Il portale sulle malattie rare

Anche attraverso il Web, si cerca di dare un aiuto concreto alle persone e alle famiglie che fanno i conti ogni giorno con una malattia rara.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-07-2004]

Internet è una fonte preziosa di informazioni, e può diventarlo anche quando si cercano notizie specifiche sulle malattie rare; pensiamo ad esempio a quelle che colpiscono i bambini, addirittura ancora nel ventre materno.

Tutti sanno che non sempre è facile intraprendere la strada della ricerca per trovare soluzioni, dato l'esiguo numero di persone bisognose di cure, e l'elevato costo delle suddette.

Per questo, a cura del Lions Club italiano, è nato Aidweb.org, che cerca di aiutare le persone e le famiglie che hanno a che fare con una malattia rara.

Aidweb mette in Rete, attraverso lo scambio e il reperimento di informazioni tra famiglie, documenti, articoli, notizie circa i centri di cura specializzati in malattie rare in Italia e all'estero.

Ad Aidweb possono contribuire volontariamente tutti i medici, terapisti, genitori, ricercatori che vogliano mettere a disposizione competenze ed esperienze e tutti quelli che volessero dare un aiuto economico per sostenere l'iniziativa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (3789 voti)
Maggio 2016
Lo smartphone economico dell'ex CEO di Apple
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
Netflix lancia l'HDR, Amazon il Prime Video con pagamento mensile
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Marzo 2016
L'FBI è entrata nell'iPhone del terrorista
Romanzo scritto dal computer va in finale per premio letterario
Il phishing di Equitalia
Il campo magnetico della felicità
Chiavetta Usb con butt plug: i tuoi dati in un posto veramente sicuro
WhatsApp, arrivano le chiamate cifrate
Google svela Android N
Come rubare gli account di Facebook
Tutti gli Arretrati


web metrics