Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3039 voti)
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Google lancia Inbox, l'email intelligente
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Tutti gli Arretrati

La studentessa che spamma i professori

Utilizzava i computer dell'università per inviare mail di protesta, ora rischia la sospensione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-12-2008]

Lo scorso 15 settembre Kara Spencer, a capo dell'associazione degli studenti della Michigan State University, è venuta a conoscenza della proposta di ridurre di due giorni il semestre autunnale e il Fall Welcome (un periodo di ambientamento per le matricole, solitamente di quattro giorni).

Non trovandosi d'accordo, non ha trovato modo più efficace di esprimere il proprio disappunto di inviare una mail a 391 professori dell'università, criticando in particolare il poco tempo concesso agli studenti per discutere della poposta (come limite era stato fissato il 30 settembre).

Il problema è sorto quando una professoressa di biologia, Katherine Gross ha informato del fatto il Direttore del dipartimento IT dell'università, Randall Hall, il quale ha poi contattato direttamente la Spencer, accusandola di non aver rispettato le policy della scuola.

Per l'invio delle proprie mail, infatti, Kara Spencer ha usato l'account scolastico, e dunque i server dell'università. Solo che Hall ha equiparato questa mossa all'invio di spam ravvisando la violazione della Email Acceptable Use Policy, e perciò è stato avviato un procedimento disciplinare nei confronti della studentessa.

Il 2 dicembre c'è stata l'audizione di Kara Spencer e a breve è attesa la decisione della commissione disciplinare, ma c'è già chi parla di sospensione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (3)


chemicalbit
In effetti anche io non sono affatto sicuro (perlomeno da quello che so, quello che c'è scritto nell'articolo) di poter considerare "spam" quelle email: non ha mandato email ad indirizzi a casaccio, sperando "nel mucchio qualche indirizzo buono lo beccherò, e tra questi beccherò qualcuno interessato al mio prodotto".... Leggi tutto
12-12-2008 19:54


ioSOLOio
considerazioni che condivido quelle di catie. Definire spam questa protesta (con questo numero di mail) è effettivamente un poco una forzatura, quanto meno cercare di interpretare assolutamente alla lettera una definizione
12-12-2008 17:08

catie
si può chiamare spam una legittima protesta? Leggi tutto
11-12-2008 09:37

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics