Il reggiseno pensato per essere sfilato

Sembra un normale reggiseno ma in un attimo si trasforma in due maschere antigas. La sua ideatrice ha così vinto il Premio Ignobel 2009.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-10-2009]

Elena Bodnar maschera antigas reggiseno

Elena Bodnar, quand'era nella natia Ucraina, rimase scioccata dagli effetti devastanti dell'incidente di Chernobyl e, in particolare, sulle conseguenze dell'inalazione dello iodio-131.

Già allora, nel 1986, pensò che sarebbe stata una fortuna se tutti avessero avuto una maschera antigas a portata di mano: qualcosa da tenere sempre con sé e da utilizzare alla bisogna.

Notò in quell'occasione che alcune donne usavano indossare davanti al volto i propri reggiseno, ma sfortunatamente questo non bastava a fermare lo iodio-131. L'idea, però, le rimase in testa.

Così, 23 anni dopo quegli avvenimenti, Elena Bodnar ha concretizzato l'intuizione nata allora producendo una soluzione inimitabile (perché coperta da brevetto): creare un reggiseno che si possa trasformare in non una ma due maschere antigas. Evidentemente la dottoressa Bodnar deve aver pensato anche agli uomini, che tendenzialmente pare non indossino reggiseno.

L'invenzione di Elena Bodnar, che resta pur sempre una scienziata, è stata così apprezzata da meritare l'assegnazione di un premio Ignobel per la Salute Pubblica alla diciannovesima cerimonia annuale, dove ha dato anche una dimostrazione trasformando alcuni graziosi reggiseno rosa in maschere antigas e consegnandoli ai veri premi Nobel presenti.


Elena Bodnar fa provare un reggiseno antigas
a Wolfgang Ketterle, Premio Nobel 2001 per la fisica.

Secondo la dottoressa Bodnar la sua invenzione sarebbe stata utilissima anche durante gli attacchi dell'11 settembre 2001.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il reggiseno bionico che solleva e sistema il seno alla perfezione

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

non ce frega,basta che ti salvi la vita Leggi tutto
14-11-2009 19:12

Era una battuta ma hai ragione: la prossima volta, alla battuta allegherò un discorso serio così potrai vedere la differenza e non equivocare sul senso della cosa. :madai: Leggi tutto
11-11-2009 16:02

Caro Mauro la tua domanda è interessante: aspetta che me la giro un momento e poi mi rispondo, dopodiché ti aggiorno su quello che penso a riguardo.. ...Sì? :roll: ...Come? :shock: ...Ah, vabbé ok ora glielo dico. :) Dunque: Sì ci ho pensato. In realtà i politici non conoscono solo il politichese ma soprattutto il loro dialetto... Leggi tutto
11-11-2009 15:59

E perchè non potrebbe avere un seno odoroso e profumato? Cosa credete, che tutte le donne siano solo delle sporcaccione e che non si lavino mai o che siano l'accozzaglia di porcate che vengono di loro dette dalla pubblicità, con creme, deodoranti, pannolini, pannoloni, salvaslip lavande, perdite maleodoranti, che le fanno sembrare... Leggi tutto
11-11-2009 05:08

Abbiamo capito cosa vuoi dire, ma hai mai pensato ai poveri politicanti che sono abituati solo al Politichese? Un normale linguaggio dotto e forbito come questo li farebbe stendere o li farebbe impazzire.....O ce l'hai con le persone come DI PIETRO? Eh Eh Eh :lol: :lol: :lol: :D Leggi tutto
11-11-2009 04:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (347 voti)
Febbraio 2017
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Mozilla uccide Firefox OS e licenzia
Il trojan che imperversa sui sistemi Linux
Gennaio 2017
La rivincita delle musicassette
I 10 siti di torrent più popolari
Microsoft termina il supporto al Windows 10 originale
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Dicembre 2016
Quanto guadagna una celebrità da una foto su Instagram o Twitter? Tanto
Il governo si prepara a entrare in Telecom Italia
Arrestato per aver venduto set-top box con Kodi
Tutti gli Arretrati


web metrics