Sondaggio
La prossima auto che acquisterai sarà
a benzina
a gasolio (diesel)
elettrica
ibrida
a metano
a idrogeno
a biada

Mostra i risultati (6099 voti)
Luglio 2015
I Carabinieri sperimentano la pistola smart
L'auto che si restringe per parcheggiare meglio
La lampadina a Led più economica del mondo
Giugno 2015
Google Chromebit trasforma la Tv in un Pc
Sabotaggio verso gli utenti di μTorrent
Su Google Play Music la musica adesso è gratis
A cosa serve prenotare Windows 10?
Aggiungere una cartella alla barra delle applicazioni
Jobs Act, permesso il controllo a distanza dei dipendenti
11 bufale hi-tech a cui molti continuano a credere
Navigare senza limiti in 4G LTE? Sì, ma solo di notte
Come passare da MBR a GPT e viceversa
Riutilizzare le vecchie batterie dei telefonini si può
Porn Time è il Popcorn Time a luci rosse
Google Maps, navigatore anche senza la connessione
Tutti gli Arretrati

Strasburgo: il gestore del sito è responsabile dei commenti

Secondo la Corte Europea, la responsabilità dei commenti diffamatori ricade sul gestore del sito.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-10-2013]

corte europea

La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo ha condannato il gestore di un sito estone per alcuni commenti, ritenuti diffamatori, a un articolo pubblicato sul sito di una società di navigazione, confermando la condanna della Corte dell'Estonia.

Secondo gli eurogiudici, il gestore del sito è l'unico che può stabilire le regole per i commentatori e chi può rimuovere o tollerare i commenti stessi. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Utilizzi una VPN?
Sì, utilizzo un servizio gratuito.
Sì, utilizzo un servizio a pagamento.
No, ma mi piacerebbe risultare anonimo quando uso Internet.
No, non mi interessa essere anonimo.
Non so che cosa sia una VPN.

Mostra i risultati (730 voti)
Leggi i commenti (8)
Al contrario gli utenti e chi si ritiene offeso non possono rimuovere i commenti; secondo questa sentenza il gestore del sito si assumerebbe la responsabilità dei commenti, soprattutto nel caso in cui dia la possibilità ai commentatori di rimanere anonimi.

Non si tratta, per il momento, di una sentenza definitiva: infatti una delle due parti potrà fare ricorso al Tribunale di grande istanza della Corte.

Il caso verrà ridiscusso da un collegio di cinque giudici. Per ora, comunque, la sentenza non cambia la legislazione nazionale di ogni Paese.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

Allora dovrebbe andare bene così. Leggi tutto
20-10-2013 22:53

Se e dico, se l'amministratore del sito non rimuove il commento, su richiesta dell'interessato che viene direttamente diffamato. Dunque, esempio, se è un commento sulla religione o politica questo non vale anche se un utente si sentisse indirettamente colpito. Non è direttamente diffamato. Poi è solo dopo, che si è fatta la suddetta... Leggi tutto
12-10-2013 17:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics