Tata Motors al lavoro per commercializzare l'auto ad aria

Risorge l'idea di un'auto ad aria compressa: l'immissione sul mercato sarebbe ormai vicina.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2012]

mdi miniflowair aria compressa
La MiniFlowAir di MDI

Sono ormai anni che si parla dell'auto ad aria compressa: le prime voci risalgono per lo meno al 2001, quando la leggendaria Eolo venne presentata per la prima volta, e da allora tante volte si sono ripetute nel tempo senza che il prodotto finale arrivasse mai sul mercato, tanto da far sospettare che fosse una bufala.

Nel 2007, l'azienda indiana Tata Motors (proprietaria dei marchi Jaguar e Land Rover) rilevò i brevetti che stavano dietro a Eolo e si mise al lavoro su una propria versione.

Non è dato sapere se nel tempo siano stati risolti i problemi che affliggevano i prototipi - come il fatto che l'aria compressa, espandendosi, congelava i tubi - ma Tata ha annunciato di essere ormai passata alla "fase due" dello sviluppo.

L'azienda indiana sta collaborando con Motor Development International per ottimizzare la tecnologia alla base del progetto, e la commercializzazione sarebbe ormai non più così lontana, sebbene ancora non ci sia l'indicazione di una data precisa.

Sondaggio
La prossima auto che acquisterai sarà
a benzina
a gasolio (diesel)
elettrica
ibrida
a metano
a idrogeno
a biada

Mostra i risultati (6554 voti)
Leggi i commenti (19)

MDI, d'altra parte, ha già all'attivo alcuni prototipi mossi ad aria compressa, come la MiniFlowAir, in grado di percorrere sino a 180 km e di raggiungere una velocità massima di 110 km/h.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Airpod, 13 anni di promesse mancate

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 27)

Mah.. stando a bordo dell'auto e senza toccare oggetti fuori dal veicolo potrei “spingere” un rullo (o simili) collegato alle ruote.. e il veicolo si muoverebbe.. chin: Come esempio alternativo ti proporrei il seguente: la barca e’ a remi, senza vele ma con piscina a bordo e io cerco di farla muovere seduto sul bordo della piscina e... Leggi tutto
25-6-2012 16:47

Per quanto riguarda l'esempio del ventilatore sulla barca a vela basta pensare che sarebbe come tentare di spingere un'auto con le mani stando a bordo: finché l'energia meccanica che esercita la spinta sta sul veicolo stesso questo non si può muovere... ;)
25-6-2012 16:17

Ahh!!! :idea: Ecco l'inghippo! Non è veramente l'aria a far girare l'elica davanti al motorino, ma è il motorino stesso a farlo per mezzo dell'aria e, per farlo, deve spendere energia apposta. Adesso sì è chiaro! Idem per il vento artificiale sulla vela.
25-6-2012 12:50

La batteria si carica con la dinamo che e' mossa dall'elica che e' mossa dall'aria generata dal moto prodotto dal motore. Quindi (come ho scritto sopra) stai recuperando la tua stessa energia. Anzi, la stai sottraendo perche' il motore del motorino eroga piu' energia ("fa piu' fatica") dovendo anche far girare l'elica. ... Leggi tutto
25-6-2012 12:26

@Danielix No. Non penso affatto che i principi della termodinamica siano una sciocchezza e si possa realizzare il moto perpetuo. Ugualmente, quegli esempi non si spiegano da soli. Non è affatto intuitivo che il vento artificiale non possa muovere la barca a vela. Nè che sia inutile cercare di alimentare una dinamo con una elica messa... Leggi tutto
24-6-2012 18:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (1755 voti)
Maggio 2016
Come far durare più a lungo la batteria di un dispositivo Android
Ragioni per usare la modalità aereo quando non sei in aereo
Il ''Service Pack 2'' di Windows 7
TeslaCrypt, arriva la chiave di sblocco universale
Red Ronnie e la Sindrome delle Due Campane
CryptXXX torna a colpire e non c'è antidoto che tenga
Metroweb, Enel e Telecom: come ricomprare ciò che era tuo
CEO di BioViva si inietta virus e si allunga vita di 20 anni
Tre pianeti simili alla Terra distanti pochi anni luce da noi
Lo smartphone economico dell'ex CEO di Apple
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
Harry Potter accusa Wikipedia di pirateria
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Tutti gli Arretrati


web metrics