Siportal punta sul WiMax, anche senza licenza

Con un piccolo ma efficace stratagemma, l'operatore promette di eliminare il digital divide nelle zone rurali e non raggiunte dall'Adsl.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-10-2012]

siportal

L'operatore telefonico Siportal, nato in Sicilia una decina d'anni fa e operante adesso in tutta Italia con connettività Adsl, VoIP e servizi relativi, ha deciso di investire due milioni di euro nel WiMax.

Lo scopo dell'operazione è portare la connettività a banda larga nelle zone d'Italia dove è assente, ma anche in quelle dove l'Adsl già arriva ma a bassa velocità (640 Kbit/s o addirittura inferiore). Un centinaio sono le aree già individuate, la cui definizione è in discussione con i partner commerciali dell'azienda. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Da casa, come ti colleghi a Internet e a quale velocità?
Confronta i risultati con quelli del 2014
Modem 56K - 2.1%
Adsl a bassa velocità (fino a 2 Mega) - 11.8%
Adsl da 4 a 7 Mega - 49.2%
Adsl da 8 a 20+ Mega - 21.6%
Fibra ottica - 5.0%
Telefonino o chiavetta Gprs - 0.5%
Telefonino o chiavetta Umts - 2.0%
Telefonino o chiavetta Hspa - 5.2%
Telefonino o chiavetta Lte - 0.4%
Tramite Wi-Fi su una rete aperta - 2.1%
  Voti totali: 12540
 
Leggi i commenti (7)
Per offrire la connettività al proprio backbone nazionale, Siportal ha scelto il Wimax; ma, si badi bene, l'azienda siracusana non punta al Wimax "ufficiale" che i nostri lettori ricorderanno per la gara delle frequenze svoltasi qualche mese fa.

Stefano Saluta (Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Al contrario Siportal ha scelto di sfruttare le frequenze limitrofe alla banda "licenziata", ovvero che vanno dai 5,47 ai 5,725 GHz. Per trasmettere queste frequenze non è necessaria una licenza (e infatti Siportal non partecipò alla gara) ma allo stesso modo non si ha la garanzia di essere l'unico operatore.

Stefano Saluta, direttore commerciale di Siportal, ha rilasciato a Zeus News questa dichiarazione: "Siportal è disposta a correre questo rischio, contando sul fatto che queste frequenze rimarranno libere nelle zone rurali che l'azienda intende raggiungere; quand'anche dovesse spuntare un'interferenza, siamo pronti a riconfigurare gli apparati per spostarci su altra frequenza vicina: gli apparati top class AirSpan sono infatti in grado di rimodulare le frequenze".

Il target dell'operatore va dal retail al business alle pubbliche amministrazioni, ma senza tralasciare gli utenti finali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
In prova: Siportal SiAdsl 7 Mega NoTelecom, VoIP Now
WiMax, è ora di ripartire
In Sicilia il WiMax è di casa
4G? WiMAX e LTE pari sono
Il WiMax? "Non durerà". "Il futuro è LTE".
Lombardia, banda larga per tutti in due anni
Reti 4G: Lte contro WiMax, chi vincerà?
Primavera, tempo di Adsl (seconda parte)

Commenti all'articolo (3)

{oraculum}
Tipico atteggiamento di un'azienda che ha affermato per bocca del suo direttore commerciale di essere stata bravissima a reperire grandi risorse umane a basso costo. Se si tratta di aggirare ostacoli sono imbattibili.
7-11-2012 12:57

Sul suo sito non c'è scritto (salvo negli annunci stampa) ancora nulla.. :oops: Non sono poi frequenze libere ma soggette ad registrazione semmai libere dall'appalto WiMax. Comunque è una bella furbata! Speriamo che non facciano come gli altri operatori che voce aggiunta + voce aggiunta, ti fanno spendere un sacco di soldi!!!... Leggi tutto
18-10-2012 02:48

5,72 ai 5,85 GHz Scusate, ma queste frequenze non son libere...
17-10-2012 22:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In che anno hai comprato il tuo primo tablet?
2010
2011
2012
2013
2014
Non ho mai comprato un tablet.
Lo comprerò quest'anno.

Mostra i risultati (1802 voti)
Luglio 2016
Il simil-MacBook economico di Xiaomi
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo
Meglio Telegram, Signal o WhatsApp?
Tim potrebbe licenziare 170 dirigenti su 600
TIM, aumenti in vista per ADSL e fibra
Con Ubuntu Snappy le dipendenze non sono più un incubo
Giugno 2016
In vendita lo smartphone da 3 euro
Godless è il nuovo malware che infetta Android
Mikko Hypponen spiega come hackerare una banca
Se un'auto elettrica finisce in acqua, si rimane folgorati?
Rivoluzione Linux con le snap di Ubuntu ovunque
OnePlus 3, ottimo smartphone a prezzo contenuto
Da Samsung lo smartphone che si srotola e diventa un tablet
Autovelox, riconoscimento targhe e volti tutto in uno
Tutti gli Arretrati


web metrics