Sondaggio
Cosa pensi della domotica?
Se ne parla da almeno dieci anni ma di applicazioni pratiche ne ho viste ben poche.
I prodotti disponibili sono troppo costosi, non hanno mercato.
E' il futuro ma qualcosa si vede già oggi.
Si possono ottenere dei discreti risultati senza svenarsi: basta la propensione al "fai da te" e un po' di hacking.
Prima che io finisca di rispondere a questo sondaggio... il frigorifero avrà fatto la spesa on line da solo e il forno avrà deciso la mia cena sulla base dei miei gusti e degli ingredienti che ho in casa, mentre sullo smartphone mi sarà apparsa l'immagine di un venditore di aspirapolveri che ha appena suonato al citofono. Ma ovviamente a pulire i pavimenti ci pensa il robottino.

Mostra i risultati (932 voti)
Settembre 2015
Da LinkedIn 9 consigli per chi inizia un nuovo lavoro
Da oggi Chrome e Amazon bloccano Flash negli spot
La bici che ha mandato in crisi l'auto di Google
Agosto 2015
Windows 10 Mobile è troppo grasso
Samsung Galaxy Note 5, scoppia il ''Pengate''
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent
Apple, arriva l'iPad Pro
L'e-diesel senza gasolio di Audi, carburante ''pulito''
Tutti i grandi spioni di Facebook: come aggirarli
Apple chiude tutti i Macbook di 6 gradi
NASA: razzi senza carburante con motore a microonde
La lente bionica per correggere i difetti di vista meglio del laser
Kim Dotcom: State lontani da Mega
Google cambia nome: nasce Alphabet
Un trucco per velocizzare Android (o rallentarlo fino alla morte)
Tutti gli Arretrati

Microsoft spegne la botnet di MacDefender

Kelihos è stata chiusa: diffondeva spam, malware e il famigerato falso antivirus per Mac.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-09-2011]

Microsoft botnet Kelihos Macdefender
Foto via Fotolia

Grazie agli sforzi di Microsoft, in collaborazione con alcuni provider e il Community Emergency Response Team, la botnet Kelihos è stata neutralizzata.

Dopo Rustock e Waledac, un'altra struttura costituita da computer infetti e creata principalmente per diffondere spam viene tagliata fuori da Internet, con sollievo per gli utenti.

Kelihos non era estesissima: coinvolgeva "soltanto" tra i 40.000 e i 45.000 PC, grazie ai quali inviava più di 3,8 miliardi di messaggi di spam ogni giorno.

Inoltre, la botnet veniva usata anche per diffondere MacDefender, il falso antivirus per Mac che era a maggio riuscito a ingannare decine di migliaia di utenti Apple, oltre che per conservare materiale pedopornografico e diffondere genericamente malware.

I computer che facevano parte di Kelihos sono stati disconnessi da Internet e le indagini hanno permesso di risalire a un responsabile - il ceco Dominique Alexander Piatti - e a diversi complici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

bhè Microsoft ha un team che si occupa di queste cose (Digital Crimes Unit), probabilmente ha trovato la botnet e poi ha chiamato i federali per collaborare a chiuderla. Leggi tutto
30-9-2011 09:50

Poi qualcuno mi spiega cosa centra Microsoft con un operazione del FBI e Interpol con la collaborazione di Community Emergency Response Team??? Ciao
30-9-2011 08:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics