Nissan: l'auto che si guida da sola in vendita nel 2020

L'azienda giapponese promette veicoli autonomi a prezzi contenuti entro sette anni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-08-2013]

2020 nissan guida autonoma

Soltanto sette anni: è questo il lasso di tempo che ci separa dal momento in cui le auto che si guidano da sole saranno in vendita a prezzi accessibili per tutti.

Ad annunciarlo per una volta non è Google ma la giapponese Nissan che, nel giorno del suo ottantesimo compleanno, affida al proprio CEO, Carlos Ghosn, la responsabilità dell'annuncio.

La ricerca in questo campo - ha affermato Ghosn - è una delle maggiori priorità per l'azienda, che vi sta lavorando insieme a ricercatori delle maggiori università mondiali quali il MIT, Stanford, Oxford, Carnegie Mellon e l'Università di Tokyo.

Una prima dimostrazione dei risultati già raggiunti sarà svelata in occasione dell'evento Nissan 360, che si sta svolgendo in questi giorni in California, utilizzando una Leaf appositamente modificata allo scopo con l'aggiunta di scanner laser, videocamere e intelligenza artificiale.

Entro la fine dell'anno fiscale 2014, poi, Nissan creerà un circuito di prova in un vero ambito urbano, dove testare i veicoli autonomi.

Sondaggio
L'auto che si guida da sola... (completa la frase)
ci permetterà di sfruttare il tempo perso guidando, magari in coda.
ci toglierà l'ultimo brandello di privacy.
ci farà viaggiare più sicuri.
ci esporrà a nuovi pericoli, dovuti ai bug o agli attacchi degli hacker.
ci consentirà di ridurre l'inquinamento.
ci priverà dell'autonomia.
sarà accettabile solo se ci permetterà sempre di scegliere la guida manuale.
sarà sicura solo se non permetterà mai la guida manuale.

Mostra i risultati (4965 voti)
Leggi i commenti (10)

Ghosn è sicurissimo del fatto che le sue previsioni (cui peraltro aveva già accennato all'inizio di quest'anno) si avvereranno: «Nel 2007» - racconta - «avevo giurato che nel 2010 Nissan avrebbe immesso sul mercato un veicolo a emissioni zero. Oggi, Nissan Leaf è il veicolo elettrico più venduto della storia. Ora mi impegno a introdurre una nuova tecnologia rivoluzionaria, la Guida Autonoma, entro il 2020, e siamo sulla buona strada per farcela».

L'intenzione dell'azienda giapponese non è di produrre auto in grado di guidarsi da sole ma che i normali acquirenti non potranno mai permettersi: l'idea di fondo è rendere tale tecnologia non solo efficiente, ma anche economica, così da farla entrare nella dotazione standard delle auto presenti nei listini.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le auto a guida automatica di Nissan e Mercedes Benz
L'auto che brilla al buio
Google, milioni per le tecnologie che leggono il pensiero
Il progetto di Volvo per l'auto senza conducente
Singapore sperimenta l'auto che si guida da sola
L'auto senza conducente made in Google (aggiornamento)
Dieci consigli per guidare risparmiando carburante
La petizione per vietare agli uomini di guidare
Fiesta elettrica, Ford sposta il motore nelle ruote
Siri alla guida è pericoloso quanto gli SMS
Auto senza conducente testate con successo in Spagna

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 23)

@mda Quella può essere una buona idea per vedere come sono andate le cose a suo tempo. Ma con una necroscopia sei proprio sicuro di come stanno adesso. Potresti farle tutte e due. :lol:
10-9-2013 21:16

@Zievatron Molti mi consigliano la retroscopia... :lol: :lol: :lol: Ciao
10-9-2013 20:41

@mda Chissà? Potrebbe essere. Hai provato a fare una necroscopia? :lol:
9-9-2013 23:52

@Zievatron Dici che è per questo che spendo capitali in deodorante per levarmi la puzza di zombi??? :lol: :lol: :lol: Ciao
9-9-2013 14:38

@mda E come fai ad essere sicuro di essere ancora vivo? Potresti essere veramente già morto da dieci anni e non rendertene conto. :lol:
7-9-2013 23:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (342 voti)
Maggio 2016
Ragioni per usare la modalità aereo quando non sei in aereo
Il ''Service Pack 2'' di Windows 7
TeslaCrypt, arriva la chiave di sblocco universale
Red Ronnie e la Sindrome delle Due Campane
CryptXXX torna a colpire e non c'è antidoto che tenga
Metroweb, Enel e Telecom: come ricomprare ciò che era tuo
CEO di BioViva si inietta virus e si allunga vita di 20 anni
Tre pianeti simili alla Terra distanti pochi anni luce da noi
Lo smartphone economico dell'ex CEO di Apple
Aprile 2016
Badlock, la minaccia è reale: a rischio tutti i Windows e i Linux
L'asciugamani ad aria è un ricettacolo di virus
6 funzionalità interessanti di Android N
Il successo degli ''inculators''
La fibra di Enel sfida Telecom Italia
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Tutti gli Arretrati


web metrics