Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


Siae, equo compenso anche per cellulari e Pc

Il decreto Bondi estende il compenso per la copia privata a telefonini, decoder e computer. La Siae: "Non è una tassa".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-01-2010]

La Siae aveva fatto la promessa alla metà del mese scorso e adesso, puntuale come sempre quando si tratta di incamerare altri soldi, la mantiene: l'equo compenso sarà presto esteso a Pc e telefonini.

Quanto presto? Molto. Il Ministro per i Beni Culturali, Sandro Bondi, ha firmato il 30 dicembre il decreto relativo, la cui entrata in vigore è attesa a giorni.

I cellulari, i computer, i lettori Mp3 e i decoder subiranno quindi un aumento di prezzo (il cui ricavato finirà nelle casse della Siae) in quanto ritenuti sistemi atti a permettere la duplicazione di opere protette dal diritto d'autore; ciò è quanto già avviene per Cd, Dvd e dischi rigidi, grazie ai quali la Siae ha finora ricavato circa 70 milioni di euro.

Secondo le stime di Confindustria e Assinform questa cifra, grazie al nuovo decreto, riuscirà a quadruplicare, raggiungendo i 300 milioni: la Siae, l'ente che non piace nemmeno a coloro che dovrebbe rappresentare, si arricchirà ulteriormente.

L'equo compenso non è una trovata spiccatamente italiana: è stato istituito in recezione di una normativa europea ma, rispetto alle altre nazioni dell'Unione, ha assunto proporzioni gigantesche. Inoltre raggiunge ora dispositivi che nulla hanno a che vedere con la duplicazione di opere o che non posso essere usati a questo scopo (come i decoder con hard disk di Sky, inutili a scopi di pirateria).

La Siae è già partita in quarta nel difendere la nuova norma, sottolineando come non di tassa si tratti, ma di diritto d'autore: a chi non veda la differenza, la Siae in una nota spiega che i diritti d'autore sono lo stipendio di chi crea le opere, e dunque è giusto che esso sia applicato a tutte le forme di sfruttamento delle opere stesse.

Per questo motivo, secondo la Società diventa persino ovvio il motivo per il quale ciascuno debba pagare più di prima un telefonino che userà per scattare delle foto personali o dove conserverà della musica che avrà estratto dai Cd originali in suo possesso (per i quali, dunque, ha già pagato a sufficienza).

Le obiezioni della Siae a chi si oppone (peraltro inutilmente, visto che il decreto è già stato firmato) all'equo compenso non si fermano qui: essa ricorda che il denaro così raccolto non si fermerà nelle casse della Società, ma vi transiterà solo, per raggiungere poi gli aventi diritto; il fatto che proprio gli "aventi diritto", come fatto notare più sopra, si siano lamentati in una lettera aperta di non ricevere gli utili - usati per coprire i costi di gestione - dev'essere sfuggito.

Addirittura, la Siae definisce l'equo compenso tutto il contrario di uno svantaggio per il consumatore, perché "permette la fruizione per l'uso personale delle opere a costi estremamente più bassi rispetto a quelli dell' originale".

Il ragionamento è solo apparentemente contraddittorio: senza equo compenso - sostiene la Siae - è vero che Cd e Dvd (e tutto quanto andrà presto ad aggiungersi) costerebbero meno, ma farsi delle copie personali sarebbe vietato, e dunque chi volesse un backup delle proprie canzoni preferite non avrebbe alternativa oltre a comprare due originali: invece, grazie all'equo compenso, può fare la copia da sé usando un supporto vergine (pagato più del costo di produzione e distribuzione del supporto stesso proprio per coprire la mancata vendita di un originale).

Stante tutto ciò, una "memoria o hard disk integrato in un apparecchio multimediale audio e video portatile o altri dispositivi analoghi" (come recita il decreto) vedrà crescere il proprio costo di 3,22 euro se il proprio spazio di memorizzazione sarà inferiore a 1 Gbyte e di una cifra progressivamente maggiore se lo spazio sarà superiore, fino a 28,98 euro per i dispositivi che dispongono di più di 250 Gbyte di spazio.

