Sondaggio
Quando partecipi a una discussione, che cosa ti infastidisce al punto da spingerti ad abbandonarla?
L'accorgermi che l'argomento che mi interessa viene trattato con troppa superficialità.
Scoprire che un mio interlocutore cerca di convincermi della sua idea anziché confrontarsi sul tema.
Trovare, fra le persone con cui discuto, qualcuno arrogante e supponente.
Vedere che alcuni si esprimono in un pessimo italiano.
Notare che l'interlocutore si basa su fatti palesemente fasulli per motivare le sue affermazioni.

Mostra i risultati (2118 voti)
Aprile 2015
Nuove tariffe, Agcom chiede più trasparenza a Telecom Italia
Eliminare le funzionalità di Windows indesiderate
Auto senza chiave troppo facili da aprire
La guida alla banda larga Comune per Comune
È un treno? È un aeroplano? No, è Horizon
Il browser per navigare su piattaforma distribuita
La batteria prossima ventura
Carcerato manda via mail un falso ordine di scarcerazione
Modificare la schermata di login
Poteva cancellare tutti i video di Youtube e non l'ha fatto
WhatsApp, le chiamate vocali sono realtà
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
Attenzione a Whatsappchiamate
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Tutti gli Arretrati

Ballmer ironizza sui concorrenti, da Google ad Apple

Il CEO di Microsoft non si stanca di ironizzare su chi riesce a inventarsi prodotti di successo, dall'iPhone a Gmail. Che sia soltanto questione di uva acerba?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-03-2007]

Il pesce grosso mangia quello piccolo, ma ogni tan
Il pesce grosso mangia quello piccolo, ma ogni tanto ci si strozza.

Nel corso di una recente intervista durante il programma Business News alla CNBC, alla domanda di cosa ne pensasse dell'iPhone rispondeva "E' il telefono più costoso del mondo, non interesserà gli utenti business perché non ha la tastiera e quindi non è un buon apparecchio per le email. Noi abbiamo la nostra strategia... Guardo a quello e dico che mi piace la nostra stategia. Mi piace molto".

Pochi giorni dopo, durante una conferenza alla Stanford Graduate of Business School a Palo Alto, patria di Google, ha cercato ancora di minimizzare il successo di quest'ultimo: "Mirano al raddoppio nel giro di appena un anno... per me, è una pazzia".

Ballmer ha continuato poi a riferirsi al concorrente come a un fenomeno senza avvenire, "anche se riesce a fare abbastanza bene delle cosucce simpatiche. Ma noi siamo un'altra cosa: noi puntiamo sulla robotica e non credo che un insieme sconclusionato di persone che lavorano ognuno per proprio conto possa arrivare a risultati apprezzabili".

Con tutta probabilità il patron del colosso di Redmond intendeva riferirsi all'indirizzo di Google che permette al personale di impiegare un quinto delle ore lavorate allo sviluppo di progetti individuali.

La struttura strettamente gerarchica di Microsoft ha impiegato trent'anni per arriva all'odierna dimensione che conta 75.000 addetti, ha aggiunto Ballmer, come se fosse un merito e senza essere sfiorato dal sospetto che le proverbiali e onnipresenti falle in tutti i programmi possano in qualche modo derivare o essere enfatizzate da una errata organizzazione del lavoro.

Intanto Google, incurante degli attacchi, ha messo a segno un altro paio di colpi quanto meno a livello pubblicitario. Da un lato ha fatto filtrare voci secondo le quali sarebbe a buon punto le realizzazione di un cellulare avanzato ma basso costo, studiato -guarda il caso- proprio con Apple; dall'altro ha offerto gratuitamente le Google Apps alle Università in Kenya e Rwanda.

"Questo ci permetterà di unificare i servizi offerti alle istituzioni accademiche dei due paesi" ha commentato Albert Butare, ministro rwandese delle risorse energetiche e delle comunicazioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics