Sondaggio
E' buona l'acqua del rubinetto?
Sì. La bevo quasi sempre.
No. Di solito bevo acqua in bottiglia.
Sì, ma di solito bevo acqua in bottiglia.

Mostra i risultati (4706 voti)
Aprile 2015
Auto senza chiave troppo facili da aprire
La guida alla banda larga Comune per Comune
È un treno? È un aeroplano? No, è Horizon
Il browser per navigare su piattaforma distribuita
La batteria prossima ventura
Carcerato manda via mail un falso ordine di scarcerazione
Modificare la schermata di login
Poteva cancellare tutti i video di Youtube e non l'ha fatto
WhatsApp, le chiamate vocali sono realtà
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
Attenzione a Whatsappchiamate
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Microsoft manda in pensione Internet Explorer dopo 20 anni
La chiavetta Usb che ti frigge il Pc
Tutti gli Arretrati

La studentessa che spamma i professori

Utilizzava i computer dell'università per inviare mail di protesta, ora rischia la sospensione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-12-2008]

Lo scorso 15 settembre Kara Spencer, a capo dell'associazione degli studenti della Michigan State University, è venuta a conoscenza della proposta di ridurre di due giorni il semestre autunnale e il Fall Welcome (un periodo di ambientamento per le matricole, solitamente di quattro giorni).

Non trovandosi d'accordo, non ha trovato modo più efficace di esprimere il proprio disappunto di inviare una mail a 391 professori dell'università, criticando in particolare il poco tempo concesso agli studenti per discutere della poposta (come limite era stato fissato il 30 settembre).

Il problema è sorto quando una professoressa di biologia, Katherine Gross ha informato del fatto il Direttore del dipartimento IT dell'università, Randall Hall, il quale ha poi contattato direttamente la Spencer, accusandola di non aver rispettato le policy della scuola.

Per l'invio delle proprie mail, infatti, Kara Spencer ha usato l'account scolastico, e dunque i server dell'università. Solo che Hall ha equiparato questa mossa all'invio di spam ravvisando la violazione della Email Acceptable Use Policy, e perciò è stato avviato un procedimento disciplinare nei confronti della studentessa.

Il 2 dicembre c'è stata l'audizione di Kara Spencer e a breve è attesa la decisione della commissione disciplinare, ma c'è già chi parla di sospensione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)


chemicalbit
In effetti anche io non sono affatto sicuro (perlomeno da quello che so, quello che c'è scritto nell'articolo) di poter considerare "spam" quelle email: non ha mandato email ad indirizzi a casaccio, sperando "nel mucchio qualche indirizzo buono lo beccherò, e tra questi beccherò qualcuno interessato al mio prodotto".... Leggi tutto
12-12-2008 19:54


ioSOLOio
considerazioni che condivido quelle di catie. Definire spam questa protesta (con questo numero di mail) è effettivamente un poco una forzatura, quanto meno cercare di interpretare assolutamente alla lettera una definizione
12-12-2008 17:08

catie
si può chiamare spam una legittima protesta? Leggi tutto
11-12-2008 09:37


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics