Sondaggio
IBM prevede che cinque tecnologie diventeranno realtà entro il 2016. Quale credi che si realizzerà davvero?
Microgenerazione: tutto ciò che si muove (camminare, andare in bicicletta, persino l'acqua che scorre nei tubi) produrrà energia, e diremo addio alle grandi centrali.
Password genetica: scansione della retina, riconoscimento vocale e i tratti biometrici in generale saranno combinati per creare una password unica e irripetibile.
Lettura del pensiero: come Kinect legge i movimenti, così i dispositivi del futuro leggeranno la volontà degli utenti tramite le onde cerebrali, e ne anticiperanno i desideri.
Addio al digital divide: grazie ai dispositivi mobili, anche le più remote aree del globo saranno connesse a Internet, avranno accesso alle informazioni e potranno migliorare la qualità della propria vita.
Apprezzeremo lo spam: le email spazzatura diventeranno così personalizzate da risultare utili, trasformandosi da seccature in opportunità.

Mostra i risultati (2750 voti)
Marzo 2015
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Febbraio 2015
100 trucchi per Windows 7 e Windows 8
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Velocizzare Windows all'avvio, selezionare più file senza la tastiera
Samsung Galaxy S6, ecco come pagarlo meno
La casa di Fazio dovrà rimanere segreta
Abilitare il God Mode, cancellare dati in modo sicuro e login automatico
Vulnerabilità nelle BMW, le auto in balia dei malintenzionati
Facebook adesso ti pedina ovunque su Internet
Galaxy S6, le immagini in anteprima
Arriva LibreOffice 4.4, più bello e più snello
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Tutti gli Arretrati

IBM libera 500 brevetti software

Il principale detentore mondiale di brevetti software ne cederà 500 per uso gratuito a sviluppatori di software Open Source. È una briciola, ma forse è anche una svolta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-01-2005]

Sarà anche una mossa di marketing, ma il fatto è che 500 brevetti software saranno donati dalla IBM a progetti open source. Il modello di sviluppo basato sulla condivisione dei saperi, così lontano dalla filosofia industriale della IBM, guadagna un punto rispetto all'approccio tradizionale delle grandi industrie, teso a proteggere la proprietà intellettuale attraverso brevetti, copyright, marchi e leggi sul segreto industriale.

Tuttavia, non è ancora il caso di scendere in piazza a festeggiare: la decisione riguarda un numero irrisorio di brevetti per un gruppo che ne detiene 40.000 nel mondo (25.000 solo negli Stati Uniti). Nel solo 2004, l'US Patent and Trademark Office (PTO) ne ha concessi a IBM altri 3.248 (più che a qualunque altra società, e per il dodicesimo anno consecutivo!) e non crediamo che l'antifona cambierà nei prossimi anni.

La pratica convenzionale di accaparrarsi più brevetti possibile ed impedire a chiunque l'accesso alle innovazioni rivendicate, non è un incentivo allo sviluppo. Eppure la IBM, seguendo questa politica, ha guadagnato, secondo gli analisti, almeno un miliardo di dollari nel solo 2004 e solo per la concessione di licenze.

Ma proprio per questo la decisione appare una svolta, un segnale che qualcuno, anche tra i colossi dell'impero, ha capito che sta tirando un'aria nuova. Tra i brevetti liberalizzati, ci sono processi di link dinamici, protocolli per esportare i files, interoperabilità tra database e sistemi operativi, interfacce utente e gestione dell'internet. L'elenco dei brevetti IBM è disponibile qui.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (1)

Ignazio
Una possibile chiave di lettura... Leggi tutto
11-1-2005 16:30


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics