Google+ a confronto con Facebook

Il dibattito sul potenziale di Google Plus è aperto, anche se c'è chi giura che non potrà mai impensierire Facebook.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-10-2011]

google+ facebook

Google Plus, il social network del colosso di Mountain View, ha recentemente aperto al pubblico. Da un lato la crescita del numero di utenti indica un successo strepitoso, ma il livello di attività è decisamente ridotto, specialmente se confrontato con l'ovvio concorrente Facebook.

Anche se uno degli ingegneri di Google ha definito Google Plus un fallimento, dovuto al fatto che Google che lo ha disegnato come prodotto in sé piuttosto che come piattaforma per altre applicazioni, il dibattito sul potenziale di Google Plus è ancora aperto.

Prima di confrontare i due social network, riassumiamo le "avventure" di Google nel mondo del social network.

Google e il social networking

L'interesse di Google nel social network risale a parecchio tempo fa. Nel Gennaio 2004, Google ha lanciato Orkut, abbastanza simile a Facebook, che sarebbe uscito giusto un mese dopo. Orkut ha avuto grande successo in alcuni paesi, tra cui India, in cui Facebook ha superato Orkut solo a metà del 2010, e Brasile, in cui è ancora leader. Comunque, a livello mondiale, Orkut ha un decimo degli utenti di Facebook.

Nell'Ottobre del 2007 Google ha acquisito Jaiku, un social network sviluppato in Finlandia un paio di anni prima. Il pubblicò non ha mostrato molto interesse, tanto che nel 2009 il codice sorgente fu reso pubblico e Jaiku è diventato più un "pacchetto" di social networking (parte di Google App Engine) che un social network in sé.

Nello stesso tempo (Ottobre 2007), Google aveva provato ad investire in Facebook, che invece scelse Microsoft. Ovviamente, l'investimento di Microsoft portò con sé collaborazione tra le due aziende: la ricerca di Bing fu incorporata nella home page di Facebook, permettendo agli utenti di fare ricerche tra i post dei loro amici (o nel web). L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Secondo te, Google+ avrà successo? Soppianterà Facebook?
Google+ non avrà successo. Ma comunque lo userò più di Facebook. - 10.3%
Google+ avrà successo. Ma preferisco Facebook. - 12.0%
Google+ non avrà successo. Pertanto rimango su Facebook. - 20.7%
Google+ avrà successo. "Mi piace" più di Facebook. - 19.2%
Non frequento i social network. - 37.8%
  Voti totali: 2546
 
Leggi i commenti (10)
Era esattamente questo che Google cercava, più che la minuscola "fetta" finanziaria (1.6% per 240 milioni di dollari) quando aveva cercato di investire in Facebook. Si racconta che i leader di Google siano rimasti molto seccati quando hanno saputo che Facebook aveva scelto Microsoft (e che, probabilmente, Google era stata tirata in ballo solo per alzare il prezzo, ma non aveva nessuna possibilità di essere scelta per la partnership con Facebook).

Nel maggio 2009 Google ha lanciato Google Wave, che alcuni hanno definito social network, anche se il suo scopo era più la collaborazione sul posto di lavoro che il tenersi in contatto con gli amici. In ogni caso, Wave non ha avuto molto successo. Quando Google ha deciso di interrompere il progetto, Lars Rasmussen, uno dei product manager che se ne occupavano, ha lasciato l'azienda per Facebook. Oltre a riscuotere poco successo, Google Wave fece perdere a Google uno dei suoi product manager più famosi (il padre di Google Maps).

Nel Febbraio 2010, quando Facebook aveva già mezzo miliardo di clienti, Google ha lanciato Buzz. Il "feed" di Buzz era relativamente simile a quello di Facebook e, cliccando sul nome di uno dei propri contatti, si vedeva una schermata non troppo diversa dal "muro" di Facebook.

La differenza principale era che Buzz era più orientato alla comunicazione (non a caso era integrato in Gmail) e, rispetto a Facebook, gli mancava un po' la parte "chi sono io": sul "muro" di un amico, puoi vedere una lista di foto, di amici, di interessi su cui ha cliccato "Mi piace", il numero di telefono e la mail (se l'amico ha scelto di renderli pubblici). Su Buzz, c'era solo gli equivalenti dei "post sul muro", tutto il resto era raggiungibile solo con parecchi click.

