Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1209 voti)
Settembre 2015
Da LinkedIn 9 consigli per chi inizia un nuovo lavoro
Da oggi Chrome e Amazon bloccano Flash negli spot
La bici che ha mandato in crisi l'auto di Google
Agosto 2015
Windows 10 Mobile è troppo grasso
Samsung Galaxy Note 5, scoppia il ''Pengate''
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent
Apple, arriva l'iPad Pro
L'e-diesel senza gasolio di Audi, carburante ''pulito''
Tutti i grandi spioni di Facebook: come aggirarli
Apple chiude tutti i Macbook di 6 gradi
NASA: razzi senza carburante con motore a microonde
La lente bionica per correggere i difetti di vista meglio del laser
Kim Dotcom: State lontani da Mega
Google cambia nome: nasce Alphabet
Un trucco per velocizzare Android (o rallentarlo fino alla morte)
Tutti gli Arretrati

L'Unione Europea approva il ballottaggio dei browser

La schermata che fa scegliere agli utenti di Windows il browser preferito piace. La lunga guerra tra Microsoft e l'Antitrust si avvia alla conclusione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2009]

Microsoft Antitrust UE Ballot Screen browser

Lontano dai clamori, silenziosamente, il Commissario Europeo alla Concorrenza Neelie Kroes e l'amministratore delegato di Microsoft Steve Ballmer hanno cercato in questo mesi di risolvere il contenzioso che contrappone da lungo tempo l'azienda di Redmond e l'Unione Europea.

Finalmente sembra che Microsoft abbia accolto tutte le richieste avanzate dall'UE e abbia proposto un sistema per non discriminare i browser concorrenti a vantaggio del proprio Internet Explorer: la soluzione - che piace all'Europa - è il già noto ballot screen.

"Ritengo che stiamo facendo un accordo che dà fiducia" ha spiegato Neelie Kroes in una conferenza stampa. "Non può esserci un fraintendimento poiché è il risultato finale di un lungo dibattito tra Steve Ballmer e la sottoscritta".

Rispetto alla versione della schermata inizialmente presentata da Microsoft, quella che equipaggerà i Pc con Windows 7 disporrà dei miglioramenti apportati durante l'estate a seguito dei test di mercato condotto dall'Unione Europea.

Ci saranno 12 browser alternativi tra cui gli utenti potranno scegliere: al momento i concorrenti sono solo 4 (Firefox, Safari, Opera e Chrome); per essere presenti, i produttori dei vari software che ambiscono a occupare gli spazi vuoti dovranno dimostrare di avere una certa diffusione nel Vecchio Continente.

Da oggi e fino al 7 novembre i consumatori e gli operatori del settore hanno tempo per esprimere i propri commenti alla soluzione proposta dalla Commissione. Se non ci saranno obiezioni rilevanti, la faccenda verrà chiusa entro la fine dell'anno.

Microsoft è soddisfatta della decisione europea; la Commissione è soddisfatta dell'accondiscendenza di Microsoft. Ora resta da vedere come e quanto ne guadagneranno la concorrenza e gli utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Iron, questo sconosciuto... Leggi tutto
9-10-2009 00:17

È un piccolo passo avanti verso un libero mercato. Ma manca ancora un sacco di strada da fare. Piccola obiezione: per essere veramente neutrali, la finestra della scelta dovrebbe posizionare i vari browser in ordine casuale; solo così sarebbe davvero l'utente a fare una scelta consapevole. In ogni caso l'unica vera soluzione seria è... Leggi tutto
8-10-2009 00:58

Come detto in precedenza è una soluzione palliativa, ma almeno permette a tutti i contendenti di salvare la faccia ed ha microsoft di creare un precedente internazionale da usare in altri casi ( media player, antivirus, IM, grafica, server di posta, compressione, criptazione) di contestazione per l'uso di software in posizione dominante.... Leggi tutto
7-10-2009 18:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics