Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
IBM prevede che cinque tecnologie diventeranno realtà entro il 2016. Quale credi che si realizzerà davvero?
Microgenerazione: tutto ciò che si muove (camminare, andare in bicicletta, persino l'acqua che scorre nei tubi) produrrà energia, e diremo addio alle grandi centrali.
Password genetica: scansione della retina, riconoscimento vocale e i tratti biometrici in generale saranno combinati per creare una password unica e irripetibile.
Lettura del pensiero: come Kinect legge i movimenti, così i dispositivi del futuro leggeranno la volontà degli utenti tramite le onde cerebrali, e ne anticiperanno i desideri.
Addio al digital divide: grazie ai dispositivi mobili, anche le più remote aree del globo saranno connesse a Internet, avranno accesso alle informazioni e potranno migliorare la qualità della propria vita.
Apprezzeremo lo spam: le email spazzatura diventeranno così personalizzate da risultare utili, trasformandosi da seccature in opportunità.

Mostra i risultati (2635 voti)
Novembre 2014
Licenziato per un Like su Facebook
E-book, il governo vuole l'IVA al 4%
Il tablet low cost di Nokia
Pwn2own, cadono tutti gli smartphone tranne Windows Phone
Il sottomarino supersonico che va a 5.800 km/h
Il sito dei guardoni: 73mila telecamere private hackerate
In fuga da WhatsApp, ma verso dove?
Ma quanto sono spione le ''smart TV''?
900 giochi arcade nel browser disponibili gratuitamente
Garante Privacy autorizza controllo dipendenti via Gps
Curriculum vitae, indicare solo l'essenziale
Ottobre 2014
Il gettone telefonico, questo sconosciuto
Honor 6, lo smartphone 4G più veloce del mondo
Trovare le chiavi sotto lo zerbino con Google
La batteria che dura vent'anni e si ricarica in due minuti
Tutti gli Arretrati

Quello scorporo di TIM che il governo dovrebbe proibire

Una separazione di TIM da Telecom Italia sarebbe un'operazione rovinosa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-02-2012]

scorporo tim telecom italia
Foto via Fotolia

La nascita di TIM fu una scelta obbligata per Telecom Italia: fu l'Antitrust a volere la separazione,.

I manager di Telecom la vedevano come il fumo negli occhi: in effetti i cellulari - che avevano appena iniziato il proprio boom, erano carissimi e targati unicamente Telecom - promettevano grandi soddisfazioni.

Eppure non si poté fare altrimenti: senza lo scorporo del mobile dal fisso, per l'appena nata concorrente Omnitel (oggi Vodafone) di De Benedetti non ci sarebbe stata storia, poiché troppo forte era il vantaggio di Telecom che le permetteva di commercializzare le offerte mobile attraverso i propri canali.

Nacque quindi TIM, controllata a maggioranza da Telecom, ma Colaninno aveva già progettato di metterne sul mercato una bella quota per pagare i debiti che aveva fatto per impadronirsi di Telecom con l'OPA.

Il mercato tuttavia bocciò questa scelta che avrebbe ridotto al lumicino i profitti di Telecom, derivanti per la maggior parte dal mobile.

Tronchetti Provera, poi, al contrario fuse TIM con Telecom, nella speranza di realizzare grandi vantaggi e risparmi, ma ottenendo solo di indebitare ancora di più Telecom Italia.

Sondaggio
Qual è secondo te il problema principale dei call center?
Tempi di attesa troppo lunghi
Mancanza di coordinamento tra settore tecnico e amministrativo
Personale scortese
Personale incapace
Personale capace, ma non addestrato adeguatamente

Mostra i risultati (2839 voti)
Leggi i commenti (13)

Ora, secondo le indiscrezioni, gli azionisti di Telco - Banca Intesa, Alleanza Assicurazioni e Telefonica - per recuperare i soldi che hanno finora immesso nel'azienda da quando hanno sostituito Tronchetti Provera nel controllo, potrebbero scorporare TIM da Telecom.

Sarebbe questa l'ennesima operazione finanziaria in cui a rimetterci sarebbe l'Italia: Telecom rimarrebbe con le casse vuote e troppi dipendenti e, a quel punto, dovrebbe vendere la rete, magari a qualche gruppo straniero.

C'è da sperare che il governo ostacoli una soluzione del genere. Ma l'ex amministratore delegato di Intesa SanPaolo si opporrà alla sua ex banca?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

{ciccio}
se vogliono la rivoluzione facciano pure....inteso
3-2-2012 20:28


merlin
E perché dovrebbe opporsi? Il problema è di chi prima ha voluto la bici e poi dice che non sa pedalare.
3-2-2012 02:53

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics