Sondaggio
Come credi che sarà la vita per la maggior parte della gente nel 2100?
Un idillio ipertech.
Grossomodo come adesso, con qualche giocattolo in più e/o in meno.
Roba da candelabri, biciclette e abaco.
Terribile, da gente allo sbando, senza più civiltà.
Non ci sarà più. Ormai saremo estinti, o sull'orlo dell'estinzione.

Mostra i risultati (2722 voti)
Gennaio 2015
Google: Gli utenti dei vecchi Android si arrangino
Se la prof invia un selfie sexy agli studenti
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Antibufala: SismAlarm
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
Bandire WhatsApp
Oltre 2.000 giochi per DOS disponibili gratis nel browser
Nasa, scoperti otto nuovi fratelli della Terra
Ventiduenne svela il trucco per trovare voli sottocosto
iPad da 12 pollici, spuntano le prime foto
Addio Internet Explorer, arriva Spartan
Dicembre 2014
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Nuovo blackout Wind (risolto), utenti senza Internet e telefono
Agcom: ''Contratti di telefonia siano sempre in forma scritta''
Uomo entra in Facebook. Sul computer della casa che sta svaligiando
Tutti gli Arretrati

Siri anche sull'iPhone 4

Gli hacker ci sono già riusciti. Ora pare che Apple sia al lavoro su una versione ufficiale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-11-2011]

Siri iPhone 4 Apple google schmidt

La novità più consistente dell'iPhone 4S, potenziamento dell'hardware a parte, sta nel software e in particolare nell'assistente vocale Siri incluso in iOS 5.

iOS 5, di per sé, si installa anche sulle versioni precedenti di iPhone, ma in quel caso Siri non è incluso: al momento si tratta di un'esclusiva dell'ultimo modello, sebbene alcuni hacker abbiano dimostrato che può funzionare anche sull'iPhone 4.

Ora alcune indiscrezioni testimoniano che Apple starebbe lavorando per portare le funzionalità dell'assistente virtuale su tutti i modelli che possono installare iOS 5. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (3462 voti)
Leggi i commenti (108)
A testimoniarlo ci sarebbero alcuni iPhone 4 distribuiti a ingegnere di Apple e dotati di una versione modificata di iOS 5: la modifica consisterebbe proprio nell'abilitazione di Siri.

Permettere anche ai possessori di un modello non recente di melafonino di utilizzare Siri andrebbe contro la tradizione di Apple, che riserva alcune funzionalità all'ultimissima versione dei propri dispositivi, eppure avrebbe una sua ragione.

Siri è infatti più di un semplice strumento: è una nuova interfaccia alla ricerca online, e soprattutto non si appoggia a Google. Per Apple, insomma, si tratterebbe di assestare un colpo alla rivale, ma in maniera indiretta.

Che la minaccia di Siri per Google non sia tanto teorica è provato da alcune recenti affermazioni di Eric Schmidt, presidente esecutivo dell'azienda di Mountain View, il quale ha affermato che l'assistente di Apple è un potenziale pericolo per il core business di Google, ossia proprio la ricerca online.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Svelata l'identità di Siri: è Susan Bennett

Commenti all'articolo (2)


maxismakingwax
un assistente vocale retrocompatibile come mezzo per battere Google? Contenti loro
8-11-2011 17:47

{paolo_del_bene}
Commento fuori tema o non conforme al regolamento del forum.
8-11-2011 00:12


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics