Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Cosa pensi della domotica?
Se ne parla da almeno dieci anni ma di applicazioni pratiche ne ho viste ben poche.
I prodotti disponibili sono troppo costosi, non hanno mercato.
E' il futuro ma qualcosa si vede già oggi.
Si possono ottenere dei discreti risultati senza svenarsi: basta la propensione al "fai da te" e un po' di hacking.
Prima che io finisca di rispondere a questo sondaggio... il frigorifero avrà fatto la spesa on line da solo e il forno avrà deciso la mia cena sulla base dei miei gusti e degli ingredienti che ho in casa, mentre sullo smartphone mi sarà apparsa l'immagine di un venditore di aspirapolveri che ha appena suonato al citofono. Ma ovviamente a pulire i pavimenti ci pensa il robottino.

Mostra i risultati (793 voti)
Novembre 2014
Google rende più semplice vedere tutti i dispositivi connessi al proprio account
Toyota Mirai, l'auto a idrogeno che produce energia per la casa
Malware nelle sigarette elettroniche
Licenziato per un Like su Facebook
E-book, il governo vuole l'IVA al 4%
Il tablet low cost di Nokia
Pwn2own, cadono tutti gli smartphone tranne Windows Phone
Il sottomarino supersonico che va a 5.800 km/h
Il sito dei guardoni: 73mila telecamere private hackerate
In fuga da WhatsApp, ma verso dove?
Ma quanto sono spione le ''smart TV''?
900 giochi arcade nel browser disponibili gratuitamente
Garante Privacy autorizza controllo dipendenti via Gps
Curriculum vitae, indicare solo l'essenziale
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Tutti gli Arretrati

Le truffe online colpiscono iTunes e PayPal

Numerosi utenti di PayPal segnalano ammanchi anche per migliaia di dollari, spesi sul negozio online di Apple.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-08-2010]

Truffe online iTunes PayPal Apple
Foto via Fotolia

Un'ondata di truffe si sta abbattendo su iTunes e PayPal, un fenomeno in cui i malintenzionati ottengono le credenziali di accesso ai conti del sistema di pagamento elettronico e le sfruttano per fare acquisti sul negozio online di Apple.

Né si tratta di pochi spiccioli: un utente ha segnalato ammanchi per 1.000 dollari, un altro addirittura per 4.700. PayPal ha già fatto sapere che rimborserà i truffati, ma la situazione di pericolo continua.

Pare che non ci sia alcuna falla nei sistemi ma che tutto avvenga tramite campagne di phishing che vanno a segno e che arrivano a sfruttare il panico generato dalle truffe per ingannare nuovi utenti.

L'ultima trovata dei phisher, infatti, fa pervenire nelle caselle di posta una falsa email che finge di provenire da PayPal e annuncia un addebito a favore di iTunes. L'utente ignaro e preso dal panico clicca sul link fornito nell'email, crede di loggarsi su PayPal e invece consegna i propri dati ai criminali, che svuoteranno per davvero il conto.

Dal canto proprio Apple ha cercato di migliorare le misure di sicurezza in iTunes, rendendo obbligatoria in ogni caso la digitazione del codice di sicurezza riportato sul retro delle carte di credito.

Le raccomandazioni per evitare di cadere nelle trappole sono sempre le stesse: non cliccare sui link che si trovano nei messaggi di posta elettronica, in caso di dubbio cambiare la password e rimuovere dal conto PayPal le informazioni sulla carta di credito e, infine, se si notano degli ammanchi sospetti (ossia non si è fatta alcuna spesa eppure il credito è stato ugualmente scalato) avvertire immediatamente sia PayPal che la banca.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)


ioSOLOio
in realtà banche -e non solo- comunicano abbondantemente con il cliente tramite email Solo non chiedono di inserire i dati di login per improbabili verifiche. Leggi tutto
26-8-2010 21:19

{pippolo}
Ancora c'e' chi casca nel pishing. Perche' mai la banca o le poste dovrebbero comunicare con il cliente tramite e-mail? Loro mandano lettere cartacee, tanto poi le fanno pagare al cliente (1,90 Euri), per le comunicazioni. Purtroppo il mondo e' pieno di ingenui, e certa gente ci sguazza
26-8-2010 20:11

Eretico
In Italia manca parecchio la cultura informatica... Ps. Le frutte online colpiscono iTunes e PayPal
25-8-2010 17:19


dagda
sono convinto che in Italia, proprio perchè terra di truffati e truffatori, l'utente medio è molto meno propenso a cascare nella rete dei truffatori... ossia che quando vuole spendere dei soldi in internet si informa da qualcuno più pratico... Personalmente ogni tanto acquisto qualcosa da negozi virtuali, usando Paypal appoggiata ad... Leggi tutto
25-8-2010 16:36

MaXXX eternal tiare
Capisco che a te e a molti possa sembrare paradossale di cliccare su e-mail sospette per fare il login a paypal ecc. e anche io non lo farei mai, non mi loggo mai dai link di email, ma questo è perché ci è stato insegnato. Ci vorrebbe specie in Italia una cultura di base informatica migliore, proprio anche nell'ambito della sicurezza,... Leggi tutto
25-8-2010 06:06

Leggi gli altri 2 commenti nel forum Sicurezza
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics