Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Qual è il tuo linguaggio di programmazione preferito?
C
Java
PHP
JavaScript
C#
Visual Basic .NET
C++
Perl
Python
Ruby

Mostra i risultati (932 voti)
Luglio 2014
Il ginecologo che fotografava le donne nude
L'uomo-wiki
BeppeGrillo.it e i macachi di Modena
Gli italiani telefonano di meno, è proprio crisi
Android L aumenta drasticamente la vita della batteria
Tim e Vodafone, gli avvisi diventano a pagamento
La tassa sull'equo compenso e il governo Renzi
Gmail, eliminare la posta già spedita
La Guardia di Finanza oscura DDLStorage
Mondiali di calcio in streaming su Internet
No-IP non funziona, la colpa è di Microsoft
Spyware di stato: le app spione del governo
Giugno 2014
Mappe offline sullo smartphone
Roaming traffico dati, dal 1 luglio costi dimezzati
Bitcoin Generation
Tutti gli Arretrati

Sergey Brin: Apple e Facebook minacciano libertà di Internet

Per il cofondatore di Google le lobby del copyright, la censura governativa e i giardini recintati minacciano il web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-04-2012]

sergey brin google rete pericolo

La libertà del web - e della Rete in generale - non ha mai corso pericoli tanto grandi quanto quelli che si trova ad affrontare ora.

È questa, in estrema sintesi, l'opinione che il cofondatore di Google Sergey Brin ha espresso in un'intervista al britannico The Guardian.

Nel corso dell'intervista, Brin ha individuato tre nemici di Internet: i governi autoritari che censurano il web o impongono regole restrittive; alcune aziende molto potenti; le lobby che combattono la pirateria.

Questi tre elementi insieme sono quelli che spingono Brin a sostenere che il web così come lo conosciamo è seriamente minacciato, e già ora è molto diverso da quello che era ai tempi della nascita di Google.

Da un lato, infatti, ci sono i governi che pretendono di controllare gli accessi e le comunicazioni dei cittadini: valga come esempio la situazione che esiste in Cina, Paese che Google ha parzialmente abbandonato proprio per non dover sottostare alla censura.

Allo stesso modo, i pericoli vengono da quei Paesi come l'Arabia Saudita, l'Iran, la Siria e altri in cui sistematicamente vengono adottate misure per limitare le comunicazioni o ridurre al silenzio le voci discordanti.

Dall'altro lato vi sono tutte quelle iniziative per la creazione di leggi - SOPA, PIPA, ma anche ACTA e la recente CISPA - che mettano gli interessi dei creatori di contenuti al di sopra della libertà dello scambio di informazioni, usando come pretesto la lotta alla pirateria e alla contraffazione ma scoraggiando in realtà gli acquisti legali.

«Non vi provo da anni» - spiega Brin - «ma quando si visita un sito pirata, si sceglie ciò che piace; lo si scarica sul dispositivo che si preferisce e funzionerà - invece, affrontare tutti quei passaggi per acquistare contenuti legali, scoraggia la gente dall'acquistare».

Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (2512 voti)
Leggi i commenti (18)

In mezzo, vi sono alcuni nemici che hanno un nome e una faccia, o almeno un logo: sono realtà come Apple e Facebook, responsabili di aver creato quelli che da tempo Google definisce «walled gardens», giardini recintati in cui la libertà degli utenti è limitata dalle ferree regole imposte da chi gestisce il tutto.

A parere di Brin, le piattaforme proprietarie all'interno delle quali gli utenti sono costretti rischiano di soffocare l'innovazione: «c'è molto da perdere» ha dichiarato il cofondatore di Google. «Per esempio, tutte le informazioni nelle app: i dati non possono essere raggiunti dai web crawler. Non si possono cercare».

Brin si spinge a immaginare che, in un web dominato da Facebook, una realtà come Google non potrebbe mai nascere: «devi giocare secondo le loro regole, che sono molto restrittive. Il tipo di ambiente in cui abbiamo sviluppato Google, la ragione per cui siamo stati in grado di sviluppare un motore di ricerca, è che il web era veramente aperto. Una volta che si impongono troppe regole, si soffoca l'innovazione».

C'è, in queste affermazioni, un'eco della lunga battaglia tra Google e Facebook, con la prima che accusa la seconda di aver approfittato delle informazioni fornitele - «Facebook ha succhiato i contatti di Gmail per anni» - senza concedere in cambio alcuna interoperabilità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (7)


Gladiator
Le considerazioni di Brin sono, ritengo, assai condivisibili, il fatto che vengano da uno dei colossi che, in un modo o nell'altro, hanno controllo o, quantomento, forte influenza su quanto si scrive e avviene nel web non ne minano la validità. Certamente dalla Google di oggi risuonano con meno forza e credibilità rispetto alla Google... Leggi tutto
22-4-2012 18:50

spacexplorer
@{ranx} Penso perché col passare del tempo cambiano molte cose... Google è stata un'azienda che ha innovato, ma la spinta s'è via via smorzata, il mercato non ha risposto come si aspettavano e nel contempo han iniziato ad avere una certa dipendenza/voglia di guadagno a tutti i costi, non basta avere tanto, si vuol avere tutto... Google+... Leggi tutto
17-4-2012 10:31


Zievatron
Se non altro, è un merlo parlante. E' già una buona cosa. :wink: Leggi tutto
17-4-2012 00:38

{ranx}
Ma allora perché (voi di Google - ndr) fate di tutto per assomigliare a fessbuc e ficcate il vostro insopportabile G+ dappertutto? Leggi tutto
16-4-2012 22:07

dany88
e poi le "informazioni delle app" sono molto limitate, le app che contengono informazioni sono al 99% client di servizi che esistono in rete e utilizzabili da browser (e quindi indicizzabili).
16-4-2012 21:53

spacexplorer
Il merlo accusa il corvo d'esser nero... Pensa che addirittura gli USA si son lamentati che in Australia è vietato alla PA usare servizi cloud coi dati all'estero: "è un ostacolo al libero mercato"... Il fatto è che l'web 2.0 ed il cloud computing sono nuovi nomi per manette e cetriolo: non possono più controllare la... Leggi tutto
16-4-2012 21:41


ciroinformatico
Ma che dicono? o.O
16-4-2012 17:09

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics