Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (657 voti)
Settembre 2014
Sfondare le reti Wi-Fi al primo tentativo
Come disinstallare definitivamente il software
Agosto 2014
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Il divano che si trasforma in letto a castello
Come ti buco l'app di Gmail (e non solo)
Il video dell' ''alieno'' sulla Luna
Microsoft accelera e toglie i veli a Windows 9 a settembre
Curriculum vitae per aziende hi-tech
Google offre un milione a chi creerà un piccolo inverter
La batteria al grafene che ricarica l'auto in pochi minuti
Ripulire l'isola di plastica del Pacifico
Si fotografa nuda nel palazzo del governo
L'estensione per gli ebook di Amazon in versione pirata
Il robot-origami è il primo vero transformer
Napoli lascia il Pinguino e ritorna con Microsoft
Tutti gli Arretrati

BayFiles, il file hosting secondo The Pirate Bay

I fondatori del celebre tracker BitTorrent lanciano il proprio cyberlocker. Farà concorrenza a RapidShare, MegaUpload e soci.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-08-2011]

BayFiles file hosting Pirate Bay cyberlocker

Sono davvero tempi grami per BitTorrent se anche i fondatori di The Pirate Bay riconoscono il declino del protocollo che li ha resi famosi.

Peter Sunde, Gottfrid Svartholm Warg, Fredrik Neij e Carl Lundström sono infatti le menti dietro un nuovo servizio che rientra nella categoria dei cyberlocker, ossia quei siti che offrono uno spazio su cui caricare i propri file e, generalmente, permettono di condividerli.

La nuova creatura del quartetto si chiama BayFiles e ha un funzionamento analogo a MegaUpload o RapidShare, sebbene tra i suoi obiettivi dichiarati ci sia anche muovere guerra a Dropbox.

Bayfiles offre tre profili che offrono una quantità di spazio sempre maggiore. Per gli utenti non registrati vi sono a disposizione 250 Mbyte; per i membri il quantitativo sale a 500 Mbyte.

Al vertice ci sono gli utenti Premium, i quali non hanno limiti di spazio, possono effettuare l'upload di file fino a 5 Gbyte e riprendere i download interrotti.

Per diventare membri Premium, come ci si può aspettare, è necessario pagare: 5 euro al mese oppure 25 euro ogni sei mesi o ancora 45 euro all'anno.

Il servizio offre delle opzioni per la condivisione facile dei file caricati, ma non un motore di ricerca interno; inoltre le Condizioni d'Uso avvertono esplicitamente del fatto che l'elenco dei file degli utenti non è memorizzato da nessuna parte.

Inoltre si presenta come un prodotto perfettamente legale che scoraggia apertamente la pirateria. L'upload di materiale coperto da copyright è chiaramente vietato, ma Bayfiles non controlla attivamente i contenuti: è necessario che qualcuno notifichi la presenza di materiale illegale perché lo staff intervenga.

Per evitare che il servizio divenga un deposito di file indefinitamente conservati, la Condizione comprendono un'avvertenza: qualunque file che non venga scaricato per più di 30 giorni sarà cancellato.

Come ha spiega Fredrik Neij a TorrentFreak, il passaggio ai cyberlocker è inevitabile poiché «BitTorrent è sempre più limitato o addirittura filtrato dagli ISP, ma HTTP di solito non lo è».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Bayfiles cancellata da Google senza apparente motivo

Commenti all'articolo (0)

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics