Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.


Intervista all'avvocato Angelo Greco

Copyright e crisi del diritto d'autore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2012]

avv. Angelo Greco

La legge sul copyright va cambiata?

"Va cambiata ma non abolita. Del resto, senza la tutela del diritto d'autore, l'arte rimarrebbe solo in forma dilettantistica e gli investimenti, in termini di produzioni e tecnologie, diverrebbero spese a fondo perduto che nessuno sosterrebbe più. Avremmo solo film e musiche senza dietro le grandi produzioni che a tutti piacciono".

"E' necessario coniugare il copyright con le nuove tecnologie e con le esigenze di condivisione e di utilizzo (in forma creativa) delle opere altrui. Non si può ignorare il fatto che la pirateria sia un nemico invincibile o, comunque, ostacolabile solo attraverso il sacrificio di molte prerogative del web. E a queste prerogative nessuno vuol più rinunciare. Anche i cellulari presentano tanti svantaggi (non in ultimo, una continua e irriverente lesione della sfera privata, in qualsiasi ora della giornata); ma nessuno è più in grado di liberarsene. Così le libertà di Internet".

"La pirateria, e l'impossibilità di controllarla, è un fatto dal quale non si può prescindere nell'opera di revisione delle norme sul diritto d'autore. Ostinarsi a pensare che ciò non sia giusto equivale all'atteggiamento di chi, in linea con le dottrine astratte dei manuali, si ostini a ritenere che la forza di gravità non esiste: verrebbe spontaneo suggerire, a questi, di buttarsi dalla finestra per sperimentare quanta differenza c'è tra la teoria e la pratica. Da tale ineliminabile circostanza si deve partire. Che piaccia o no".

Nemmeno l'ACTA o altre convenzioni internazionali potranno risolvere il problema?

"Sono abbastanza scettico. Pensiamo al caso di "Sealand", la piattaforma militare usata dagli inglesi e nel 1967 occupata con la forza da un cittadino di Sua Maestà, il sig. Roy Bates, che ne fece la propria residenza. Una sentenza di un tribunale britannico dichiarò che la piattaforma si trovava fuori dalle acque territoriali e così sig. Roy Bates non tardò a autodichiararsi governatore di uno Stato autonomo. Gli inglesi, dopo un infruttuoso tentativo di riconquistare la piattaforma, cominciarono ad abbandonare l'idea, sperando che il tempo facesse la sua parte sul già anziano e bizzarro individuo. Ma, alla fine, la piattaforma cominciò ad ospitare server pirati, come Napster, perché si trattava di territorio fuori dalla giurisdizione di ogni altro Governo. Se le convenzioni contro il filesharing non verranno fatte dal 100% di tutte le nazioni del globo, ci sarà sempre un'isola felice dove i pirati collocheranno i loro database, con buona pace delle leggi repressive nazionali".

Dobbiamo quindi rassegnarci all'impossibilità di un accordo globale?

"Quando non si può vincere il nemico, ci si deve alleare con esso. C'è bisogno di nuove regole che disciplinino i diritti degli autori e li facciano convivere pacificamente con i diritti della rete. Perché non si può ritenere, in via aprioristica, che ogni ragazzo che ha una connessione a internet sia anche un pirata e quindi un criminale".

Quali potrebbero essere delle soluzioni per riformare il copyright senza perciò criminalizzare il filesharing?

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito.
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi.
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni.
No, perché ho deciso di non andare a votare.

Mostra i risultati (3335 voti)
Leggi i commenti (40)

"Una soluzione potrebbe essere quella di autorizzare almeno quello non commerciale attraverso l'imposizione di una tassa, applicata su ogni abbonamento/connessione ad Internet, che finisca nelle tasche degli artisti (o, per essi, delle società di raccolta dei diritti d'autore), le cui opere sono condivise sulle piattaforme peer to peer. Attraverso la cessione di una licenza globale gli utenti potrebbero acquistare, a poco prezzo, il diritto di condividere liberamente i file".

"Si potrebbe inoltre prevedere un sistema di tutela del copyright come quello dei marchi: ossia garantendo al titolare del diritto d'autore un primo e breve periodo di tutela automatica (per esempio, dieci anni), ma imponendogli poi di rinnovarlo alla scadenza del termine. Qualora l'autore non lo faccia, tutti potranno usare la sua opera gratuitamente o attraverso il pagamento di una equa royalty".

newsletter

"Dunque, le uniche opere che continuerebbero a godere di protezione totale sarebbero solo quelle il cui titolare si fosse attivato concretamente per proteggerle ossia, in definitiva, quelle remunerative. Se, infatti, per il detentore del copyright non vale la pena, dopo dieci anni, compiere qualche sforzo per rinnovare la registrazione della propria creazione, tanto meno conviene allo Stato minacciare costosi procedimenti giudiziari e tenere in vita istituzioni di polizia o autority di controllo per tutelare una proprietà di cui il titolare stesso ne ha perso ogni interesse.

