Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (1525 voti)
Ottobre 2014
Windows 10, tutte le novità
Settembre 2014
Ecco come sarà Windows 10
Il Tar del Lazio boccia il Regolamento Agcom
ShellShock, falla critica in Linux e Mac OS X
L'iPhone 6 si piega in tasca
Nuova ondata di foto rubate a celebrità
Si suicida in diretta su Skype e la gente fa il tifo
Chiude Italia.it, costato 60 milioni di euro
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Tutti gli Arretrati

Bernabè contro Ruggiero, contestato dai soci

Bernabè propone un'azione contro l'ex AD. L'assemblea lo fischia per aver permesso a Tronchetti Provera di guadagnare la prescrizione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-05-2012]

franco bernabe

Dopo anni passati a invitare tutti - azionisti, giornalisti e dipendenti - a dimenticare le gestioni passate, Franco Bernabé si è convinto a passare all'azione.

Il presidente esecutivo di Telecom Italia ha proposto all'assemblea degli azionisti, celebrata a Rozzano il 15 maggio, una azione di responsabilità contro l'ex amministratore delegato Riccardo Ruggiero. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (2534 voti)
Leggi i commenti (18)
Bernabè pensava così di placare i forti dissensi nati a causa degli scandali emersi - dalle SIM false allo spionaggio telefonico di Tavaroli, fino al recente scandalo Teleasing.

In realtà ha però soltanto suscitato i fischi e i «buu» di disapprovazione dei piccoli azionisti: essendo ormai passati oltre cinque anni non è più possibile agire anche contro l'ex patron di Telecom Marco Tronchetti Provera, il quale ha così potuto guadagnare la prescrizione. Una classica storia italiana.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)


mda
Mi chiedo verso quali soci si rivolgesse in causa..... :lol: :lol: :lol: Io se fossi un poliziotto prenderei nota dei nomi... Non si sa mai... :lol: :lol: :lol: Ciao
18-5-2012 16:50

{ranx}
resta di stucco, è un bernatrucco
17-5-2012 14:48

Freestyler
Caro Babbo Natale, porta ad un po' di gente la capacità di vergognarsi delle proprie azioni...
17-5-2012 00:59

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics