Mega trova casa in Nuova Zelanda

Dopo aver perso il dominio in Gabon, il nuovo Megaupload si trasferisce in Nuova Zelanda, patria adottiva di Kim Dotcom.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-11-2012]

kim dotcom nz

All'inizio del mese, Kim Dotcom aveva annunciato che i piani per il ritorno di Megaupload stavano procedendo bene, tanto da poter rivelare il dominio che avrebbe ospitato il nuovo servizio.

Nelle intenzioni di Dotcom, il successore del popolare cyberlocker avrebbe dovuto essere Me.ga, un sito che avrebbe adoperato il TLD del Gabon - .ga, per l'appunto - e avrebbe avuto un indirizzo semplice, breve e facile da ricordare.

Il sogno non durò a lungo: non appena l'annuncio arrivò alle orecchie del governo gabonese, il Ministro delle Comunicazioni del Paese africano si affrettò a bloccare il dominio affermando che «il Gabon non può essere usato come piattaforma per commettere azioni atte a violare il diritto d'autore».

Per quanto deluso, tuttavia, Kim Dotcom non s'è certo dato per vinto, sostenendo di aver già pronto un dominio alternativo.

Ora tale dominio è stato rivelato: si tratta di Mega.co.nz, il che significa che Mega avrà la propria base in Nuova Zelanda.

Non c'è nulla di cui sorprendersi, in fondo: la Nuova Zelanda è il Paese che da tempo Kim Dotcom chiama "casa" e che, per bocca del proprio Primo Ministro, ha rivolto al fondatore di Megaupload le scuse per il raid condotto nel gennaio scorso.

«Il sistema giudiziario in Nuova Zelanda funziona. I giudici sono indipendenti e non influenzati dalla politica. È stata questa la nuova esperienza sinora» ha dichiarato Dotcom motivando la propria scelta e pensando forse al giudice che ha definito illegale l'operazione di sequestro.

Il battagliero uomo d'affari s'è anche lasciato andare a qualche frecciatina: «Il primo ministro John Key può cenare con i dirigenti di Hollywood e i lobbysti che difendono il copyright tutte le volte che vuole. La realtà è che il governo della Nuova Zelanda, che ha agito come una consociata del governo statunitense, non è al di sopra della legge».

«Una cosa è certa» ha concluso Dotcom. «Il nuovo Mega diventerà un successo commerciale. Ci permetterà di pagare i migliori team di avvocati difensori che il denaro possa comprare e di lanciare l'offensiva contro tutti quei Paesi che gli USA hanno trascinato in questa follia».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA