Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (2599 voti)
Novembre 2014
Licenziato per un Like su Facebook
E-book, il governo vuole l'IVA al 4%
Il tablet low cost di Nokia
Pwn2own, cadono tutti gli smartphone tranne Windows Phone
Il sottomarino supersonico che va a 5.800 km/h
Il sito dei guardoni: 73mila telecamere private hackerate
In fuga da WhatsApp, ma verso dove?
Ma quanto sono spione le ''smart TV''?
900 giochi arcade nel browser disponibili gratuitamente
Garante Privacy autorizza controllo dipendenti via Gps
Curriculum vitae, indicare solo l'essenziale
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Tutti gli Arretrati

Ballmer ironizza sui concorrenti, da Google ad Apple

Il CEO di Microsoft non si stanca di ironizzare su chi riesce a inventarsi prodotti di successo, dall'iPhone a Gmail. Che sia soltanto questione di uva acerba?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-03-2007]

Il pesce grosso mangia quello piccolo, ma ogni tan
Il pesce grosso mangia quello piccolo, ma ogni tanto ci si strozza.

Nel corso di una recente intervista durante il programma Business News alla CNBC, alla domanda di cosa ne pensasse dell'iPhone rispondeva "E' il telefono più costoso del mondo, non interesserà gli utenti business perché non ha la tastiera e quindi non è un buon apparecchio per le email. Noi abbiamo la nostra strategia... Guardo a quello e dico che mi piace la nostra stategia. Mi piace molto".

Pochi giorni dopo, durante una conferenza alla Stanford Graduate of Business School a Palo Alto, patria di Google, ha cercato ancora di minimizzare il successo di quest'ultimo: "Mirano al raddoppio nel giro di appena un anno... per me, è una pazzia".

Ballmer ha continuato poi a riferirsi al concorrente come a un fenomeno senza avvenire, "anche se riesce a fare abbastanza bene delle cosucce simpatiche. Ma noi siamo un'altra cosa: noi puntiamo sulla robotica e non credo che un insieme sconclusionato di persone che lavorano ognuno per proprio conto possa arrivare a risultati apprezzabili".

Con tutta probabilità il patron del colosso di Redmond intendeva riferirsi all'indirizzo di Google che permette al personale di impiegare un quinto delle ore lavorate allo sviluppo di progetti individuali.

La struttura strettamente gerarchica di Microsoft ha impiegato trent'anni per arriva all'odierna dimensione che conta 75.000 addetti, ha aggiunto Ballmer, come se fosse un merito e senza essere sfiorato dal sospetto che le proverbiali e onnipresenti falle in tutti i programmi possano in qualche modo derivare o essere enfatizzate da una errata organizzazione del lavoro.

Intanto Google, incurante degli attacchi, ha messo a segno un altro paio di colpi quanto meno a livello pubblicitario. Da un lato ha fatto filtrare voci secondo le quali sarebbe a buon punto le realizzazione di un cellulare avanzato ma basso costo, studiato -guarda il caso- proprio con Apple; dall'altro ha offerto gratuitamente le Google Apps alle Università in Kenya e Rwanda.

"Questo ci permetterà di unificare i servizi offerti alle istituzioni accademiche dei due paesi" ha commentato Albert Butare, ministro rwandese delle risorse energetiche e delle comunicazioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (0)

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics