Sondaggio
Cosa pensi della domotica?
Se ne parla da almeno dieci anni ma di applicazioni pratiche ne ho viste ben poche.
I prodotti disponibili sono troppo costosi, non hanno mercato.
E' il futuro ma qualcosa si vede già oggi.
Si possono ottenere dei discreti risultati senza svenarsi: basta la propensione al "fai da te" e un po' di hacking.
Prima che io finisca di rispondere a questo sondaggio... il frigorifero avrà fatto la spesa on line da solo e il forno avrà deciso la mia cena sulla base dei miei gusti e degli ingredienti che ho in casa, mentre sullo smartphone mi sarà apparsa l'immagine di un venditore di aspirapolveri che ha appena suonato al citofono. Ma ovviamente a pulire i pavimenti ci pensa il robottino.

Mostra i risultati (877 voti)
Aprile 2015
WhatsApp, le chiamate vocali sono realtà
Marzo 2015
Decreto antiterrorismo, evitato il trojan di Stato (per ora)
Come riutilizzare uno smartphone
L'auto che evita di prendere multe per eccesso di velocità
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Microsoft manda in pensione Internet Explorer dopo 20 anni
La chiavetta Usb che ti frigge il Pc
La falla FREAK è risolta
Chi ha inventato la correzione automatica?
Non ridete: i colori di quel vestito virale sono una cosa seria
Spostare la barra delle applicazioni, registrare ciò che avviene sul desktop
L'Europa vuole Internet a due velocità
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Febbraio 2015
Eliminare i file superflui, aprire il prompt ovunque e limitare l'UAC
WhatsApp, arrivano le chiamate vocali
Tutti gli Arretrati

Il rapporto Caio e l'acqua calda

Francesco Caio ha rilevato nel suo rapporto l'arretratezza italiana per la diffusione della banda larga. Ma non era tutto già noto?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-02-2014]

caio

Francesco Caio, uno dei più noti manager italiani nel settore delle Tlc, molto conosciuto anche in campo internazionale, alcuni mesi fa ha ricevuto dal premier Enrico Letta, a titolo assolutamente gratuito, l'incarico di fare il punto della situazione sullo sviluppo della banda larga nel nostro Paese.

Caio ha svolto il suo lavoro, con la competenza e il rigore che in tanti gli riconoscono; peccato che il risultato sia l'ennesima conferma di quello che si sapeva da sempre, ovvero: quanto a diffusione della Rete ad alta velocità, se continuiamo così, il nostro Paese sarà allo stesso livello della Grecia, di Malta e di Cipro, superato forse perfino dalla Turchia. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Secondo te in quale settore si faranno sentire maggiormente gli effetti positivi dell'Agenda Digitale?
La comunicazione
La scuola
L'accesso alle informazioni e ai contenuti culturali
La modalità di interazione con la Pubblica Amministrazione
Il Servizio Sanitario
La qualità dell'ambiente e dell'aria
La qualità della vita
Il costo della vita
La vivibilità delle grandi metropoli con la creazione di Smart City
La trasparenza
Risparmi per lo Stato e per il cittadino
Riduzione del digital divide
L'Agenda... de che?

Mostra i risultati (774 voti)
Leggi i commenti (7)
Probabilmente, più che avere l'ennesima conferma di quello che sappiamo da troppo tempo, ci sarebbe bisogno che il governo trovi i soldi (e li spenda) in modo che i gestori, a partire da Telecom Italia, investano e non facciano solo finanza. Ora che lo ha detto anche Caio, non ci sono più alibi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Italia sempre indietro sulla banda larga
Banda larga italiana, un disastro: ultimi in Europa

Commenti all'articolo (2)


Gladiator
Almeno il rapporto era, come riportato nell'articolo: Però non credo proprio fosse necessario certificare con un ulteriore rapporto una cosa che è evidente in modo imbarazzante, sarebbe invece ora di porvi rimedio rapidamente! :roll: Leggi tutto
5-2-2014 19:17

{ViR}
Chi paga le spese di questo rapporto?!
4-2-2014 09:43


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics