Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (405 voti)
Agosto 2015
Un miliardo di telefonini Android infettabili con un messaggino
Luglio 2015
Windows 10: Disabilitare il pericoloso sharing del Wi-Fi, attivo di default
Debutta Windows 10, che fare?
Le app vampiro che fanno morire la batteria all'insaputa dell'utente
Google Maps ricorda tutti i posti dove sei stato
Mentos e Coca-Cola, lo spiegone scientifico
Windows 10, c'è già la data di morte
Aggiornamento d'emergenza per tutte le versioni di Windows
Antibufala: a settembre un asteroide colpirà la Terra!
Sbloccare un programma che non risponde
A cosa serve realmente la rimozione sicura dei dispositivi?
WikiLeaks pubblica un milione di mail di Hacking Team
Lo spione spiato: Hacking Team si fa fregare 400 giga di dati
I Carabinieri sperimentano la pistola smart
L'auto che si restringe per parcheggiare meglio
Tutti gli Arretrati

Attivissimo meglio di Striscia

Nei giorni scorsi anche Striscia la notizia si è occupata della vicenda della banconota da 20 dollari che avrebbe previsto l'attentato dell'11 settembre 2002. Alcune considerazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-10-2002]

In una puntata di Striscia la notizia della scorsa settimana, Greggio e Iacchetti hanno presentato un servizio in cui veniva spiegato come ripiegare opportunamente una banconota da 20 dollari per far comparire il disegno del Pentagono in fiamme, o parole come "OSAMA".

Il programma di Antonio Ricci non è andato oltre alla spettacolarizzazione televisiva della leggenda metropolitana diffusasi rapidamente nei mesi scorsi. Ricorderete invece l'articolo di Paolo Attivissimo apparso su Zeus News nello scorso giugno, in cui si evidenziava come fosse del tutto casuale l'apparire di "messaggi" (sotto forma di disegni o frasi) ripiegando in maniera arbitraria tale banconota.

In questo momento il pensiero va a quei tizi che alcuni anni fa si misero ad ascoltare al contrario alcuni dischi rock, trovandovi i tristemente noti messaggi satanici. "Seghe mentali" diremmo oggi, esattamente come quelle di chi si mette a ripiegare una banconota sperando di ritrovarvi la premonizione di un attacco terroristico. Purtroppo molte, troppe persone hanno creduto alla bufala che i messaggi satanici fossero stati inseriti a bella posta dai compositori, e magari qualcuno oggi crederà ai piegabanconote.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics