Yahoo, il CEO ha mentito sulla laurea

Gli azionisti ora chiedono il licenziamento di Scott Thompson.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-05-2012]

scott thompson finta laurea

Dopo le polemiche seguite al licenziamento di Carol Bartz e la designazione di Scott Thompson quale nuovo CEO, Yahoo pensava di poter tornare a concentrarsi sul proprio futuro.

Invece proprio Thompson è proprio la causa delle nuove difficoltà impreviste: pare che abbia mentito - o quantomeno che non si sia opposto alla divulgazione di informazioni false - circa il proprio titolo di studio.

Fino a poco tempo fa, infatti, sul sito di Yahoo si trovava scritto che il CEO era laureato in contabilità e in informatica. Il problema è nato quando un azionista - Dan Loeb - ha fatto notare che la laurea in informatica non esiste.

Dalla denuncia di Loeb è partita la ricostruzione, in base alla quale pare che Thompson in passato abbia millantato in diverse interviste il possesso del fantomatico titolo, ma il vero problema è che la laurea risulterebbe citata anche nella documentazione consegnata alla SEC.

Sondaggio
Secondo te la riforma dell'articolo 18 proposta dal Governo...
Modernizzerà l'economia e creerà nuova occupazione. - 10.7%
Peggiorerà le condizioni di lavoro ed aumenterà la disoccupazione. - 65.3%
E' negativa ma necessaria, data la crisi economica nazionale e mondiale. - 6.8%
Non peggiorerà né migliorerà economia e lavoro in Italia. - 17.2%
  Voti totali: 3160
 
Leggi i commenti (42)

Al di là del fatto che il possesso o meno del titolo di studio nulla dice sulle capacità di Thompson di risanare l'azienda, il Consiglio di Amministrazione ha già fatto sapere di avere intenzione di andare a fondo della vicenda (poiché l'aver affermato il falso a più livelli potrebbe avere conseguenze pesanti), e che comunicherà agli azionisti le proprie decisioni.

Intanto quanti si oppongono alla strategia di Thompson già ne chiedono le dimissioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

{utente anonimo}
Mah.... negli USA la laurea in informatica si chiama Computer Science, in Italia esiste la laurea di informatica....
7-5-2012 23:25

mah loro non sono quelli che guardano al merito? se è bravo nel suo lavoro che resti... se non è bravo fora dai ciap! da noi il problema non si pone... l'importante (tanto ci son così tante lauree finte in giro che si svalutano anche quelle vere) è non mentire sulle conoscenze... (ovviamente non nel senso di COSA si conosce ma di CHI si... Leggi tutto
7-5-2012 17:52

oppure goodsite...
7-5-2012 17:46

{utente anonimo}
Lo chiameranno "The Trout"
7-5-2012 17:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1266 voti)
Luglio 2016
Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo
Meglio Telegram, Signal o WhatsApp?
Tim potrebbe licenziare 170 dirigenti su 600
TIM, aumenti in vista per ADSL e fibra
Con Ubuntu Snappy le dipendenze non sono più un incubo
Giugno 2016
In vendita lo smartphone da 3 euro
Godless è il nuovo malware che infetta Android
Mikko Hypponen spiega come hackerare una banca
Se un'auto elettrica finisce in acqua, si rimane folgorati?
Rivoluzione Linux con le snap di Ubuntu ovunque
OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto
Da Samsung lo smartphone che si srotola e diventa un tablet
Autovelox, riconoscimento targhe e volti tutto in uno
Il keylogger travestito da caricabatterie Usb
Aiuto, Windows 10 si installa a forza sul computer!
Tutti gli Arretrati


web metrics