Sondaggio
Dove alloggerai (o hai alloggiato) durante le vacanze, quest'anno?
In un campeggio.
In un hotel.
In una casa in affitto.
In un villaggio turistico.
In un agriturismo.
In un ostello della gioventù.
Nella mia seconda casa.
A casa di parenti o di amici.
A casa mia: niente vacanze quest'anno.

Mostra i risultati (1696 voti)
Maggio 2015
''Effective power'', un messaggino manda in tilt iPhone e Apple Watch
Occhio alla pornotruffa che blocca il computer
La Tv da attaccare come un magnete al frigo
Navigazione più privata e sicura con Freedome
Paypal, multa di 25 milioni per il credito ''revolving''
Google manda le multe ai pirati
Halfbike, bicicletta a metà
I server virtuali hanno un bug peggiore di Heartbleed
Le 7 versioni di Windows 10
Wind e 3 Italia, fusione in vista
8 errori da evitare per non essere hackerati
Da Tesla il Powerwall per risparmiare elettricità in casa
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Microsoft logga gli IP dei pirati di Windows 7
Se la stazione rivela la password in diretta TV
Tutti gli Arretrati

Sempre più agitate la acque sull'ACTA

Il Controllore Europeo per la Protezione dei Dati esplicita le minacce alla privacy derivanti dall'accordo commerciale anti contraffazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-05-2012]

f... ACTA

Approfittando del momento socio-economico sfavorevole in ambito europeo, le lobby degli Stati Uniti continuano il pressing per far approvare norme più favorevoli alla tutela dei diritti di autori ed editori.

Se gli andrà bene, probabilmente insisteranno anche per una revisione in ottica nordamericana della legislazione sui brevetti in campo tecnologico e dell'innovazione.

Ad oggi, l'Accordo Commerciale Anti Contraffazione (ACTA) è stato sottoscritto dal Consiglio e dalla Commissione Europea, dalla maggioranza di membri dell'UE (tra cui Italia, Francia e Regno Unito) nonché da Stati Uniti, Australia, Canada, Svizzera, Marocco, Giappone, Nuova Zelanda, Corea del Sud e Singapore.

Per ora le uniche resistenze effettive sulla questione del controverso accordo sembrerebbero le eccezioni sollevate del Controllore Europeo per la Protezione dei Dati (CEPD) che in un recente rapporto ribadisce il parere già espresso nel 2010 e puntualizza le minacce che potrebbero derivarne sulla privacy degli utenti in caso di adozione.

L'eurocontrollore teme infatti che misure dettagliate sulla protezione della proprietà intellettuale sull'Internet avrebbero effetti secondari ma inaccettabili sui diritti fondamentali delle persone in caso di applicazione scorretta.

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito. - 13.3%
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi. - 65.7%
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni. - 10.1%
No, perché ho deciso di non andare a votare. - 10.9%
  Voti totali: 3441
 
Leggi i commenti (40)

Il rapporto lamenta che allo stato attuale le misure "mancano di precisione" permettendo "la sorveglianza indifferenziata e generalizzata sul comportamento degli utenti del Web e delle loro comunicazioni elettroniche"; e continua lamentando che la normativa prevista dall'ACTA sono contrarie sia all'art. 8 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo che agli articoli 7 e 8 dell'accordo sui diritti fondamentali e alla direttiva sulla protezione dei dati.

newsletter

Il CEPD inoltre rileva che sembrano del tutto scavalcati i principi giuridici relativi alla presunzione d'innocenza e alla protezione dei dati personali dei cittadini, mentre al contrario "le misure richieste sono estremamente intrusive della sfera privata delle persone e non devono essere applicate quando non siano necessarie e comunque proporzionate all'obiettivo di far rispettare il diritto alla proprietà intellettuale".

In attesa del procunciamento in giugno dell'Europarlamento in sessione plenaria, la Commissione Europea evrebbe voluto scavalcare le contrapposizioni deferendo l'accordo all'esame della Corte di Giustizia europea; tentativo fortunatamente abortito per l'opposizione di quanti non vedevano di buon occhio che un organo giurisdizionale fosse chiamato a esprimersi - sia pure informalmente - su contenuti puramente amministrativi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Io voterò Partito Pirata. :wink:
10-5-2012 15:46

votiamo persone come beppe grillo .
10-5-2012 00:16

Adesso che esiste un appiglio giuridico la vedo dura far approvare una norma Americana contro gli interessi Europei... :wink: Ciao
9-5-2012 00:39

Bhà. Non smetteranno mai. L'unica speranza e che una rivoluzione li mandi tutti alla ghigliottina. :evil:
5-5-2012 00:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics