Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (1902 voti)
Luglio 2015
Debutta Windows 10, che fare?
Le app vampiro che fanno morire la batteria all'insaputa dell'utente
Google Maps ricorda tutti i posti dove sei stato
Mentos e Coca-Cola, lo spiegone scientifico
Windows 10, c'è già la data di morte
Aggiornamento d'emergenza per tutte le versioni di Windows
Antibufala: a settembre un asteroide colpirà la Terra!
Sbloccare un programma che non risponde
A cosa serve realmente la rimozione sicura dei dispositivi?
WikiLeaks pubblica un milione di mail di Hacking Team
Lo spione spiato: Hacking Team si fa fregare 400 giga di dati
I Carabinieri sperimentano la pistola smart
L'auto che si restringe per parcheggiare meglio
La lampadina a Led più economica del mondo
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Tutti gli Arretrati

La macchina che ti "scannerizza" il cervello

Analizzando l'ippocampo è possibile capire in quali luoghi una persona è stata e persino predire dove avrà intenzione di andare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-04-2009]

Scanner cerebrale memoria spaziale ippocampo
Foto via Fotolia

La possibilità di registrare i pensieri direttamente dal cervello si avvicina ancora un po': un gruppo di ricercatori britannico guidato da Eleanor Maguire ha scoperto come ricavare informazioni spaziali (sulla posizione del soggetto esaminato) dall'ippocampo.

Inizialmente si credeva che i ricordi relativi ai luoghi venissero registrati a caso nel cervello; invece, le ricerche della Maguire hanno rivelato come siano ravvisabili degli schemi identificabili proprio relativi alle memorie spaziali.

In una prima fase degli studi la ricercatrice inglese ha analizzato un gruppo di tassisti londinesi: soggetti dall'ippocampo particolarmente sviluppato grazie agli anni impiegati a navigare mentalmente nelle vie della città. In questo modo ha potuto selezionare alcuni gruppi di neuroni su cui concentrarsi.

In un secondo tempo il team ha messo in correlazione gli schemi riconoscibili nell'ippocampo (ottenuti misurando il flusso sanguigno tramite una macchina per la risonanza magnetica funzionale) con alcuni movimenti di test, scoprendo di poter usare questi stessi schemi per predire i movimenti - o per capire a quali movimenti una persona stia pensando, se si immagina in un dato ambiente.

Il prossimo passo è allargare il campione da studiare, ma la dottoressa Maguire è ottimista: "Impariamo sempre di più su come si creano e conservano i ricordi".

Queste ricerche potrebbero aiutare i pazienti affetti da Alzheimer, per i quali la perdita di memoria va di pari passo con il disorientamento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Chissa cosa potrebbero scoprire scannerizzando il cervello di Mario Chiesa! :? Si visualizzerebbero solo mazzette!!!!!!!! :twisted:
1-4-2009 13:56

Leggi tutto
1-4-2009 12:22

Leggi tutto
1-4-2009 12:18

Ma infatti! Io mi riferivo a link ! Leggi tutto
1-4-2009 12:17

Leggi tutto
1-4-2009 12:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics