Microsoft spegne la botnet di MacDefender

Kelihos è stata chiusa: diffondeva spam, malware e il famigerato falso antivirus per Mac.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-09-2011]

Microsoft botnet Kelihos Macdefender
Foto via Fotolia

Grazie agli sforzi di Microsoft, in collaborazione con alcuni provider e il Community Emergency Response Team, la botnet Kelihos è stata neutralizzata.

Dopo Rustock e Waledac, un'altra struttura costituita da computer infetti e creata principalmente per diffondere spam viene tagliata fuori da Internet, con sollievo per gli utenti.

Kelihos non era estesissima: coinvolgeva "soltanto" tra i 40.000 e i 45.000 PC, grazie ai quali inviava più di 3,8 miliardi di messaggi di spam ogni giorno.

Inoltre, la botnet veniva usata anche per diffondere MacDefender, il falso antivirus per Mac che era a maggio riuscito a ingannare decine di migliaia di utenti Apple, oltre che per conservare materiale pedopornografico e diffondere genericamente malware.

I computer che facevano parte di Kelihos sono stati disconnessi da Internet e le indagini hanno permesso di risalire a un responsabile - il ceco Dominique Alexander Piatti - e a diversi complici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

bh Microsoft ha un team che si occupa di queste cose (Digital Crimes Unit), probabilmente ha trovato la botnet e poi ha chiamato i federali per collaborare a chiuderla. Leggi tutto
30-9-2011 09:50

Poi qualcuno mi spiega cosa centra Microsoft con un operazione del FBI e Interpol con la collaborazione di Community Emergency Response Team??? Ciao
30-9-2011 08:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la pi pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non ci che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finch questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (1593 voti)
Giugno 2017
I medici americani: i lampioni a Led fanno male
Dove vanno a finire le foto mandate tramite WhatsApp?
Le torri di Amazon per i droni
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicuro con la sandbox e più leggero
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Ex pornostar chiama in causa i pirati
Tutti gli Arretrati


web metrics