La reazione del pubblico a Google Buzz non è stata molto positiva. Secondo i critici, da un lato non era molto innovativo (nessuna novità rispetto a Facebook), dall'altro il tentativo di Google di sfruttare il grande numero di utenti di Gmail per aumentare la popolarità di Buzz non rispettava il diritto alla privacy (ad esempio, inserire automaticamente le persone a cui si scrive più frequentemente con Gmail tra i propri "amici" su Buzz causò a Google parecchi problemi, incluse cause legali sulla violazione della privacy).

Questo articolo prosegue - CONTINUA a leggere

Indice
1 - Google e il social networking
2 - Google Plus contro Facebook

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google+ apre agli pseudonimi
Google uccide definitivamente Orkut
Come impedire che Google usi la tua foto negli spot

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{ice}
il vantaggio di Google* è anche il suo svantaggio ovvero appoggiarsi a gMail e mi spiego: appoggiarsi a gMail ha inun colpo solo permesso di aver tantissimi iscritti ma il problema è che per la potenza di gMail la stragrandem maggioranza di utanti ha piu di un account gMail, senza contare chi ha account aziendali hostati su... Leggi tutto
10-9-2012 08:18

{Social Media Manager}
Comunque vada nessuno dei due si farà male :) - anch'io avevo scritto qualcosa in proposito qualche settimana fa, prima dell'uscita di G+ link Leggi tutto
20-10-2011 20:02

.Felice Venturini.
Concordo totalmente con il tuo articolo, sicuramente nessun politico attuale corrisponde a queste regole, e quindi queste regole vanno imposte ai plitici con una legge di iniziativa popolare prima delle elezioni..................... difficilissimo, quasi impossibile......... Flip...
20-10-2011 13:23

Secondo me google+ è morto, non è così diverso da fb ed offre più o meno le stesse cose. Non c'è nessun valido motivo per /spostare/ 750milioni di persone. Il futuro lo vedo in Diaspora*, che propone una cosuccia piccola piccola che forse non interessa agli utenti: lascia loro il controllo sui propri dati. link[/url] (Chi volesse un... Leggi tutto
20-10-2011 10:08

{thomas}
premetto che io facebook lo uso perchè sono costretto(per gestire le pagine per i miei siti web), ma a livello personale non lo uso piu gia da un po' sono abbastanza attivo su twitter, ma da quanto sono su google plus uso solo quello!! mi piace molto sopratutto l'app che hanno fatto per android dove posso leggere i post... Leggi tutto
19-10-2011 13:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste famose "leggi" condividi maggiormente?
Un oggetto cadrà sempre in modo da produrre il maggiore danno possibile.
Qualsiasi cosa vada male, avrà probabilmente l'aria di andare benissimo.
Per ottenere un prestito bisogna provare di non averne bisogno.
L'altra coda va sempre più veloce.
A qualunque cosa si stia lavorando, non appena si mette via uno strumento, certi di aver finito di usarlo, immediatamente se ne avrà bisogno.
Si troverà sempre una qualsiasi cosa nell'ultimo posto in cui la si cerca.
Le probabilità che un giovane maschio incontri una giovane femmina attraente e disponibile aumentano in proporzione geometrica quando è in compagnia della fidanzata, della moglie o di un amico più ricco.
Prima o poi la peggiore combinazione possibile di circostanze è destinata a prodursi.
La necessità procura strani compagni di letto.
Per quanto uno cerchi e si informi prima di comprare un qualsiasi articolo, lo troverà a minor prezzo da un'altra parte non appena l'avrà acquistato.

Mostra i risultati (2269 voti)
Giugno 2017
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicuro con la sandbox e più leggero
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Ex pornostar chiama in causa i pirati
Qualche chicca nascosta di Google
Antivirus e installazioni
Il forno a microonde per videogiocare
Tutti gli Arretrati


web metrics