indennizzo per i guasti Telecom Italia riparati in ritardo solo su richiesta del cliente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-06-2004]

Molti forse non lo sanno, ma il Regolamento di servizio di Telecom Italia, all'art. 26, prevede che, in caso di riparazione di un guasto Telecom Italia, effettuata con un ritardo superiore ai due giorni lavorativi (sabato compreso), la stessa Telecom Italia è tenuta a indennizzare il cliente con una quota del 50% del canone di ogni giorno, oltre la franchigia dei due.

Si tratta, evidentemente, di un rimborso quasi simbolico: bisogna suddividere un canone per 30 giorni e poi moltiplicarlo per i giorni di mancata riparazione, oltre i 2, e poi dividerlo, ancora, a metà. Eppure, questo diritto al rimborso non riguarda una percentuale infima di utenti: infatti sempre di più Telecom Italia riesce a riparare i guasti solo dopo due giorni, che, sommati alla domenica e a festività infrasettimanali, diventano anche quattro o cinque.

Questo scadimento della qualità del servizio è dovuto a pesanti tagli del personale interno a Telecom Italia, delle ore di straordinario e sui costi delle stesse aziende appaltattrici a cui Telecom Italia ormai affida larghissima parte dell'assistenza tecnica esterna e degli interventi sulle Reti.

Questo rimborso dovuto per regolamento, un regolamento approvato dall'Authority per le Comunicazioni, viene pagato sotto forma di accredito sulla bolletta succesiva; ma non viene effettuato automaticamente, come sarebbe naturale, visto che Telecom Italia conosce data e ora della segnalazione del guasto e del ripristino del servizio. Il rimborso avviene solo su richiesta esplicita e scritta da parte del cliente.

La richiesta deve essere effettuata in forma scritta, con spese postali a carico del cliente, e non semplicemente chiamando i Servizi Clienti 187/191 come Telecom Italia invita a fare per attivare un servizio o per acquistare un prodotto.

Sarebbe bene che l'Authority intervenisse su Telecom Italia perché la procedura dell'indenizzo per ritardata riparazione venga generalizzata e resa effettiva e semplice per tutti i suoi clienti, perchè così di fatto è solo un diritto previsto sulla carta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Metà canone mensile per ogni giorno Leggi tutto
13-2-2008 08:14

.roberta pansera.
L'indennizzo per i guasti di Telecom Italia Leggi tutto
12-2-2008 18:33

.andrea.
Avete detto una grave inesattezza l'indennizzo equivale al 50% del canone MENSILE per ogni giorno di ritardo superiore a 2 giorni dalla segnalazione. Correggete!!
21-9-2005 20:03

Annamaria Marretti
indennizzo x guasti telecom Leggi tutto
29-8-2005 10:57

Pier Luigi Tolardo
Conosco.... Leggi tutto
24-4-2005 12:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics