Ritrova la madre con Google Earth

Scomparso quando aveva cinque anni, riconosce la città natale grazie alle foto scattate da Google.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-04-2012]

ritrova madre google earth

Saroo Birerley, un uomo di origine indiana ora residente in Australia, quando aveva cinque anni era partito insieme al fratello dalla città in cui abitava; a un certo punto s'era addormentato, risvegliandosi 14 ore più tardi nei sobborghi di Calcutta, e senza che vi fosse traccia alcuna del fratello.

Per un certo periodo era rimasto a vivere sulla strada, finché non era finito in un orfanotrofio e, quindi, era stato adottato da una coppia australiana; laggiù poté rifarsi una vita.

Con il passare del tempo, però, si fece più forte il desiderio di recuperare le proprie origini: ricordava bene la propria città natale, ma aveva dimenticato il nome.

Così, dopo aver calcolato quanto potesse aver viaggiato quel lontano giorno (in base alla velocità media dei treni indiani), individuò su Google Earth la città di Khandwa.

Il nome non gli diceva niente ma, dopo aver effettuato lo zoom, Saroo iniziò a riconoscere i luoghi che frequentava da bambino, in particolare una cascata presso la quale era solito giocare.

Sondaggio
iPad/iPhone, Android, Windows Phone hanno servizi che localizzano gli utenti. La privacy è violata?
Sì, almeno potenzialmente.
No, è tutta una bolla di sapone.
Non so.

Mostra i risultati (2774 voti)
Leggi i commenti (3)

È così che Saroo Birerley è riuscito a presentarsi, 25 anni dopo la propria scomparsa, di fronte all'incredula madre naturale; purtroppo non ha potuto riabbracciare il fratello, morto un mese dopo la sua scomparsa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (3788 voti)
Maggio 2016
Lo smartphone economico dell'ex CEO di Apple
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
Trend Micro: disinstallate subito QuickTime
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Marzo 2016
L'FBI è entrata nell'iPhone del terrorista
Romanzo scritto dal computer va in finale per premio letterario
Il phishing di Equitalia
Il campo magnetico della felicità
Chiavetta Usb con butt plug: i tuoi dati in un posto veramente sicuro
WhatsApp, arrivano le chiamate cifrate
Google svela Android N
Come rubare gli account di Facebook
Tutti gli Arretrati


web metrics