Ritiene che la strategia di enforcement perseguita dalla legge sia giusta?

"Quando si parla di legge, spesso il concetto del giusto e dello sbagliato è relativo. In realtà, molto spesso, la legge dovrebbe prendere a riferimento ciò che la coscienza sociale ritiene giusto e poi renderlo tale anche per l'ordinamento legale".

"Inasprire le sanzioni contro le violazioni del copyright rischia di sovvertire la stessa scala di gravità degli illeciti, minando la proporzione tra sanzioni. Mi spiego meglio. In Italia, molti reati caratterizzati da un maggiore disvalore sociale rispetto alla pirateria informatica sono ormai puniti in forma assai più lieve rispetto a chi scarica un Cd da internet. Per esempio, il reato di molestie (che è l'anticamera del tanto condannato stalking) è considerato una semplice contravvenzione per la quale è previsto l'arresto fino a sei mesi. Al contrario, chi copia un'opera protetta dal diritto d'autore commette un delitto (cosa più grave della contravvenzione) ed è sanzionato con la reclusione fino ad un anno".

"Dunque, secondo il legislatore, chi usa un software come Torrent o Emule è due volte più pericoloso e criminale rispetto a chi, in pubblico o col telefono, molesti e intimorisca qualcuno. Nessuno avrebbe timore o ritrosia nell'essere amico o cenare con uno "smanettone" della rete, mentre susciterebbe certo qualche perplessità la compagnia di un tale che si diverte a intimorire le persone durante la notte, con telefonate minacciose. Eppure, nonostante questa diversa coscienza popolare, la legge usa un metro di punizione totalmente diverso".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (6)


Zievatron
Il punto fondamentale è che, comunque, la trasformazione è ineluttabile.
27-7-2012 17:46


Zorro
Non c'è bisogno, secondo me, di entrare nel dettaglio. Un economista che non vi dico chi è tanto non ve ne frega niente sosteneva "nella nostra società basata sull'economia di scambio tutto costa, e se qualcuno ti dice che una cosa è gratis ti sta imbrogliando perchè c'è qualcuno che paga al posto tuo". E secondo me aveva... Leggi tutto
27-7-2012 15:19


etabeta
Anche se c'è una sola persona (io) a cui non piace non è possibile, se si vuole operare, e scrivere, con correttezza e con cognizione di causa "tutti". E onestamente se facessimo un sondaggio penso proprio non sarei un caso isolato. Ergo... La brodaglia piace... ma non a tutti!!!
27-7-2012 10:50

dany88
quando si scrive "tutti" si intende, quelle che effettivamente vendono, perchè per quanto faccia schifo l'ennesimo harry potter, quando al bottheghino fa i suoi 900 milioni di dollari, significa che "piace a tutti".
27-7-2012 10:34


etabeta
Cito dall'articolo "Avremmo solo film e musiche senza dietro le grandi produzioni che a tutti piacciono" Dove sta scritto che a tutti piace la brodaglia che propinano le grandi produzioni?? A parte che a me di cinema e musica non può fregare di meno ma preferisco n mila volte Revolution OS I e II alla brodaglia rimbecillente... Leggi tutto
27-7-2012 10:27

{ice}
a quali investimenti da tutelare si riferisce?!?!?! Con queste leggi le aziende spendono piu in studi legali e tribunali di quello che investano in ricerca.... addirittura sono nate aziende (in gergo patent troll) che investono ZERO in ricerca e il lro business è solo martoriare chi di ricerca ne fa davvero con cause milionarie.... Leggi tutto
26-7-2012 16:03

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Qual è la cifra complessiva che spendi ogni mese per il tuo smartphone? Comprende tutto: telefonate, piano dati, Sms, rata telefono e via dicendo.
Sotto i 10 euro
Tra i 10 e i 20 euro
Tra i 20 e i 30 euro
Tra i 30 e i 50 euro
Tra i 50 e i 100 euro
Oltre i 100 euro
Non ne ho idea

Mostra i risultati (3634 voti)
Aprile 2014
Otto trucchi per risparmiare carburante
UPS, vietato svoltare a sinistra!
Autostrade intelligenti per guidare di notte senza fari
2015, tutti gli smartphone avranno l'antifurto
10 case stampate 3D in 24 ore
Come cifrare e autenticare la mail
Amazon, il progetto droni è reale
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Come difendersi da Heartbleed
La nave che va ad acqua di mare
Windows XP, fine di un'era
Hacker di 5 anni viola la Xbox One
Windows 8, Microsoft uccide le piastrelle
Il bus che offre 400 euro a chi si spoglia
Dal 1 aprile si pagano le commissioni sulla benzina
Tutti gli Arretrati

web metrics