Il decreto (che si può trovare online in formato Pdf) è molto specifico nel definire il tariffario, le cui cifre chiaramente andranno a crescere con il passare del tempo.

Tra tre anni è previsto l'aggiornamento del decreto stesso; nel frattempo, è istituito un "tavolo di lavoro" che dovrebbe comprendere "tutti gli interessati" per monitorare il mercato dei dispositivi e la sua evoluzione a seguito dell'introduzione degli aumenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita, di abbonarti al Feed RSS, di seguirci su Twitter o di visitare la nostra pagina su Facebook. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Approfondimenti
SIAE, l'equo compenso aumenta del 500%

Commenti all'articolo (ultimi 10 di 46)

{utente anonimo}
Equo per chi? Leggi tutto
31-1-2010 14:25


digirun
Ma io sono d'accordo, d'accordissimo con quel figliol d'un can! Voglio pagare, se leggo i suoi giornali online (tanto non li leggo, non mi fido più di NESSUN GIORNALISTA, son tutti pagati per stare asserviti) Ma NON voglio certo pagare per visitare il sito di un "amico" di qualunque tipo e dimensione sia, che tratta in un... Leggi tutto
28-1-2010 13:59


carloef
equo compenso sull?ADSL Leggi tutto
28-1-2010 12:43


ITbit
E tu riprovaci la partita non e' finita finche' uomo nero non fischia!!! Qualcosa del genere, Boskov ovviamente.
20-1-2010 17:03


digirun
TROOPPOOO carino il blog di freeant! :D @itBIT: ci ho provato, ma certa gente è proprio ottusa (e forse proprio per questo si schiera col nano) quindi impossibile da smuovere rispetto alle "loro" convinzioni INDOTTE dai vari media di regime. a questo punto è meglio una scelta intelligente: emigrare e lasciare affogare nel... Leggi tutto
20-1-2010 14:08


freeant
@zeus l'OT, da torrente l'ho fatto diventare un fiume. perdòno. @linguist sono un grande ammiratore della Sala Macchine e l'accoppiamento mi onora. Grazie! @cisco Le Stjernerne? neanch'io riuscivo a stare serio. Anche alla redazione della rivista è piaciuto, pare, così anche per stavolta ho la speranza di continuare a scrivere per loro... Leggi tutto
20-1-2010 13:17


cisco
Già, quello che dobbiamo capire è che ormai il concetto di "razza" appartiene allo scorso millennio. Si dovrà sostituire con "identità culturale", semmai. Gli abitanti del pianeta Terra sono destinati a miscelarsi tra di loro sempre più (non volevo dire "incrociarsi" ma non mi viene un termine migliore ... Leggi tutto
20-1-2010 13:17


freeant
In questo caso la parola giusta non è "emigrazione" ma "esilio". IMVHO.
20-1-2010 12:52


cisco
Infatti io l'ho messa per ultimo. Bisogna intendersi però su cosa voglia dire "costretti": dipende quanto si è disposti, o si riesce, a sopportare. Certo che se finiamo come l'Argentina (e non pensate che sia impossibile; ho un amico argentino, scappato qui, appunto, che mi disse che anche in Argentina si pensava allo stesso... Leggi tutto
20-1-2010 12:27

dagobert
Concordo al cento per cento su quanto hai scritto: secondo me emigrare è una soluzione da adottare solo se si è effettivamente costretti, per cause assolutamente indipendenti dalla nostra volontà. Rimaniamo qui, a casa nostra, e cerchiamo di far qualcosa, anche poco, per migliorare le cose! :wink:
20-1-2010 11:48

Leggi gli altri 36 commenti nel forum Ribelli digitali
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
I tuoi sogni sono a colori o in bianco e nero?
A colori
In bianco e nero
In 3d, anche senza occhialini
Un po' come capita

Mostra i risultati (974 voti)
Aprile 2014
Addio al gesso, arriva il guanto 3D per le fratture
Otto trucchi per risparmiare carburante
UPS, vietato svoltare a sinistra!
Autostrade intelligenti per guidare di notte senza fari
2015, tutti gli smartphone avranno l'antifurto
10 case stampate 3D in 24 ore
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Tutti gli Arretrati

web metrics