Sondaggio
Se il telefonino è generalmente personale, spesso il tablet è condiviso in casa. E' così?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1064 voti)
Luglio 2015
La lampadina a Led più economica del mondo
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Sabotaggio verso gli utenti di μTorrent
Su Google Play Music la musica adesso è gratis
A cosa serve prenotare Windows 10?
Aggiungere una cartella alla barra delle applicazioni
Jobs Act, permesso il controllo a distanza dei dipendenti
11 bufale hi-tech a cui molti continuano a credere
Navigare senza limiti in 4G LTE? Sì, ma solo di notte
Come passare da MBR a GPT e viceversa
Riutilizzare le vecchie batterie dei telefonini si può
Porn Time è il Popcorn Time a luci rosse
Google Maps, navigatore anche senza la connessione
Rubare soldi al bancomat con l'iPod Nano
Otto applicazioni vulnerabili agli hacker
Tutti gli Arretrati

Hadopi, i provider salvano i pirati

Gli ISP francesi hanno scoperto una scappatoia nella legge antipirateria.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-10-2010]

Hadopi ISP rifiutano invio notifiche email

Da quando la legge che ha istituito l'Hadopi è entrata in vigore, l'autorità francese incaricata di vigilare sulla pirateria in Internet sta inviando via email, ogni giorno, 10.000 notifiche di infrazione della proprietà intellettuale.

O meglio, l'Hadopi vorrebbe inviare 10.000 notifiche al giorno, ma alcuni ISP hanno scoperto una scappatoia nella legge, e la stanno sfruttando per intralciare le operazioni antipirateria.

In particolare il provider Free si è accorto che la norma impone a Hadopi di inviare le notifiche attraverso i provider, e a questi ultimi di segnalare all'autorità i nomi dei condivisori, pena una multa di 1.500 euro.

Quello che la legge si dimentica di imporre è una penale per gli ISP che non inviano le notifiche richieste da Hadopi. Quindi detti ISP possono ignorare l'ordine di invio, poiché non ci sono conseguenze.

Senza l'invio delle email non si può spedire nemmeno il secondo avviso (la lettera cartacea), che a sua volta è un requisito indispensabile per poter portare gli utenti davanti a un tribunale.

La strategia dei "tre schiaffi" si trova quindi in una situazione di stallo a causa di una dimenticanza del legislatore e della furbizia degli ISP: se tutti decidessero di comportarsi come Free, occorrerebbe un nuovo intervento del Parlamento francese per dare efficacia alla legge e all'Hadopi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{antonio}
VPN Leggi tutto
12-10-2010 15:07

Sospetto che le VPN si diffonderanno molto presso i cugini d'oltralpe.
12-10-2010 10:02

{Carlo}
Una scappatoia per i pedofiloi quando la trovano?
12-10-2010 09:34

Infatti. Dopo che ti hanno sconnesso in via amministrativa, potrai fare ricorso al magistrato ordinario. Se avrai tempo, soldi e possibilità di far valere le tue ragioni; che consistono unicamente nell'aver installato un software che registra tutto quel che fai ed un firewall antintrusione. Leggi tutto
11-10-2010 22:10

Al contrario credo proprio di sì, la prima versione di hadopj era stata scartata proprio per l'illegittimità dello sconnettere qualcuno senza un intervento del giudice. Leggi tutto
11-10-2010 17:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics