Sondaggio
Pensi che il carpool dinamico (passaggi a utenti che fanno lo stesso percorso organizzandosi via web o smartphone) sia una buona soluzione per diminuire il traffico e abbassare i costi?
E' una buona idea, a patto che sia sicuro, il costo sia basso e non si debba essere legati ad alcun utente.
Non credo che funzionerà in Italia.
Non ne sono sicuro, ma potrebbe funzionare.
Controllerei le referenze dell'autista designato prima di salire sulla sua auto. Ma utilizzerei il servizio.
Parteciperei volentieri perché è un'ottima idea!
Potrei usufruirne, anche per ridurre l'inquinamento, anche se ho la mia auto. Qualche volta potrei fungere da autista.

Mostra i risultati (1054 voti)
Luglio 2015
L'auto che si restringe per parcheggiare meglio
La lampadina a Led più economica del mondo
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Sabotaggio verso gli utenti di μTorrent
Su Google Play Music la musica adesso è gratis
A cosa serve prenotare Windows 10?
Aggiungere una cartella alla barra delle applicazioni
Jobs Act, permesso il controllo a distanza dei dipendenti
11 bufale hi-tech a cui molti continuano a credere
Navigare senza limiti in 4G LTE? Sì, ma solo di notte
Come passare da MBR a GPT e viceversa
Riutilizzare le vecchie batterie dei telefonini si può
Porn Time è il Popcorn Time a luci rosse
Google Maps, navigatore anche senza la connessione
Rubare soldi al bancomat con l'iPod Nano
Tutti gli Arretrati

Ritrova la madre con Google Earth

Scomparso quando aveva cinque anni, riconosce la città natale grazie alle foto scattate da Google.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-04-2012]

ritrova madre google earth

Saroo Birerley, un uomo di origine indiana ora residente in Australia, quando aveva cinque anni era partito insieme al fratello dalla città in cui abitava; a un certo punto s'era addormentato, risvegliandosi 14 ore più tardi nei sobborghi di Calcutta, e senza che vi fosse traccia alcuna del fratello.

Per un certo periodo era rimasto a vivere sulla strada, finché non era finito in un orfanotrofio e, quindi, era stato adottato da una coppia australiana; laggiù poté rifarsi una vita.

Con il passare del tempo, però, si fece più forte il desiderio di recuperare le proprie origini: ricordava bene la propria città natale, ma aveva dimenticato il nome.

Così, dopo aver calcolato quanto potesse aver viaggiato quel lontano giorno (in base alla velocità media dei treni indiani), individuò su Google Earth la città di Khandwa.

Il nome non gli diceva niente ma, dopo aver effettuato lo zoom, Saroo iniziò a riconoscere i luoghi che frequentava da bambino, in particolare una cascata presso la quale era solito giocare.

Sondaggio
iPad/iPhone, Android, Windows Phone hanno servizi che localizzano gli utenti. La privacy è violata?
Sì, almeno potenzialmente.
No, è tutta una bolla di sapone.
Non so.

Mostra i risultati (2718 voti)
Leggi i commenti (3)

È così che Saroo Birerley è riuscito a presentarsi, 25 anni dopo la propria scomparsa, di fronte all'incredula madre naturale; purtroppo non ha potuto riabbracciare il fratello, morto un mese dopo la sua scomparsa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics