Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1135 voti)
Ottobre 2014
Google lancia Inbox, l'email intelligente
L'ombrello ad aria
L'invenzione italiana che rende potabile l'acqua radioattiva
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
SIAE, una picconata al monopolio
Il chiavistello smart a prova di scassinatore
Hai scaricato Kill Bill? Arriva la multa
Vantablack, il materiale più nero del nero
Violati i server di Yahoo e Winzip
Mac colpiti da malware
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Windows 10, torna il menu Start
Windows 10, tutte le novità
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
Tutti gli Arretrati

Tribler, impossibile fermare i torrent

Per fermare questo client BitTorrent, l'unica possibilità è spegnere l'intera Internet.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-02-2012]

tribler
Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita.

Tribler non è esattamente un novellino nel panorama dei clienti BitTorrent, eppure finora è stato spesso sottovalutato.

Ora però che la situazione va diventando sempre meno brillante per i tracker e i motori di ricerca torrent (si veda, a titolo di esempio, la chiusura di BTjukie), Tribler può avere il proprio momento di popolarità.

Ideato alla Delft University of Technology, Tribler si distingue dagli altri client perché dà vita a una rete completamente decentralizzata, che non necessita più né di server centrali né di motori di ricerca.

«È semplice» - spiega il creatore, Johan Pouwelse - «Non ci piacciono i server inaffidabili. Con Tribler siamo riusciti a ottenere un downtime pari a zero secondi negli ultimi sei anni, e tutto perché non ci affidiamo alle traballanti fondamenta dei DNS, dei motori di ricerca o dei portali».

Quando si esegue una ricerca con Tribler tramite la casella integrata, infatti, la richiesta non viene passata a un server che contiene l'indice delle risorse disponibili, ma i risultati arrivano direttamente dai vari peer.

Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (5722 voti)
Leggi i commenti (10)

Il download è ugualmente decentrato: i dati arrivano dai peer e lo scaricamento si avvia immediatamente; pur sfruttando anche i normali tracker, Tribler è in grado di funzionare anche qualora questi siano irraggiungibili.

«L'unico modo di spegnerlo è spegnere Internet», spiega, non senza un po' di ben motivato orgoglio, il dottor Pouwelse.

L'unica difficoltà per chi vuole iniziare potrebbe stare nel trovare i primi peer da contattare, ed è per questo che gli sviluppatori sono continuamente alla ricerca di utenti che si accollino il compito di fungere da bootstraptribler, ossia da utenti che forniscono la lista di chi è attivo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Approfondimenti
I dieci siti di torrent più popolari

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

{alfaalfa}
Si il concetto è simile ed emule, ma utilizza il protocollo torrent, quindi è considerevolmente più veloce. Inoltre è in grado di acquisire anche i link dai normali motori di ricerca torrent, nonché i magnet link.
11-3-2012 11:40


Gladiator
Anzi, si può sempre aiutarli no? :twisted: Leggi tutto
18-2-2012 19:39

PCMaster
Scusate, ma non è la stessa cosa che si fa già da anni con Emule e Adunanza con la kad/kadu? :)
15-2-2012 10:51


Zievatron
Perchè non dargliele? Se vogliono suicidarsi, hanno tutto il diritto a trovare informazioni utili su come fare. :twisted: Leggi tutto
14-2-2012 14:16


etabeta
Già provato anni fa'. Non è molto intuitivo soprattutto per quanto riguarda l'eventuale condivisione di file propri. Credo che abbia bisogno di parecchi aggiustamenti prima di essere utilizzabile e funzionale. :(
14-2-2012 12:58

Leggi gli altri 5 commenti nel forum Peer to peer
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics