Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l’impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l’obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (858 voti)
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Sabotaggio verso gli utenti di μTorrent
Su Google Play Music la musica adesso è gratis
A cosa serve prenotare Windows 10?
Aggiungere una cartella alla barra delle applicazioni
Jobs Act, permesso il controllo a distanza dei dipendenti
11 bufale hi-tech a cui molti continuano a credere
Navigare senza limiti in 4G LTE? Sì, ma solo di notte
Come passare da MBR a GPT e viceversa
Riutilizzare le vecchie batterie dei telefonini si può
Porn Time è il Popcorn Time a luci rosse
Google Maps, navigatore anche senza la connessione
Rubare soldi al bancomat con l'iPod Nano
Otto applicazioni vulnerabili agli hacker
Limitare la connessione dati con Android
Tutti gli Arretrati

In prova: Adobe Creative Suite 6

IL TEST DI ZEUS - Impressioni d'uso dell'ultima versione della celebre suite.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-07-2012]

adobe cs6

Da qualche mese Adobe ha rilasciato la nuova versione della sua suite di programmi, la Creative Suite 6, che - come d'abitudine - arriva a due anni di distanza dalla precedente, in questo caso la CS5.

Adobe è un'azienda che nel proprio settore non ha praticamente concorrenza sul mercato mondiale, ciò nonostante ? o forse proprio per quello - è costantemente alla ricerca di nuove opzioni da proporre ai suoi utenti, anche se non sempre i nuovi rilasci comprendono grandissime novità.

Non è però il caso della Creative Suite 6: il balzo in avanti rispetto alle versioni che l'hanno preceduta è stato notevole, sia in termini di quantità che di qualità.

La prima grande novità è rappresentata dal Mercury Graphic Engine, il motore grafico che opera a 64 bit: la sua presenza è particolarmente evidente in tutti i processi che richiedono una certa potenza nell'elaborazione, che acquisiscono una fluidità mai vista prima.

Per quanto riguarda i singoli programmi, salta subito all'occhio il nuovo aspetto di Photoshop, non più di color grigio chiaro, ma divenuto grigio antracite: dopo qualche attimo di straniamento, il nuovo sfondo risulta più efficace del precedente.

Grande e apprezzata novità il sistema di salvataggio automatico, che ogni 5, 10, 15, 30 o 60 minuti provvede a salvare in background il lavoro fatto, così da poterlo recuperare in caso di problemi.

Sondaggio
Cosa ne pensi del ritocco digitale dei film classici (non solo di fantascienza)?
E' un falso storico; i film vanno visti come furono girati.
E' necessario, per evitare che certi film vengano dimenticati.
Va bene, basta che sia indicato chiaramente.
Non me ne può fregar di meno.

Mostra i risultati (2498 voti)
Leggi i commenti (3)

E' un peccato che la stessa funzionalità non sia stata (ancora?) introdotta anche negli altri applicativi! Nota dolente la gestione delle librerie Pantone, che non possiamo certo definire ottimale.

In Photoshop, probabilmente il programma più noto e più usato della suite, è stata introdotta anche la possibilità di fare del video editing: Adobe sostiene che possa sopperire alle necessità di base di chi non ha interesse a dotarsi di programmi specifici e più complessi come Premiere.

Secondo noi non è forse non lo strumento più utile del mondo, ma potrebbe essere apprezzato da chi usa la tecnica del rotoscoping.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Adobe stacca la spina a Creative Suite

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)


illustrator CS6 continua a soffrire di gigantismo spropositato nel salvare file? per dire in CS1 se un file di AI pesava 1 mega lo stesso file in corel draw pesava 100/200 k... e parlo di file semplicissimi... qualche forma poche parole di testo... poi man mano che salvi anche se la grafica resta bene o male la stessa il file lievita...... Leggi tutto
27-8-2012 18:57

.....Quanti degli intervenuti nel topic, è assolutamente"padrone"del 25%di PS? Bene chi lo è davvero, adesso può cominciare a parlare.....Se Ps ha una posizione di "monopolio", ed è per antonomasia il programma di fotoelaborazione, conosciuto anche da chi non sa nemmeno aprirlo, un motivo oltre il mitologico ci sarà.... Leggi tutto
5-8-2012 11:08

ho sbagliato a scrivere: anziche' "senza ps" avrei dovuto scrivere "senza adobe", sorry
2-8-2012 15:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics