Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Qual è lo strumento di informazione di cui ti avvali di più?
I media tradizioniali (Tv, radio, stampa, ecc.)
Internet, soprattutto i siti autorevoli (Repubblica, Corriere, ecc.)
Internet, soprattutto i siti indipendenti o di controinformazione
Internet, soprattutto i social network (Twitter, Facebook, ecc.)
Non mi fido di nessun media e credo solo a quello che vedo

Mostra i risultati (2282 voti)
Ottobre 2014
Windows 10, tutte le novità
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
ShellShock, falla critica in Linux e Mac OS X
L'iPhone 6 si piega in tasca
Nuova ondata di foto rubate a celebrità
Si suicida in diretta su Skype e la gente fa il tifo
Chiude Italia.it, costato 60 milioni di euro
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Tutti gli Arretrati

BayFiles, il file hosting secondo The Pirate Bay

I fondatori del celebre tracker BitTorrent lanciano il proprio cyberlocker. Farà concorrenza a RapidShare, MegaUpload e soci.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-08-2011]

BayFiles file hosting Pirate Bay cyberlocker

Sono davvero tempi grami per BitTorrent se anche i fondatori di The Pirate Bay riconoscono il declino del protocollo che li ha resi famosi.

Peter Sunde, Gottfrid Svartholm Warg, Fredrik Neij e Carl Lundström sono infatti le menti dietro un nuovo servizio che rientra nella categoria dei cyberlocker, ossia quei siti che offrono uno spazio su cui caricare i propri file e, generalmente, permettono di condividerli.

La nuova creatura del quartetto si chiama BayFiles e ha un funzionamento analogo a MegaUpload o RapidShare, sebbene tra i suoi obiettivi dichiarati ci sia anche muovere guerra a Dropbox.

Bayfiles offre tre profili che offrono una quantità di spazio sempre maggiore. Per gli utenti non registrati vi sono a disposizione 250 Mbyte; per i membri il quantitativo sale a 500 Mbyte.

Al vertice ci sono gli utenti Premium, i quali non hanno limiti di spazio, possono effettuare l'upload di file fino a 5 Gbyte e riprendere i download interrotti.

Per diventare membri Premium, come ci si può aspettare, è necessario pagare: 5 euro al mese oppure 25 euro ogni sei mesi o ancora 45 euro all'anno.

Il servizio offre delle opzioni per la condivisione facile dei file caricati, ma non un motore di ricerca interno; inoltre le Condizioni d'Uso avvertono esplicitamente del fatto che l'elenco dei file degli utenti non è memorizzato da nessuna parte.

Inoltre si presenta come un prodotto perfettamente legale che scoraggia apertamente la pirateria. L'upload di materiale coperto da copyright è chiaramente vietato, ma Bayfiles non controlla attivamente i contenuti: è necessario che qualcuno notifichi la presenza di materiale illegale perché lo staff intervenga.

Per evitare che il servizio divenga un deposito di file indefinitamente conservati, la Condizione comprendono un'avvertenza: qualunque file che non venga scaricato per più di 30 giorni sarà cancellato.

Come ha spiega Fredrik Neij a TorrentFreak, il passaggio ai cyberlocker è inevitabile poiché «BitTorrent è sempre più limitato o addirittura filtrato dagli ISP, ma HTTP di solito non lo è».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Bayfiles cancellata da Google senza apparente motivo

Commenti all'articolo (0)

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics