Avg scambia Windows per un virus

Il noto antivirus gratuito ha scambiato per dei trojan alcuni file di sistema, bloccando Windows.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-11-2008]

Avg scambia Windows trojan winsrv.dll user32.dll

Molti utenti del noto antivirus gratuito Avg sono stati vittime di un errore del programma, che ha scambiato alcuni file di sistema di Windows per dei virus, per la precisione i trojan PSW.Banker4.APSA e Generic9TBN.

Non è la prima volta che Avg prende un abbaglio, ma stavolta le conseguenze sono state piuttosto gravi: consigliando la rimozione di file essenziali come user32.dll e winsrv.dll, l'antivirus ha di fatto reso inutilizzabili molti sistemi.

Infatti, gli utenti che hanno dato retta al messaggio di avvertimento e hanno rimosso i file sospetti hanno scoperto che Windows non era più in grado di effettuare il boot, oppure che restava bloccato in un ciclo di riavvii senza fine (se era attiva l'opzione che imposta un riavvio automatico in caso di errore del sistema).

Sia la versione 8 che la più vecchia 7.5 sono state affette da questo problema, dovuto a delle firme errate; il database è ora stato aggiornato e l'ultima versione non riconosce più i file di sistema come pericolosi malware.

Chi fosse già rimasto vittima dell'errore di Avg può solo ripristinare i file dalla cartella C:\Windows\System32\dllcache o affidarsi all'utilità di riparazione del sistema contenuta nel Cd di Windows, col quale effettuare il boot.

Se nessuna di queste opzioni è disponibile e magari Windows Xp è rimasto fermo al Service Pack 2, l'installazione del Service Pack 3, eseguita dalla Modalità Provvisoria, risolve il sistema: questo metodo è stato testato su un Pc dove era stato rimosso winsrv.dll.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Kaspersky sotto accusa: avrebbe ingannato i concorrenti con falsi positivi

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 55)

Leggi tutto
16-11-2008 08:35

io,che sono un analfabeta informatico(o quasi) e che con la sola imposizione delle mani riesco a compromettere quasi ogni tipo di meccanismo anche solo parzialmente elettronico,deideravo ringraziare di cuore tutti coloro che hanno segnalato le loro esperienze riguardo a questa faccenda. non sapendone nulla,e non conoscendo nessuno che... Leggi tutto
14-11-2008 13:06

ecco che cosa è successo al computer di mio fratello :evil:
12-11-2008 16:54

si proprio quello.tnx :wink: Leggi tutto
12-11-2008 16:34

Ti riferisci a questo post? :wink: Non è scomparso affatto... Leggi tutto
12-11-2008 15:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (1280 voti)
Maggio 2016
Tre pianeti simili alla Terra distanti pochi anni luce da noi
Lo smartphone economico dell'ex CEO di Apple
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
L'asciugamani ad aria è un ricettacolo di virus
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Marzo 2016
L'FBI è entrata nell'iPhone del terrorista
Romanzo scritto dal computer va in finale per premio letterario
Il phishing di Equitalia
Il campo magnetico della felicità
Chiavetta Usb con butt plug: i tuoi dati in un posto veramente sicuro
WhatsApp, arrivano le chiamate cifrate
Google svela Android N
Tutti gli Arretrati


web metrics