Tribunale Roma: YouTube dovrà cancellare il Grande Fratello

Le clip presenti in Rete violano i diritti di Mediaset e devono sparire. Ma Google non sa come fare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-12-2009]

Google rimuova Grande Fratello da YouTube
Foto via Fotolia

Il Grande Fratello deve sparire da YouTube: il Tribunale di Roma, dando ragione a Mediaset, ha imposto a Google di cancellare ogni clip relativa all'edizione di quest'anno della trasmissione dalla piattaforma di condivisione video.

Secondo Mediaset, che tra il 26 e il 27 ottobre ha condotto le proprie indagini, YouTube ospiterebbe "oltre 542 minuti di emesso"; la loro presenza configura una violazione, da parte di Google, dei diritti di proprietà intellettuale sul marchio e sul logo Grande fratello appartenenti a Mediaset che, sola, può sfruttarli.

Secondo l'accusa Google non può invocare il diritto di cronaca: starebbe semplicemente sfruttando la proprietà altrui per trarre il proprio guadagno; per questo Mediaset ha chiesto 10.000 euro per ogni minuto di trasmissione presente in rete e altri 10.000 euro per ogni giorni di ritardo nell'adempiere all'ordine del Tribunale.

Sui risarcimenti, il giudice ha preferito prendere tempo e lasciar modo a Google di rimuovere i contenuti senza fissare una penale; in ogni caso l'ha riconosciuta colpevole di un'attività "palesemente e reiteratamente lesiva dei diritti".

Google aveva provato a difendersi sostenendo di trovarsi nella semplice posizione di un fornitore di spazio che poi altri - gli utenti - riempiono come a loro pare meglio; secondo il Tribunale, invece, dato che Google è in grado di organizzare i contenuti di YouTube "anche a fini di pubblicità" si comporta come un editore e per questo è anche responsabile sui contenuti stessi.

Pertanto tutti i video vanno rimossi, ma non solo: non ne devono più apparire. Inoltre Google deve fare tutto in autonomia: non è Mediaset a dover indicare quali video togliere, ma il motore di ricerca deve identificarli da sé, cosa che ritiene praticamente impossibile.

Google aveva offerto il sistema VideoID, usato anche dalla Rai, per tenere sotto controllo i filmati; Mediaset non ha voluto avvalersene e ora Google si trova nella scomoda posizione di dover adempiere a un ordine senza sapere bene come fare. Non disponendo di "un sistema di filtraggio e di monitoraggio come quello prescritto nella sentenza" (come ha spiegato Marco Pancini, European Policy Counsel di Google, la situazione si prospetta difficile.

Sarebbe sufficiente - sostiene ancora Google - che Mediaset e RTI collaborassero e indicassero i contenuti da rimuovere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

I figli me li tengo ben stretti, non temere, anzi ancora più da conto visto il mondo in cui si accingono a vivere... Comunque ti ringrazio molto per l'attestazione di stima (è reciproca...). Riguardo le possibili azioni di Google... Sono estremamente pessimista: figurati se si metteranno lancia in resta a fare una crociata proprio... Leggi tutto
20-12-2009 23:47

Roberto, dai, tienteli stretti i tuoi figli, se hanno preso dal padre, e usano anche loro la testa, sapranno districarsi in questo mondo di M.... Spero che youtube (anzi google) li sgami, non gli mancano certo i mezzi tecnici, dopodiché gli piantino su una causa con una richiesta danni tali da far fallire merdaset (google ha i soldi... Leggi tutto
19-12-2009 23:27

Beato te, io ho due figli e sono preoccupatissimo per loro... Comunque voglio dare ragione a andres e amldc. E' evidente che loro stessi sparano video a raffica in YouTube per poi battere cassa. Altrimenti per quale motivo avrebbero rifiutato il sistema VideoID? D'altra parte la strategia paga, come ha dimostrato quell'altro squalo... Leggi tutto
19-12-2009 10:35

Ciao, non è che ho visto troppo G.F. se lo critico così. Me lo hanno imposto in tutte le salse su tutti i canali su tutte le ore e sui telegiornali oltre che le riviste per i programmi TV. E sto parlando di quelle semplici senza spetteguless, ossia Telesette e Telepiù. Perchè c'erano le locandine o le illustrazioni dei film, per cui... Leggi tutto
19-12-2009 03:09

Ma che palle, sempre il nano! Ma che palle, ancora il grande fratello, la più pallosa trasmissione mai realizzata! Però è utile, si capisce, guardando la "varia umanità" che lo popola, come sia stato possibile che sforza itaGlia, abbia preso tutti quei voti! :roll: Che 'gnuranz, che gioventù di merd.... sono sempre più... Leggi tutto
19-12-2009 00:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1040 voti)
Febbraio 2016
iPhone 7, tutti i dettagli
Galaxy S7, il top di gamma di Samsung
Delta V, lo smartphone che si ricarica in tre modi ecologici
La Terra rallenta la rotazione, colpa dei ghiacciai che si sciolgono
Gennaio 2016
Dati sensibili e telefonate sospette
Google progetta di far morire le password
La lampadina a filamento del MIT, più efficiente di quelle a LED
''Sentenza Facebook'', cosa cambia in concreto
Smartphone a prezzi stracciati, armi, droghe e hacker in affitto
Antibufala: scoperto in Austria un telefonino di 800 anni fa!
I 10 siti per torrent più popolari
13 caratteristiche di chi è più intelligente della media
Microsoft, cosa aspettarci nel 2016
Dicembre 2015
I migliori prodotti hi-tech del 2015
Telecom partorisce una nuova azienda per evitare le multe
Tutti gli Arretrati


web metrics