Sondaggio
A partire da quale età è utile un telefono cellulare?
Prima degli 8 anni
Da 8 a 10 anni
Da 10 a 12 anni
Da 12 a 14 anni
Da 14 a 16 anni
Da 16 a 18 anni
Dopo i 18 anni

Mostra i risultati (1982 voti)
Febbraio 2015
100 trucchi per Windows 7 e Windows 8
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Velocizzare Windows all'avvio, selezionare più file senza la tastiera
Samsung Galaxy S6, ecco come pagarlo meno
La casa di Fazio dovrà rimanere segreta
Abilitare il God Mode, cancellare dati in modo sicuro e login automatico
Vulnerabilità nelle BMW, le auto in balia dei malintenzionati
Facebook adesso ti pedina ovunque su Internet
Galaxy S6, le immagini in anteprima
Arriva LibreOffice 4.4, più bello e più snello
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Tutti gli Arretrati

La Francia metterà on line i nomi dei pirati

Il Consiglio dei ministri di Sarkozy approverà la legge contro il peer to peer: taglio della connessione Internet e registro pubblico dei cosidetti pirati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-05-2008]

Nonostante il 10 aprile scorso il Parlamento europeo abbia approvato una raccomandazione che chiede agli Stati dell'Unione di non tagliare la connessione Internet a chi pratica il peer to peer per le opere cinematografiche e musicali coperte dal copyright, Sarkozy ha deciso di procedere ugualmente all'approvazione di questo discusso decreto anti-P2P.

Prima delle vacanze estive e, in particolare durante il Consiglio dei ministri francese dell'11 giugno, dovrebbe essere approvata la legge, i cui dettagli sono rivelati dal periodico "Le Point".

Chi pratica il P2P, la prima volta in cui viene scoperto, dovrebbe ricevere una prima "lettera di avvertimento" da parte del proprio provider; in caso di recidiva, una commissione formata da magistrati e funzionari gli comminerà la sospensione dalla fornitura del servizio Internet. Per evitare che l'internauta cambi semplicemente provider e ricominci con il file sharing, è previsto un registro pubblico on line di quanti sono stato individuati come rei.

Nel caso però il "pirata" dichiari di non farlo più, la sospensione non dovrà superare i dieci giorni. Secondo le autorità francesi questo tipo di legge avrebbe più una funzione "pedagogica" che repressiva e il "primo avviso" dovrebbe scoraggiare la maggior parte degli internauti.

E' possibile che il nuovo ministro della Cultura Sandro Bondi, che in occasione del Festival di Cannes si è incontrato con il suo collega francese (anche lui di centrodestra) e ha discusso proprio della lotta alla pirateria, sia intenzionato a proporre qualcosa di simile anche in Italia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Bauscia
Mah, io 20 film al mese non riuscirei a guardarli: davvero ce ne sono VENTI AL MESE degni di essere guardati? Io me li noleggio in videoteca e me li guardo quando mi pare - ci metto 4 minuti a piedi a raggiungere il noleggio, e altri 4 a tornare a casa. 8 Minuti, un film :D, vi sfido a superare la mia banda passante :wink: Cmq,... Leggi tutto
22-6-2008 16:32

{Franco}
FINALMENTE Leggi tutto
20-6-2008 14:53

joker87
E io che scarico le distro di linux e altre cose distribuite con licenza GPL con bittorrent? Spero che il decreto non sia veramente così generalista da bloccare l'uso generico del p2p!!! Qui mi sembra che tu stia vagamente esagerando: la tematica non è mica così tanto condivisa visto che la maggior parte della gente è favorevole ai... Leggi tutto
27-5-2008 15:38


merlin
anzi, almeno sara' l'occasione buona x formare veramente un'associazione internazionale fra tutti i castigati Leggi tutto
26-5-2008 20:50

Zbear
Ai francesi... Leggi tutto
26-5-2008 18:27


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics