Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1204 voti)
Settembre 2014
Chiude Italia.it, costato 60 milioni di euro
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Chiavi stampate 3D, un business per i topi d'appartamento
Eee PC, Asus ci riprova
Le false antenne cellulari che intercettano chiamate e messaggi
Sfondare le reti Wi-Fi al primo tentativo
Come disinstallare definitivamente il software
Agosto 2014
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Il divano che si trasforma in letto a castello
Tutti gli Arretrati

Siae, equo compenso anche per cellulari e Pc

Il decreto Bondi estende il compenso per la copia privata a telefonini, decoder e computer. La Siae: "Non è una tassa".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-01-2010]

La Siae aveva fatto la promessa alla metà del mese scorso e adesso, puntuale come sempre quando si tratta di incamerare altri soldi, la mantiene: l'equo compenso sarà presto esteso a Pc e telefonini.

Quanto presto? Molto. Il Ministro per i Beni Culturali, Sandro Bondi, ha firmato il 30 dicembre il decreto relativo, la cui entrata in vigore è attesa a giorni.

I cellulari, i computer, i lettori Mp3 e i decoder subiranno quindi un aumento di prezzo (il cui ricavato finirà nelle casse della Siae) in quanto ritenuti sistemi atti a permettere la duplicazione di opere protette dal diritto d'autore; ciò è quanto già avviene per Cd, Dvd e dischi rigidi, grazie ai quali la Siae ha finora ricavato circa 70 milioni di euro.

Secondo le stime di Confindustria e Assinform questa cifra, grazie al nuovo decreto, riuscirà a quadruplicare, raggiungendo i 300 milioni: la Siae, l'ente che non piace nemmeno a coloro che dovrebbe rappresentare, si arricchirà ulteriormente.

L'equo compenso non è una trovata spiccatamente italiana: è stato istituito in recezione di una normativa europea ma, rispetto alle altre nazioni dell'Unione, ha assunto proporzioni gigantesche. Inoltre raggiunge ora dispositivi che nulla hanno a che vedere con la duplicazione di opere o che non posso essere usati a questo scopo (come i decoder con hard disk di Sky, inutili a scopi di pirateria).

La Siae è già partita in quarta nel difendere la nuova norma, sottolineando come non di tassa si tratti, ma di diritto d'autore: a chi non veda la differenza, la Siae in una nota spiega che i diritti d'autore sono lo stipendio di chi crea le opere, e dunque è giusto che esso sia applicato a tutte le forme di sfruttamento delle opere stesse.

Per questo motivo, secondo la Società diventa persino ovvio il motivo per il quale ciascuno debba pagare più di prima un telefonino che userà per scattare delle foto personali o dove conserverà della musica che avrà estratto dai Cd originali in suo possesso (per i quali, dunque, ha già pagato a sufficienza).

Le obiezioni della Siae a chi si oppone (peraltro inutilmente, visto che il decreto è già stato firmato) all'equo compenso non si fermano qui: essa ricorda che il denaro così raccolto non si fermerà nelle casse della Società, ma vi transiterà solo, per raggiungere poi gli aventi diritto; il fatto che proprio gli "aventi diritto", come fatto notare più sopra, si siano lamentati in una lettera aperta di non ricevere gli utili - usati per coprire i costi di gestione - dev'essere sfuggito.

Addirittura, la Siae definisce l'equo compenso tutto il contrario di uno svantaggio per il consumatore, perché "permette la fruizione per l'uso personale delle opere a costi estremamente più bassi rispetto a quelli dell' originale".

Il ragionamento è solo apparentemente contraddittorio: senza equo compenso - sostiene la Siae - è vero che Cd e Dvd (e tutto quanto andrà presto ad aggiungersi) costerebbero meno, ma farsi delle copie personali sarebbe vietato, e dunque chi volesse un backup delle proprie canzoni preferite non avrebbe alternativa oltre a comprare due originali: invece, grazie all'equo compenso, può fare la copia da sé usando un supporto vergine (pagato più del costo di produzione e distribuzione del supporto stesso proprio per coprire la mancata vendita di un originale).

Stante tutto ciò, una "memoria o hard disk integrato in un apparecchio multimediale audio e video portatile o altri dispositivi analoghi" (come recita il decreto) vedrà crescere il proprio costo di 3,22 euro se il proprio spazio di memorizzazione sarà inferiore a 1 Gbyte e di una cifra progressivamente maggiore se lo spazio sarà superiore, fino a 28,98 euro per i dispositivi che dispongono di più di 250 Gbyte di spazio.

Il decreto (che si può trovare online in formato Pdf) è molto specifico nel definire il tariffario, le cui cifre chiaramente andranno a crescere con il passare del tempo.

Tra tre anni è previsto l'aggiornamento del decreto stesso; nel frattempo, è istituito un "tavolo di lavoro" che dovrebbe comprendere "tutti gli interessati" per monitorare il mercato dei dispositivi e la sua evoluzione a seguito dell'introduzione degli aumenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
La tassa sull'equo compenso e il governo Renzi
SIAE, l'equo compenso aumenta del 500%

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 46)

{utente anonimo}
Equo per chi? Leggi tutto
31-1-2010 14:25


digirun
Ma io sono d'accordo, d'accordissimo con quel figliol d'un can! Voglio pagare, se leggo i suoi giornali online (tanto non li leggo, non mi fido più di NESSUN GIORNALISTA, son tutti pagati per stare asserviti) Ma NON voglio certo pagare per visitare il sito di un "amico" di qualunque tipo e dimensione sia, che tratta in un... Leggi tutto
28-1-2010 13:59


carloef
equo compenso sull?ADSL Leggi tutto
28-1-2010 12:43


ITbit
E tu riprovaci la partita non e' finita finche' uomo nero non fischia!!! Qualcosa del genere, Boskov ovviamente. Leggi tutto
20-1-2010 17:03


digirun
TROOPPOOO carino il blog di freeant! :D @itBIT: ci ho provato, ma certa gente è proprio ottusa (e forse proprio per questo si schiera col nano) quindi impossibile da smuovere rispetto alle "loro" convinzioni INDOTTE dai vari media di regime. a questo punto è meglio una scelta intelligente: emigrare e lasciare affogare nel... Leggi tutto
20-1-2010 14:08

Leggi gli altri 41 commenti nel forum Ribelli digitali
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics