I quindici malware più pericolosi della storia

Kaspersky Lab ha preparato una selezione dei 15 programmi nocivi più influenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-07-2012]

1986. Brain, il primo virus per PC: il virus si diffonde scrivendo il proprio codice nel boot sector del floppy disk.

1988. Il worm Morris infetta il 10% di tutti i computer connessi a Internet (circa 6000 computer).

1992. Michelangelo, il primo virus che attira l'attenzione dei media.

1995. Concept, il primo macro virus.

1999 Melissa, che inaugura l'era delle mailing di massa per la diffusione dei malware.

Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1462 voti)
Leggi i commenti (10)

2003. Slammer, un worm fileless responsabile di un'epidemia globale.

2004. Cabir: il Proof-of-Concept per Symbian diffuso tramite Bluetooth.

2006. Leap, il primo virus per Mac OS X.

2007. Il worm Storm [Zhelatin], pioniere nell'utilizzo dei server C&C.

2008. Koobface, il primo malware che colpisce Facebook.

2008. Conficker, una delle più grandi epidemie della storia, infetta le aziende, gli utenti privati e i governi in oltre 200 paesi.

2010. FakePlayer, un SMS Trojan per Android.

2010. Stuxnet, un attacco mirato su SCADA [Supervisory Control and Data Acquisition].

2011. Duqu, un sofisticato Trojan che raccoglie le informazioni sui soggetti colpiti.

2012. Flame, un sofisticato programma nocivo che viene utilizzato come arma informatica per colpire soggetti presenti in diversi paesi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
The Mask, il malware che ci spia da sette anni

Commenti all'articolo (5)

Ciao mauro_mbf1948 E' un antisyware americano molto scarso. Fino a pochi anni fa, il produttore del software utilizzava della pubblicità indesiderata per reclamizzarlo, con il risultato di farsi una reputazione come falso spyware o Rogue. Frequentando siti di sicurezza americani, non è consigliato da nessuno. Ci sono software ben... Leggi tutto
6-8-2012 22:10

I peggiori virus sono i finti antivirus. Guardate Antivirus 2008 che purtroppo anche se non si accettava la scansione online, al momento di chiudere la finestra non si poteva, e chiudendo la pagina di internet si scaricava lo stesso.- Lo tolsi con cautela e con fatica lavorando fino dentro il registro di sistema e nel prefetch, ma... Leggi tutto
19-7-2012 22:09

Infatti! E' l'unico virus che abbia mai preso*! *Se non ricordo male, ossia se era quello che all'epoca se ti connettevi ad internet con windows senza aver installato (non mi ricordo se il SP o il fix) praticamente te lo prendevi immediatamente... Leggi tutto
19-7-2012 19:46

{Daniel}
Windows rimane il malware n. 1! :-D
19-7-2012 19:39

{Luigi}
E Sasser? Se non ricordo male, all'epoca ne fece di danni... e ando' avanti per un bel po'.
19-7-2012 05:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (1716 voti)
Giugno 2017
I medici americani: i lampioni a Led fanno male
Dove vanno a finire le foto mandate tramite WhatsApp?
Le torri di Amazon per i droni
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Banda larga, scontro assurdo fra Tim e Governo
Il caso del sindacalista che criticava gli stipendi d'oro
Italia, via libera al trojan di Stato
Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple
Roaming dati nell'UE ''gratuito'' da ieri: occhio alle sorprese
Firefox 54, più sicuro con la sandbox e più leggero
Il link che infetta il Pc senza nemmeno dover cliccare
Ecco come vengono sfruttati in concreto i dati delle nostre navigazioni
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update
Dai gattini bonsai alla disinformazione pianificata
Ex pornostar chiama in causa i pirati
Tutti gli Arretrati


web metrics