Sondaggio
Alcuni anni fa, L'Agenzia delle Entrate pubblicò sul web i redditi dei cittadini; poi, dopo l'intervento del Garante Privacy, li mise offline. Questi dati secondo te devono essere disponibili su Internet?
No
Non saprei

Mostra i risultati (4440 voti)
Marzo 2015
Come riutilizzare uno smartphone
L'auto che evita di prendere multe per eccesso di velocità
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Microsoft manda in pensione Internet Explorer dopo 20 anni
La chiavetta Usb che ti frigge il Pc
La falla FREAK è risolta
Chi ha inventato la correzione automatica?
Non ridete: i colori di quel vestito virale sono una cosa seria
Spostare la barra delle applicazioni, registrare ciò che avviene sul desktop
L'Europa vuole Internet a due velocità
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Febbraio 2015
Eliminare i file superflui, aprire il prompt ovunque e limitare l'UAC
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Lenovo ha preinstallato malware sui suoi PC
Velocizzare Windows all'avvio, selezionare più file senza la tastiera
Tutti gli Arretrati

Hadopi, i provider salvano i pirati

Gli ISP francesi hanno scoperto una scappatoia nella legge antipirateria.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-10-2010]

Hadopi ISP rifiutano invio notifiche email

Da quando la legge che ha istituito l'Hadopi è entrata in vigore, l'autorità francese incaricata di vigilare sulla pirateria in Internet sta inviando via email, ogni giorno, 10.000 notifiche di infrazione della proprietà intellettuale.

O meglio, l'Hadopi vorrebbe inviare 10.000 notifiche al giorno, ma alcuni ISP hanno scoperto una scappatoia nella legge, e la stanno sfruttando per intralciare le operazioni antipirateria.

In particolare il provider Free si è accorto che la norma impone a Hadopi di inviare le notifiche attraverso i provider, e a questi ultimi di segnalare all'autorità i nomi dei condivisori, pena una multa di 1.500 euro.

Quello che la legge si dimentica di imporre è una penale per gli ISP che non inviano le notifiche richieste da Hadopi. Quindi detti ISP possono ignorare l'ordine di invio, poiché non ci sono conseguenze.

Senza l'invio delle email non si può spedire nemmeno il secondo avviso (la lettera cartacea), che a sua volta è un requisito indispensabile per poter portare gli utenti davanti a un tribunale.

La strategia dei "tre schiaffi" si trova quindi in una situazione di stallo a causa di una dimenticanza del legislatore e della furbizia degli ISP: se tutti decidessero di comportarsi come Free, occorrerebbe un nuovo intervento del Parlamento francese per dare efficacia alla legge e all'Hadopi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{antonio}
VPN Leggi tutto
12-10-2010 15:07

angler31
Sospetto che le VPN si diffonderanno molto presso i cugini d'oltralpe.
12-10-2010 10:02

{Carlo}
Una scappatoia per i pedofiloi quando la trovano?
12-10-2010 09:34


merlin
Infatti. Dopo che ti hanno sconnesso in via amministrativa, potrai fare ricorso al magistrato ordinario. Se avrai tempo, soldi e possibilità di far valere le tue ragioni; che consistono unicamente nell'aver installato un software che registra tutto quel che fai ed un firewall antintrusione. Leggi tutto
11-10-2010 22:10

Eretico
Al contrario credo proprio di sì, la prima versione di hadopj era stata scartata proprio per l'illegittimità dello sconnettere qualcuno senza un intervento del giudice. Leggi tutto
11-10-2010 17:21


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics