iPhone, non tutto è Mela quel che luccica

Luci e ombre e prime considerazioni sull'ultima creatura partorita da Apple.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-10-2007]

ipod

Orange conferma che iPhone di Apple sarà distribuito in Europa già a fine novembre, ma intanto è stato possibile fare una prima valutazione sul campo da chi ha avuto a disposizione uno dei tanti modelli craccati.

Ovviamente le cose positive sono già state magnificate per dritto e per traverso; per un apparecchio che in definitiva costa da 400 euro in su vale invece la pena di elencare le cose che sembrano poco indovinate o che piacciono di meno.

La prima e più importante, anche se normalmente si sorvola a causa della sua ovvietà, è che il sistema escogitato dalla casa di Cupertino è e resterà chiuso anche se magari prima di Pasqua verrà distribuito un modello più consono ai gusti europei.

Infatti il terminale non supporta Umts ma solo Edge e Gprs (oltre al Wi-Fi), per cui una paginetta in Html viene aperta in tempi abbastanza lunghi; il browser Safari funziona bene ma restando almeno per ora non compatibile con Flash e se fosse stato il contrario sarebbe stata una novità epocale.

Inoltre resta esclusa nativamente la riproduzione dei brani WinMedia e DivX, che occorre convertire mediante uno dei programmi appositi che circolano da tempo in rete; ma la cosa poco "moderna" è l'impossibilità di registrare brevi filmati aggravata dalla mediocre risoluzione della camera alla quale manca sia un flash che la possibilità di regolare l'inquadratura magari solo mediante un piccolo zoom digitale.

Per finire, pochi si rendono conto di quanta sporcizia si portano appresso sulle mani anche le persone più schizzinose in fatto di pulizia; mancando la possibilità di usare uno stilo al posto delle dita, alla lunga (ma non troppo) il display si sporca e le manovre risultano errate senza un motivo apparente, facendo temere un guasto che in effetti non c'è.

Per immaginare la dimensione del problema basta guardare la console e il mouse che normalmente adoperiamo per convincersi all'uso pressoché quotidiano dell'apposita pezzuola in microfibra che Apple fornisce nella confezione del terminale.

Quanto al resto l'apparecchio è bello e tecnologicamente intrigante, anche se appare realizzato con una certa fretta forse per battere sul tempo i concorrenti; diventerà presto di uso comune, anche se il consiglio è di attendere alcuni mesi per l'acquisto perché i miglioramenti non dovrebbero farsi attendere troppo a lungo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

vedo che qualcuno inizia a svegliarsi e smetterla di osannarlo: hanno capito che il potere della pubblicità li ha sopraffatti e delusi... in aggiunta (nn si finisce mai di imparare :? ) leggo solo ora che non si può mandare file via bluetooth?! che cosa?? scherziamo davvero? tanti saluti io mi prendo un windows mobile o un symbian OS!... Leggi tutto
4-11-2007 13:01

{pippolo}
e' un mattone ... Leggi tutto
31-10-2007 20:43

Costa più del Nokia N95 e più di certi HTC, è meno dotato e molto delicato (vedi schermo), e in più è incompatibile con molti software e per giunta utilizzabile solo con pochissimi operatori. Per caso Apple ci ha preso per un branco di pirla? Io mi tengo il mio Nokia N73, e se voglio un lettore di musica me lo compero a parte, e i soldi... Leggi tutto
31-10-2007 14:19

Allora vediamo: Non supporta la rete UMTS; Non supporta i contenuti Flash; Non legge i file DiVX; certo che per un oggetto di quel prezzo sono menomazioni gravi. :-k Direi che la concorrenza sforna cellulari e smartphone più dotati e forse economicamente più convenienti, beh certo sono solo cellulari/smartphone, ma hanno il pregio di... Leggi tutto
31-10-2007 13:47

{DadeBond}
..e non solo.. Leggi tutto
31-10-2007 10:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (910 voti)
Luglio 2016
Il simil-MacBook economico di Xiaomi
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo
Meglio Telegram, Signal o WhatsApp?
Tim potrebbe licenziare 170 dirigenti su 600
TIM, aumenti in vista per ADSL e fibra
Con Ubuntu Snappy le dipendenze non sono più un incubo
Giugno 2016
In vendita lo smartphone da 3 euro
Godless è il nuovo malware che infetta Android
Mikko Hypponen spiega come hackerare una banca
Se un'auto elettrica finisce in acqua, si rimane folgorati?
Rivoluzione Linux con le snap di Ubuntu ovunque
OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto
Da Samsung lo smartphone che si srotola e diventa un tablet
Autovelox, riconoscimento targhe e volti tutto in uno
Tutti gli Arretrati


web metrics