Sempre precario il lavoro in Atesia

Nella più grande azienda italiana di telemarketing e call center, è in atto uno scontro tra i lavoratori e i sindacati ufficiali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-07-2005]

Lavoratori di Atesia in corteo, 22 giugno 2005
Lavoratori di Atesia in corteo, 22 giugno 2005

Atesia è la società di proprietà del Gruppo Cos di Alberto Tripi, che l'ha rilevata più di un anno fa da Telecom Italia, e che continua a mantenere una quota nella proprietà e a fornire la maggior parte delle commesse. E' la più grande società italiana di call center specializzati in telemarketing. In pratica se qualcuno vi telefona a casa per offrirvi un'Adsl Alice o un telefono cordless Aladino, al 90% lo sta facendo dalla sede di Atesia, dove sono impiegati circa 3.000 operatori.

In Atesia, che ha la sua sede principale a Roma, si sta verificando uno spiacevole e insolito scontro tra un collettivo autorganizzato di lavoratori, i cosiddetti "precari di Atesia" e le organizzazioni sindacali confederali: Nidil-Cgil (l'associazione della Cgil che organizza i lavoratori atipici), Fistel-Cisl, Cpo-Uil (la corrispondente della Nidil in Uil).

In sintesi, Cgil-Cisl-Uil hanno siglato un accordo con Atesia per la trasformazione di un certo numero di contratti a termine (già CoCoCo e Copro) in contratti di inserimento e apprendistato, cioè contratti potenzialmente più stabili, che potrebbero preludere a un'assunzione a tempo indeterminato (anche se non vi è certezza e i livelli salariali sono modesti); il collettivo autorganizzato contesta l'accordo e lotta invece per la trasformazione di tutti i contratti a tempo in contratti a tempo indeterminato.

C'è chi si accontenta di una soluzione graduale, prevista dalla legge 30 (detta anche Biagi), come fanno i sindacati ufficiali; e c'è chi contesta radicalmente la precarietà e i contratti sottopagati, come fa il collettivo, spalleggiato dai Cobas. Addirittura una delegazione del collettivo si è recata nella sede della Cgil nazionale in Corso Italia per contestare l'accordo e non è stata ricevuta, mentre alcuni scioperi autorganizzati hanno avuto un buon successo nelle settimane scorse.

Questo conflitto ora si acuisce: Atesia ha infatti messo in libertà in questi giorni circa 800 persone, invitandole a richiamare telefonicamente a settembre per sapere se ci sarà ancora lavoro per loro.

Il collettivo autorganizzato ha organizzato una protesta improvvisa con assemblee e presidi notturni. Per questo la direzione di Atesia ha licenziato quattro degli organizzatori della protesta per assemblee senza permesso, mentre i sindacati ufficiali hanno condannato queste proteste del Collettivo come inutili.

La contrapposizione tra gruppi spontanei di lavoratori, che portano avanti istanze più radicali, e il vertice sindacale, più moderato, è stata una delle caratteristiche dell'autunno sindacale degli anni '70. Ma allora i sindacati furono capaci di dialogare e confrontarsi con i contestatori, sapendone assorbire ragioni e portando al loro interno i delegati più rappresentativi; oggi, questa capacità sembra essere andata in crisi in Cgil-Cisl-Uil.

Questo è un grave limite proprio adesso che la politica della concertazione è andata in crisi: per la prima volta al vertice del Cnel (Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro) anzichè un sindacalista o un uomo gradito ai sindacati è stato nominato l'ex Ministro Antonio Marzano, mai tenero con i sindacati; gli industriali metalmeccanici, in un loro documento ufficiale, si spingono a chiedere limitazioni al diritto di sciopero anche nell'industria privata.

Le divisioni nel sindacato non si limitano ad Atesia: a Torino, è una bella notizia, la Nidil-Cgil vince una causa contro la Tim, obbligando l'azienda ad assumere un'operatrice che per tre anni aveva lavorato in Tim come interinale, venendo poi lasciata a casa; ma questa scelta delle vie giudiziarie non è condivisa da Cisl e Uil. Cisl e Uil però proclamano scioperi in difesa di un'altra lavoratrice, già interinale, licenziata dalla Tim nel periodo di prova e la Cgil si dissocia dalla scelta. Queste divisioni certo non aiutano la causa del sindacato e dei lavoratori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (4)

qualche info Leggi tutto
17-7-2006 03:11

{ateinpace}
atesia sciopero 25/11/2005 Leggi tutto
3-12-2005 00:56

{ateinpace}
grazie tolardo Leggi tutto
3-12-2005 00:49

mauro
così imparate a fidarvi dei sindacati. Io da sempre ho sempre sostenuto la totale incapacità, voluta, di risolvere qualcosa a favore dei lavoratori.Mauro
27-7-2005 16:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual lo strumento di informazione di cui ti avvali di pi?
I media tradizioniali (Tv, radio, stampa, ecc.)
Internet, soprattutto i siti autorevoli (Repubblica, Corriere, ecc.)
Internet, soprattutto i siti indipendenti o di controinformazione
Internet, soprattutto i social network (Twitter, Facebook, ecc.)
Non mi fido di nessun media e credo solo a quello che vedo

Mostra i risultati (2582 voti)
Febbraio 2017
Chi controlla la tua macchina a tua insaputa?
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Mozilla uccide Firefox OS e licenzia
Il trojan che imperversa sui sistemi Linux
Gennaio 2017
La rivincita delle musicassette
I 10 siti di torrent più popolari
Microsoft termina il supporto al Windows 10 originale
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Dicembre 2016
Quanto guadagna una celebrità da una foto su Instagram o Twitter? Tanto
Tutti gli Arretrati


web metrics