La studentessa che spamma i professori

Utilizzava i computer dell'università per inviare mail di protesta, ora rischia la sospensione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-12-2008]

Lo scorso 15 settembre Kara Spencer, a capo dell'associazione degli studenti della Michigan State University, è venuta a conoscenza della proposta di ridurre di due giorni il semestre autunnale e il Fall Welcome (un periodo di ambientamento per le matricole, solitamente di quattro giorni).

Non trovandosi d'accordo, non ha trovato modo più efficace di esprimere il proprio disappunto di inviare una mail a 391 professori dell'università, criticando in particolare il poco tempo concesso agli studenti per discutere della poposta (come limite era stato fissato il 30 settembre).

Il problema è sorto quando una professoressa di biologia, Katherine Gross ha informato del fatto il Direttore del dipartimento IT dell'università, Randall Hall, il quale ha poi contattato direttamente la Spencer, accusandola di non aver rispettato le policy della scuola.

Per l'invio delle proprie mail, infatti, Kara Spencer ha usato l'account scolastico, e dunque i server dell'università. Solo che Hall ha equiparato questa mossa all'invio di spam ravvisando la violazione della Email Acceptable Use Policy, e perciò è stato avviato un procedimento disciplinare nei confronti della studentessa.

Il 2 dicembre c'è stata l'audizione di Kara Spencer e a breve è attesa la decisione della commissione disciplinare, ma c'è già chi parla di sospensione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

In effetti anche io non sono affatto sicuro (perlomeno da quello che so, quello che c'è scritto nell'articolo) di poter considerare "spam" quelle email: non ha mandato email ad indirizzi a casaccio, sperando "nel mucchio qualche indirizzo buono lo beccherò, e tra questi beccherò qualcuno interessato al mio prodotto".... Leggi tutto
12-12-2008 19:54

considerazioni che condivido quelle di catie. Definire spam questa protesta (con questo numero di mail) è effettivamente un poco una forzatura, quanto meno cercare di interpretare assolutamente alla lettera una definizione
12-12-2008 17:08

si può chiamare spam una legittima protesta? Leggi tutto
11-12-2008 09:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (611 voti)
Febbraio 2017
Se la spia del computer fa la spia
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Mozilla uccide Firefox OS e licenzia
Il trojan che imperversa sui sistemi Linux
Gennaio 2017
La rivincita delle musicassette
I 10 siti di torrent più popolari
Microsoft termina il supporto al Windows 10 originale
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Tutti gli Arretrati


web metrics