IBM libera 500 brevetti software

Il principale detentore mondiale di brevetti software ne cederà 500 per uso gratuito a sviluppatori di software Open Source. È una briciola, ma forse è anche una svolta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-01-2005]

Sarà anche una mossa di marketing, ma il fatto è che 500 brevetti software saranno donati dalla IBM a progetti open source. Il modello di sviluppo basato sulla condivisione dei saperi, così lontano dalla filosofia industriale della IBM, guadagna un punto rispetto all'approccio tradizionale delle grandi industrie, teso a proteggere la proprietà intellettuale attraverso brevetti, copyright, marchi e leggi sul segreto industriale.

Tuttavia, non è ancora il caso di scendere in piazza a festeggiare: la decisione riguarda un numero irrisorio di brevetti per un gruppo che ne detiene 40.000 nel mondo (25.000 solo negli Stati Uniti). Nel solo 2004, l'US Patent and Trademark Office (PTO) ne ha concessi a IBM altri 3.248 (più che a qualunque altra società, e per il dodicesimo anno consecutivo!) e non crediamo che l'antifona cambierà nei prossimi anni.

La pratica convenzionale di accaparrarsi più brevetti possibile ed impedire a chiunque l'accesso alle innovazioni rivendicate, non è un incentivo allo sviluppo. Eppure la IBM, seguendo questa politica, ha guadagnato, secondo gli analisti, almeno un miliardo di dollari nel solo 2004 e solo per la concessione di licenze.

Ma proprio per questo la decisione appare una svolta, un segnale che qualcuno, anche tra i colossi dell'impero, ha capito che sta tirando un'aria nuova. Tra i brevetti liberalizzati, ci sono processi di link dinamici, protocolli per esportare i files, interoperabilità tra database e sistemi operativi, interfacce utente e gestione dell'internet. L'elenco dei brevetti IBM è disponibile qui.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Ignazio
Una possibile chiave di lettura... Leggi tutto
11-1-2005 16:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (338 voti)
Febbraio 2016
iPhone 7, tutti i dettagli
Galaxy S7, il top di gamma di Samsung
Delta V, lo smartphone che si ricarica in tre modi ecologici
La Terra rallenta la rotazione, colpa dei ghiacciai che si sciolgono
Gennaio 2016
Dati sensibili e telefonate sospette
Google progetta di far morire le password
La lampadina a filamento del MIT, più efficiente di quelle a LED
''Sentenza Facebook'', cosa cambia in concreto
Smartphone a prezzi stracciati, armi, droghe e hacker in affitto
Antibufala: scoperto in Austria un telefonino di 800 anni fa!
I 10 siti per torrent più popolari
13 caratteristiche di chi è più intelligente della media
Microsoft, cosa aspettarci nel 2016
Dicembre 2015
I migliori prodotti hi-tech del 2015
Telecom partorisce una nuova azienda per evitare le multe
Tutti gli Arretrati


web metrics