In spiaggia tra ombrelloni fotovoltaici e Wi-Fi

Nella riviera romagnola la prima tecnospiaggia italiana nello stabilimento balneare hi-tech.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-06-2012]

tecnospiaggia
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

È stata inaugurata a Bellaria-Igea Marina la prima "tecnospiaggia" d'Italia.

Si tratta di un'installazione realizzata grazie alla collaborazione di Telecom Italia - che offre i servizi cloud Nuvola Italiana - e UMPI.

Al Bagno Andrea sono stati installati ombrelloni dotati di celle fotovoltaiche e gestiti da remoto, un sistema di videosorveglianza (per prevenire i furti ma anche per portare soccorso ai bagnanti), totem interattivi - che permettono di inviare foto e cartoline elettroniche, ricevere informazioni (dal meteo e i dati sulla qualità dell'aria alle informazioni di pubblica utilità o turistiche) e ricaricare i mezzi elettrici - e una rete Wi-Fi che copre l'intera spiaggia.

Se la rete wireless è offerta ai frequentatori della spiaggia, le strutture sono connesse tramite la tecnologia a onde convogliate che permette di sfruttare la rete elettrica per trasmettere dati.

Il ministro Piero Gnudi vede il "Progetto Tecnospiaggia" come un'opportunità per rilanciare il turismo in Italia.

Sondaggio
D'estate che cos'è più importante per te?
Il frigorifero
Il ventilatore
Il condizionatore
L'antizanzare
La connessione a Internet anche in vacanza

Mostra i risultati (2209 voti)
Leggi i commenti (1)

Gli fa eco il presidente di UMPI Luca Cecchini, secondo il quale «il turista straniero, molto più orientato ai servizi e alla multimedialità di quanto non sia quello italiano, potrà essere incentivato a bagnarsi sulle coste italiane».

L'obiettivo finale, naturalmente, è di interessare con questa tecnologia gli oltre 12.000 stabilimenti balneari italiani, che costituiscono un mercato dal valore potenziale di 650 milioni di euro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Wi-Fi gratuito su 50 Km di riviera romagnola

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Idee interessanti ma per la spiaggia la mia priorità è sicuramente ... ... andarmene da un'altra parte :lol:
7-8-2012 17:02

Io in spiaggia preferisco leggere un giornale o un libro, il PC lo uso anche troppo al lavoro e a casa, quando sono in spiaggia preferisco disintossicarmi... :wink: Comunque se migliora l'offerta e attira più turisti, ben venga.
2-6-2012 14:53

Idee interessanti ma per la spiaggia la mia priorità è sicuramente vietarne l'accesso a quelli che cucinano la peperonata o in alternativa obbligarli a stare nelle ultime file
2-6-2012 13:38

{Summer}
Idee interessanti ma per la spiaggia la mia priorità è sicuramente vietarne l'accesso ai fumatori o in alternativa obbligarli a stare nelle ultime file
2-6-2012 13:25

un po' rischioso per il tablet (sai mai che lo rubano), e lo smarphone bisogna stare attenti ad usarlo in spiaggia (salinità, sabbia, etc...), e poi è scomodo (display sotto la luce del sole, etc...), insomma, mi accontento di un uso saltuario col 3g o wifi in albergo :D
2-6-2012 08:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (297 voti)
Aprile 2017
I viaggi in aereo di oggi sono più lenti. Perché?
Il motore di ricerca BitTorrent personale e inaffondabile
L'attacco phishing impossibile da rilevare
WikiLeaks: Ecco come fa la CIA a violare Windows
La startup che impianta microchip nei dipendenti
''Perché mai dovrebbero rubarmi o clonarmi il profilo Facebook?''
Falla nei chip Wi-Fi, milioni di smartphone vulnerabili
Ubuntu abbandona Unity
Windows 10, il Creators Update è già disponibile
Marzo 2017
''Windows 10 ha distrutto il mio PC'' e fa causa a Microsoft
Wikileaks rivela il ''cacciavite sonico'' della CIA per colpire i Mac
Come violare un account Windows in un minuto
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
Come disabilitare i video che partono da soli nei siti Web
Monaco lascia Linux soltanto per motivi politici
Tutti gli Arretrati


web metrics