I quindici malware più pericolosi della storia

Kaspersky Lab ha preparato una selezione dei 15 programmi nocivi più influenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-07-2012]

1986. Brain, il primo virus per PC: il virus si diffonde scrivendo il proprio codice nel boot sector del floppy disk.

1988. Il worm Morris infetta il 10% di tutti i computer connessi a Internet (circa 6000 computer).

1992. Michelangelo, il primo virus che attira l'attenzione dei media.

1995. Concept, il primo macro virus.

1999 Melissa, che inaugura l'era delle mailing di massa per la diffusione dei malware.

Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1200 voti)
Leggi i commenti (10)

2003. Slammer, un worm fileless responsabile di un'epidemia globale.

2004. Cabir: il Proof-of-Concept per Symbian diffuso tramite Bluetooth.

2006. Leap, il primo virus per Mac OS X.

2007. Il worm Storm [Zhelatin], pioniere nell'utilizzo dei server C&C.

2008. Koobface, il primo malware che colpisce Facebook.

2008. Conficker, una delle più grandi epidemie della storia, infetta le aziende, gli utenti privati e i governi in oltre 200 paesi.

2010. FakePlayer, un SMS Trojan per Android.

2010. Stuxnet, un attacco mirato su SCADA [Supervisory Control and Data Acquisition].

2011. Duqu, un sofisticato Trojan che raccoglie le informazioni sui soggetti colpiti.

2012. Flame, un sofisticato programma nocivo che viene utilizzato come arma informatica per colpire soggetti presenti in diversi paesi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
The Mask, il malware che ci spia da sette anni

Commenti all'articolo (5)

Ciao mauro_mbf1948 E' un antisyware americano molto scarso. Fino a pochi anni fa, il produttore del software utilizzava della pubblicità indesiderata per reclamizzarlo, con il risultato di farsi una reputazione come falso spyware o Rogue. Frequentando siti di sicurezza americani, non è consigliato da nessuno. Ci sono software ben... Leggi tutto
6-8-2012 22:10

I peggiori virus sono i finti antivirus. Guardate Antivirus 2008 che purtroppo anche se non si accettava la scansione online, al momento di chiudere la finestra non si poteva, e chiudendo la pagina di internet si scaricava lo stesso.- Lo tolsi con cautela e con fatica lavorando fino dentro il registro di sistema e nel prefetch, ma... Leggi tutto
19-7-2012 22:09

Infatti! E' l'unico virus che abbia mai preso*! *Se non ricordo male, ossia se era quello che all'epoca se ti connettevi ad internet con windows senza aver installato (non mi ricordo se il SP o il fix) praticamente te lo prendevi immediatamente... Leggi tutto
19-7-2012 19:46

{Daniel}
Windows rimane il malware n. 1! :-D
19-7-2012 19:39

{Luigi}
E Sasser? Se non ricordo male, all'epoca ne fece di danni... e ando' avanti per un bel po'.
19-7-2012 05:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (905 voti)
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
Netflix lancia l'HDR, Amazon il Prime Video con pagamento mensile
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Marzo 2016
L'FBI è entrata nell'iPhone del terrorista
Romanzo scritto dal computer va in finale per premio letterario
Il phishing di Equitalia
Il campo magnetico della felicità
Chiavetta Usb con butt plug: i tuoi dati in un posto veramente sicuro
WhatsApp, arrivano le chiamate cifrate
Google svela Android N
Come rubare gli account di Facebook
La foto del ladro con lo scanner per carte di credito senza contatto
Tutti gli Arretrati


web metrics