Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Questo sondaggio è stato visto sul sito di un ristorante a domicilio: Qual è il motivo principale per cui hai fatto un ordine nel nostro ristorante online?
Ho cliccato su un annuncio o un banner pubblicitario.
Avevo un coupon o un buono sconto.
Me l'ha raccomandato un amico o un parente.
Me l'ha suggerito un collega di lavoro.
Avevo già ordinato qui e mi ero trovato bene.
Dalle immagini i piatti proposti sembravano appetitosi.
Altro, specificare --> "AVEVO FAME"

Mostra i risultati (286 voti)
Luglio 2014
Hackerare le casseforti degli hotel è semplice
L'uomo-wiki
BeppeGrillo.it e i macachi di Modena
Gli italiani telefonano di meno, è proprio crisi
Android L aumenta drasticamente la vita della batteria
Tim e Vodafone, gli avvisi diventano a pagamento
La tassa sull'equo compenso e il governo Renzi
Gmail, eliminare la posta già spedita
La Guardia di Finanza oscura DDLStorage
Mondiali di calcio in streaming su Internet
No-IP non funziona, la colpa è di Microsoft
Spyware di stato: le app spione del governo
Giugno 2014
Mappe offline sullo smartphone
Roaming traffico dati, dal 1 luglio costi dimezzati
Bitcoin Generation
Tutti gli Arretrati

UE, gli internauti hanno diritto all'oblio

Gli utenti potranno pretendere la cancellazione dei dati personali dai social network.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-01-2012]

viviane reding diritto oblio ue privacy
Viviane Reding, Commissario Europeo alla giustizia

Se tutto andrà secondo i piani sarà approvata domani la nuova direttiva europea in materia di protezione dei dati personali.

Voluta dal Commissario per la Giustizia Viviane Reding, la direttiva imporrà regole molto più restrittive che impegneranno tutti i fornitori di servizi online e, al tempo stesso, semplificherà le numerose norme attuali.

Al momento, infatti, le varie leggi sulla privacy sono troppe e, in alcuni casi, in conflitto tra loro; armonizzare le norme sarà un bene anche per le aziende, che troveranno più facile attenersi alle regole e risparmieranno sui costi necessari. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Sempre più siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessità del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (4740 voti)
Leggi i commenti (12)
Il punto principale della direttiva riguarda il cosiddetto "diritto all'oblio" in Rete, ossia il principio secondo il quale ogni utente ha diritto di richiedere ai fornitori dei servizi online (dai social network ai cyber locker)la rimozione completa dei dati che lo riguardano.

Inoltre, ognuno deve poter ottenere anche i dati in un formato riutilizzabile presso altri servizi tramite una procedura di esportazione semplice e immediata.

Un terzo e importante punto riguarda poi il caso di eventuali incursioni informatiche che portino alla sottrazione di dati personali, che i vari avvenimenti del 2011 (in particolare il caso del Playstation Network) hanno dimostrato non essere una possibilità poi tanto remota.

I provider saranno obbligati a informare tempestivamente - entro 24 ore - i propri utenti dell'accaduto, pena una sanzione che potrà arrivare sino all'1% del fatturato annuo mondiale.

È chiaro che aziende come Facebook e Google saranno le prime a finire nel mirino dell'Unione Europea non appena la direttiva sarà approvata.

Tuttavia, anche dopo la pubblicazione a Bruxelles le norme dovranno essere ratificate dai vari stati membri prima di entrare in vigore: ciò significa che le cose non cambieranno prima del 2014/2015 e, per allora, social network e soci dovranno farsi trovare pronti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
UE, Google è responsabile del diritto all'oblio
Google non è responsabile del diritto all'oblio

Commenti all'articolo (9)


Zievatron
Ah! Bhè, allora è una legge giusta e doverosa. :D
28-1-2012 16:04


Gladiator
Direi che il campo d'azione della legge è molto più limitato di quanto chi mi ha preceduto nel thread abbia interpretato infatti, come dice il sottotitolo dell'articolo: Io interpreto che questa legge avrà effetto sull'annoso problema per cui fessbuk e altri servizi non rimuovono tutti dati personali degli utenti dai propri DB nemmeno... Leggi tutto
28-1-2012 15:49


Zievatron
E' quello che intendevo anche io! :D Eventualmente con qualche estensione. Non sono solo i politici ad influenzare le opinioni e la vita delle persone. Anche tutti i fatti di rilevanza sociale lo fanno. Per cui non si può chiedere il diritto all'oblio dei fatti, o anche di discussioni pubbliche.
25-1-2012 13:30


Blind Guardian
Quello che intendevo dire è che la legge va più che bene, ma bisogna chiarire una volta per tutte che un politico, un personaggio pubblico o quello che volete voi non può avere una vita privata (se non entro certi limiti) e non può avere diritto all'oblio, in quanto persona pubblica che condiziona la vita e le idee del pubblico.
25-1-2012 13:14


Zievatron
E questo è ancora niente! Potrebbe essere il primo passo verso il diritto di cancellare qualcosa dalla memoria delle persone. :shock: Senza gli appropriati "puntini sulle i" è una legge da bocciare categoricamente.
25-1-2012 12:58


Blind Guardian
Mi sembra abbastanza ovvio che se io decido di diventare una personalità pubblica, da quel momento in poi ho rinunciato per sempre al diritto all'oblio... Ma scusate ma se Mussolini avesse preteso il diritto all'oblio allora avremmo dovuto cancellarlo dai libri di storia? E se domani Bossi volesse lo stesso diritto dovremmo far finta... Leggi tutto
25-1-2012 12:51

GiuMaz
Non ne sono sicuro, ma non credo si possa fare una cosa del genere... O almeno lo spero... Dopo tutto la pagina di wiki non è una serie di dati che il politico decide di mettere in rete, ma qualcosa che gli altri scrivono (si spera oggettivamente) di lui... Comunque penso che il "diritto all'oblio" sia grosso modo una cosa... Leggi tutto
25-1-2012 11:24


Zievatron
Non lo so. Ma la cosa andrebbe esaminata attentamente. Una possibilità del genere non mi va proprio giù per niente.
25-1-2012 00:53

{ice}
ci sono possibili applicaizoni di questa legge che mi spaventano.Wikipedia com'è considerata, visto che la porduzione dei suoi contenuti è "social"Se un politico delinquente vuole rifarsi la verginità potrebbe sfruttare questa nuova legge per pretendere la cancellaizone del suo porfilo da wikipedia!?!?!
24-1-2012 13:45

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics