Sondaggio
Come credi che sarà la vita per la maggior parte della gente nel 2100?
Un idillio ipertech.
Grossomodo come adesso, con qualche giocattolo in più e/o in meno.
Roba da candelabri, biciclette e abaco.
Terribile, da gente allo sbando, senza più civiltà.
Non ci sarà più. Ormai saremo estinti, o sull'orlo dell'estinzione.

Mostra i risultati (2789 voti)
Agosto 2015
Samsung Galaxy Note 5, scoppia il ''Pengate''
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent
Apple, arriva l'iPad Pro
L'e-diesel senza gasolio di Audi, carburante ''pulito''
Tutti i grandi spioni di Facebook: come aggirarli
Apple chiude tutti i Macbook di 6 gradi
NASA: razzi senza carburante con motore a microonde
La lente bionica per correggere i difetti di vista meglio del laser
Kim Dotcom: State lontani da Mega
Google cambia nome: nasce Alphabet
Un trucco per velocizzare Android (o rallentarlo fino alla morte)
Fusione Wind e 3, diventa primo gestore in Italia (ma russo-cinese)
Windows 10: come aggiornare il PC senza aspettare
Catturare una regione dello schermo
Luglio 2015
Windows 10: Disabilitare il pericoloso sharing del Wi-Fi, attivo di default
Tutti gli Arretrati

Apple, un evento speciale per l'educazione

Giovedì prossimo a New York Apple svelerà il modo in cui ha intenzione di rivoluzionare l'insegnamento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-01-2012]

apple evento educazione new york

Apple non è certo nuova agli inviti misteriosi: quando organizza un evento, lascia intendere quale sarà il protagonista soltanto per accenni, senza rivelare direttamente i nuovi prodotti.

Così, per l'evento in programma la prossima settimana (per l'esattezza, il 19 gennaio) al Guggenheim Museum di New York, l'azienda di Cupertino ha distribuito un invito che recita soltanto «Unitevi a noi per un annuncio sull'educazione nella Grande Mela».

Il tutto pare tracciato con il gesso su una lavagna, e sullo sfondo lo skyline di New York è interrotto da una grande mela morsicata. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Pensi di acquistare un dispositivo per leggere gli e-book?
Sì, un lettore con e-ink in toni di grigio - 25.4%
Sì, ma aspetto l'e-ink a colori - 17.1%
Sì, un tablet - 15.5%
Sì, un netbook - 2.8%
No, preferisco i libri cartacei - 39.2%
  Voti totali: 2429
 
Leggi i commenti (16)
L'incursione di Apple nel mondo dell'educazione ha in parte deluso chi per l'evento di gennaio si aspettava invece la presentazione dell'iPad 3 che, stando alle voci circolate nei giorni scorsi, avrebbe potuto debuttare il prossimo 24 febbraio, giorno del compleanno di Steve Jobs.

Sui contenuti esatti dell'annuncio il mistero è fitto; è probabile che non al centro dell'attenzione questa volta non ci siano prodotti hardware ma servizi o software, naturalmente dedicati al mondo della scuola.

Tra le previsioni circa l'oggetto dell'evento di giovedì prossimo le più interessanti sono quelle che riguardano novità sul fronte dei libri di testo, trasformati in digitale e fruibili attraverso l'iPad.

Quello dei libri scolastici era in effetti uno dei tre campi - insieme a quello delle fotocamere e a quello dei televisori - che il fondatore di Apple avrebbe voluto rivoluzionare.

Secondo Ars Technica potrebbe trattarsi del supporto allo standard EPUB 3, che dovrebbe includere caratteristiche multimediali utili in un contesto scolastico. Altri ancora parlano del lancio di una piattaforma dedicata agli autori indipendenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics