Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


Una server farm in casa... al posto della caldaia

Mettere i server nelle case private? Fornirebbero calore per tutto l'inverno. E l'ambiente ne trarrebbe vantaggio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-12-2011]

server farm caldaia

Con il crescere dei servizi di cloud computing, aumenta la necessità di server farm sempre più grandi.

L'aumento dei datacenter ha però un lato negativo: i molti server ospitati producono molto calore, tanto che è necessario tenere in funzione tutto l'anno dei condizionatori che abbassino la temperatura.

Randal Stross, giornalista per il New York Times, ha però pensato a un'idea alternativa.

Ogni casa, in inverno, ha bisogno di essere riscaldata. Se in ogni casa ci fosse una piccola server farm - diciamo una quarantina di server - si potrebbe produrre abbastanza calore da sostituire in pieno una caldaia tradizionale. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Considerando costi, tempi di realizzazione e possibili conseguenze, su quale fonte di energia alternativa ai combustibili fossili bisognerebbe maggiormente puntare?
Solare
Eolica
Geotermica
Biomasse
Idrogeno
Nucleare
Idroelettrica

Mostra i risultati (5682 voti)
Leggi i commenti (29)
Il calore prodotto servirebbe infatti a scaldare l'acqua, proprio come fa un normale impianto, mentre i servizi propri del datacenter verrebbero elargiti tramite una connessione a banda larga.

Questa soluzione pone qualche problema relativo alla sicurezza, ma ha certamente i propri vantaggi; in estate, il calore ugualmente sviluppato ma non necessario verrebbe semplicemente smaltito tramite delle ventole aggiuntive.

Stross ha calcolato che tutto ciò per le aziende sarebbe conveniente: risparmierebbero i costi di costruzione di un datacenter e dovrebbero spendere soltanto 3.600 dollari l'anno per la manutenzione dei server installati nelle case, pagando al contempo la bolletta dell'elettricità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 10 di 21)

{Michele}
@Mda :Si bhe in effetti io mi riferivo a progetti che sfruttassero il desiderio di compartecipazione degli utenti , vedasi appunto il progetto SETI a cui mi riferivo.Non intendevo progetti che pagano danaro in cambio del tempo macchina.Anche se forse (non ho approfondito troppo) bitcoin fa grosso modo questo , quando ci si mette in... Leggi tutto
5-12-2011 16:08

{osfor}
Riguardo il post di Michele, comprendo le motivazioni che suggerisce (la linea non lineare delle dispersioni per es.), ma alla fine ci sarà un motivo (più di uno) se società anche grosse (Google?... per dire..) usano le batterie di server. A mio parere, su queste cose si può "discettare" per curiosità, ma la realtà è quella che... Leggi tutto
5-12-2011 10:39

{osfor}
A parte altre considerazioni, già fatte in altri post o che possiamo aggiungere, magari farei una correzione sul testo dell'articolo, che scrive: Ora, quell'"OGNI CASA" mi sembra un refuso: se in ogni casa ci fosse una piccola server farm, diciamo una quarantina di server, immagino che.. ci vorrebbero centinaia di nuove... Leggi tutto
5-12-2011 09:42


mda
Lista dei progetti di calcolo distribuito. Malgrado che sia una Tecnologia matura ci sono ancora dei problemi relativi alla sicurezza sia client che server. Per questo i progetti "pagati" (ricevi un compenso se fai parte della rete distribuita) sono stati tutti chiusi dopo una iniziale entusiasmo. Ciao
4-12-2011 20:34


Gladiator
No, probabilmente è dovuto al fatto che la caldaia che avevo in precedenza, che era piuttosto vecchiotta, era abbastanza inefficiente. Comunque nei primi anni il risparmio era circa del 38 - 40 %, poi, oggi, questa analisi perde di valore poichè fare un conto del genere a distanza di quasi vent'anni non è confrontabile.
4-12-2011 19:14

ZaZa1210
40% di risparmio medio annuo è troppo per il solo teleriscaldamento. Hai degli incentivi particolari?
4-12-2011 18:59


Gladiator
@mda Non ero dispiaciuto realmente era solo un modo scherzoso per dire che sovente abbiamo idee ed opinioni in sintonia. :wink: In quanto al discorso del teleriscldamento, riflettendoci hai ragione non è OT, e mi spiace che le tue esperienza non siano state positive, spero che sia stato sfortunato tu e non fortunato io e che, quindi,... Leggi tutto
4-12-2011 18:57


mda
Non è OT in quanto le server-farm oggi possono integrare il teleriscaldamento. Oramai sono condivise su più fonti di calore (recupero del calore da più industrie e servizi) per di-spacciare maggiormente ad un minor costo. Sono contento della tua esperienza ma la mia (in giro) è stata pessima! Non lo dico per essere un fan di questo... Leggi tutto
4-12-2011 18:46

amldc
Di per sé l'idea non è malvagia ma oltre ai problemi già citati come l'accesso ai locali e la sicurezza degli stessi (per essere a norma devono avere caratteristiche che ben difficilmente si trovano in una comune abitazione) sembra che nessuno tenga conto di una banalissima questione di metratura: se devo mettermi in casa delle macchine,... Leggi tutto
4-12-2011 16:33


Gladiator
Premesso che mi scuso subito per l'OT, però vorrei dare il mio contributo sulla questione teleriscaldamento in merito alla quale, per esperienza diretta, non condivido l'opinione di mda (a volte capita anche questo caro mda :wink: ). Io abito, dal 1993, in un appartamento dove sia il riscaldamento che l'acqua calda derivano da una... Leggi tutto
4-12-2011 16:13

Leggi gli altri 11 commenti nel forum Scienze e nuove tecnologie
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Quanto spam ricevi in media ogni giorno?
Uno o due messaggi
Meno di dieci messaggi
Tra i dieci e i venti messaggi
Tra i venti e i cinquanta messaggi
Tra i cinquanta e i cento messaggi
Tra i cento e i cinquecento messaggi
Oltre cinquecento messaggi

Mostra i risultati (1827 voti)
Aprile 2014
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Dal 1 aprile si pagano le commissioni sulla benzina
Apple brevetta l'SMS anti-urto
Tredicenne costruisce reattore nucleare nel garage di casa
Marzo 2014
Parolacce nel codice dei primi Word e MS-DOS
iPhone 6 a settembre in due versioni da 4,7 e 5,5 pollici
Word sotto attacco, non aprite quel .RTF
Tutti gli Arretrati

web metrics