Sondaggio
Secondo te quale di questi scienziati avrebbe meritato il premio Nobel?
Andrew Benson, per la scoperta del Ciclo di Calvin della fotosintesi clorofilliana.
Dmitri Mendeleev, per l'ideazione della tavola periodica degli elementi.
Fred Hoyle, per gli studi sulla nucleosintesi stellare.
Jocelyn Bell Burnell, per la scoperta delle pulsar.
Nikola Tesla, per i suoi lavori sulla trasmissione delle onde radio.
Albert Schatz, per la scoperta della streptomicina (rimedio contro la tubercolosi).
Chien-Shiung Wu, per i lavori sulla legge di conservazione della paritÓ.
Oswald Avery, per gli studi sulla trasmissione dei caratteri ereditari tramite DNA.
Douglas Prasher, per la scoperta della proteina fluorescente verde.
Lise Meitner, per il contributo ai lavori sulla fissione nucleare.

Mostra i risultati (1081 voti)
Maggio 2015
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Fastweb e Telecom Italia si alleano per la banda larga
La batteria all'alluminio che ricarica lo smartphone in 1 minuto
Aprile 2015
Copyright sui trattori, i contadini non possono ripararli
Quanto guadagna Facebook sui dati che gli regaliamo?
Tutti gli Arretrati

Web e Servizi Segreti

I drammatici avvenimenti di questi giorni riportano a galla il mondo dei servizi segreti, di spionaggio e controspionaggio, indispensabili dietro le quinte di ogni azione bellica. Sul loro funzionamento e sulla loro efficacia si è discusso molto, e molto si discuterà ancora, rispetto alla lotta contro il terrorismo. Vediamo la loro presenza nel Web negli Usa e in Italia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-10-2001]

Il mondo dei servizi segreti è un mondo su cui si riversano le fantasie dei ragazzi, le letture di tanti appassionati del genere, sul quale ogni anno esce un film di successo dedicato all'intramontabile James Bond. Purtroppo non si tratta soltanto di fiction: sul ruolo dei servizi segreti si è parlato molto in relazione alle terribili vicende di questi giorni; anche in Italia si sta parlando di un loro rilancio e rafforzamento.

Questo tema è parecchio delicato per il nostro Paese: la storia degli ultimi trent'anni della nostra democrazia (la storia ufficiale, quella degli atti parlamentari e giudiziari) ci parla di un ruolo oscuro e negativo dei servizi segreti italiani, più complici del terrorismo che capaci di contrastarlo, per cui si è parlato di "servizi deviati" ed eversivi.

Oggi si parla di dotare i servizi segreti italiani di maggiori mezzi e di maggiori poteri, con minori limitazioni per le intercettazioni telefoniche, informatiche e ambientali: sembrerebbe pronto un provvedimento del governo in questo senso. Si parla inoltre di aumentare gli organici dei servizi di "intelligence" con esperti di informatica, lingue straniere, finanza, attinti anche dalle università.

Pensiamo alla questione della prevenzione del cyberterrorismo e alla garanzia della privacy e della libertà del Web, che va difesa anche da eventuali invadenze del potere pubblico: vorrei cogliere un aspetto particolare ma, a mio avviso, non marginale.

L'attività di questi servizi di intelligence ha aspetti di natura fortemente riservata (anzi, segreta); comunque i servizi, essendo espressione di uno Stato democratico e al servizio di una società aperta, devono essere in grado di comunicare e farsi conoscere dalla società e dall'opinione pubblica.

Questo è quanto accade negli Usa e nessuno se ne stupisce. Non solo l'Fbi ha un proprio sito Web, con informazioni istituzionali, email e via dicendo, ma anche la Cia e lo spionaggio militare, la potente Nsa (National Security Agency ) delle Forze Armate Usa hanno i loro bravi siti.

Il cittadino che volesse stabilire un contatto (e si suppone che non sia solo un mitomane o un aspirante hacker), o che volesse fare domanda per entrare in uno di questi corpi, trova il suo bravo form, come per qualunque altro ente governativo. Questo non rende questi servizi di intelligence onnipotenti o invulnerabili, ma esprime uno stile apprezzabile in una democrazia.

Qual è la situazione in Italia? Il Sismi, il controspionaggio militare, che opera all'estero, non ha nessun sito "ufficiale"; il Sisde , il servizio segreto civile, alle dipendenze della Presidenza del Consiglio, che ha fra i suoi scopi anche la lotta al traffico di droga e alla criminalità organizzata oltreche al terrorismo, ha un sito che non è nient'altro che il sito di presentazione del bollettino di documentazione culturale del Sisde, inviato solo agli organi dello Stato. Questo sito ha una locandina in homepage che ammonisce i visitatori al rispetto delle legge e avvisa che chi lo visita è controllato... ma non si capisce perchè, vista l'innocuità ed inutilità del sito.

Speriamo che, oltre a chiedere più mezzi e soldi (oltretutto spesi male, se non addirittura contro lo Stato) queste importanti strutture sappiano fare un salto di qualità in termini di doverosa trasparenza e pubblicità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
I servizi segreti italiani assumono gli hacker

Commenti all'articolo (1)

Chiara
L'età della pietra!!! Leggi tutto
25-3-2004 21:04


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics