Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (628 voti)
Settembre 2014
Nuova ondata di foto rubate a celebrità
Si suicida in diretta su Skype e la gente fa il tifo
Chiude Italia.it, costato 60 milioni di euro
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Chiavi stampate 3D, un business per i topi d'appartamento
Eee PC, Asus ci riprova
Le false antenne cellulari che intercettano chiamate e messaggi
Sfondare le reti Wi-Fi al primo tentativo
Come disinstallare definitivamente il software
Tutti gli Arretrati

Microsoft, così tanti soldi da far paura

Nell'ormai lontano 1999 scrissi un articolo intitolato "Microsoft, la festa è finita?", in cui prevedevo che "il rendimento in Borsa non sarà quello iperbolico cui siamo stati abituati". Mi sono preso una bella dose di sberleffi per questa dichiarazione, ma a quanto pare ci ho azzeccato. Stando a un articolo di CNN Money, fino all'anno fiscale 2000 Microsoft aveva sempre ottenuto percentuali di incremento del fatturato a due cifre. Da due anni a questa parte, invece, si ragiona a cifra singola.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-05-2002]

Negli ultimi dieci anni, la media annua di incremento delle vendite è stata il 30,5%; la crescita media annua dei profitti è stata il 37%. Queste due percentuali si attestano ora, secondo le previsioni degli analisti, ben al di sotto del 20%. Questi drastici cali hanno avuto un notevole effetto sul valore delle azioni Microsoft: da gennaio 2000 hanno perso il 49,3%.

Nonostante tutto, però, Microsoft è tutt'altro che spacciata, quindi la mia previsione è comunque zoppa. Anzi ha a disposizione risorse che non posso fare a meno di definire inquietanti, anche se l'aggettivo è un po' inflazionato. Sto parlando di soldi.

Tanti soldi. Una quantità letteralmente inimmaginabile. Alla fine del 2001, stando alle dichiarazioni fiscali, le riserve in contanti e in investimenti a breve termine convertibili in meno di un anno ammontano a 38,2 miliardi di dollari. In euro sono 41,2 miliardi; in vecchie lire sono (tenetevi forte) ottantuno mila miliardi di lire. In contanti. Pagabili sull'unghia. E questa cifra aumenta di un altro miliardo di dollari (duemila miliardi di lire) al mese. Solo di interessi e dividendi su questa massa di denaro, Microsoft ha incassato nell'ultimo trimestre del 2001 circa 500 milioni di dollari (mille miliardi di lire).

Come segnala CNN Money, nessun'altra azienda non finanziaria ha così tanti contanti a disposizione. Le riserve in contanti di Ford, ExxonMobil e del gigante dei supermercati Wal-Mart, messe insieme, non arrivano a questa cifra. E' una somma sufficiente a comperare l'intera industria dell'aviazione civile. Due volte. O se preferite, tutto l'oro di Fort Knox. Quattro volte.

E la catasta di banconote continua a crescere, grazie al fatto che il margine lordo di Microsoft (differenza fra ricavi e costi di produzione) è quasi sempre oltre il 90 per cento. Windows è preinstallato sul 92% dei PC. Le applicazioni della suite Office rappresentano il 96% di tutto il software per applicazioni d'ufficio.

Quello che mi inquieta è che una tale enormità di denaro è sufficiente a comperare (o strangolare) qualsiasi azienda concorrente. Un caso pratico di come ci si può comportare quando si sta seduti sopra ottantamila miliardi in contanti è l'Xbox. Stando a CNN Money, Microsoft perde soldi su ogni esemplare della sua sofisticata console. Fa niente: Microsoft si può permettere di lavorare in perdita per anni, pur di conquistarsi un posto di rilievo nell'industria dei videogame (che muove quarantamila miliardi di lire l'anno, più di tutti gli incassi dell'industria cinematografica), e soprattutto pur di togliere l'ossigeno a Sony, per la quale la Playstation 1 rappresentava il 30-35% dell'utile annuo.

E' probabilmente sufficiente anche a comperare i governi di vari paesi e indurli a desistere da propositi nefasti come l'introduzione del software open source (traduzione: software non-Microsoft) nella pubblica amministrazione. Microsoft contribuisce massicciamente alle campagne presidenziali USA. Presso The Register potete leggere che razza di pressioni e di terrorismo psicologico applica Microsoft al governo peruviano, che sta discutendo proprio l'introduzione del software open source per motivi di costo e -- cito testualmente -- di sicurezza nazionale. Per ora i peruviani rispondono per le rime, ma per quanto resisteranno a un fiume di denaro per finanziare ogni sorta di lobbying?

In confronto a questo livello di potere economico, agitarsi per il conflitto d'interessi dell'attuale governo italiano fa un po' ridere. Pensateci un attimo. Potete anche fare a meno di guardare la televisione, ma riuscireste a togliere Windows dalla vostra vita?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (0)

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics