Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (2512 voti)
Luglio 2014
Ma chi sono i terroristi?
Il ginecologo che fotografava le donne nude
L'uomo-wiki
BeppeGrillo.it e i macachi di Modena
Gli italiani telefonano di meno, è proprio crisi
Android L aumenta drasticamente la vita della batteria
Tim e Vodafone, gli avvisi diventano a pagamento
La tassa sull'equo compenso e il governo Renzi
Gmail, eliminare la posta già spedita
La Guardia di Finanza oscura DDLStorage
Mondiali di calcio in streaming su Internet
No-IP non funziona, la colpa è di Microsoft
Spyware di stato: le app spione del governo
Giugno 2014
Mappe offline sullo smartphone
Roaming traffico dati, dal 1 luglio costi dimezzati
Tutti gli Arretrati

Il rapporto Caio e l'acqua calda

Francesco Caio ha rilevato nel suo rapporto l'arretratezza italiana per la diffusione della banda larga. Ma non era tutto già noto?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-02-2014]

caio

Francesco Caio, uno dei più noti manager italiani nel settore delle Tlc, molto conosciuto anche in campo internazionale, alcuni mesi fa ha ricevuto dal premier Enrico Letta, a titolo assolutamente gratuito, l'incarico di fare il punto della situazione sullo sviluppo della banda larga nel nostro Paese.

Caio ha svolto il suo lavoro, con la competenza e il rigore che in tanti gli riconoscono; peccato che il risultato sia l'ennesima conferma di quello che si sapeva da sempre, ovvero: quanto a diffusione della Rete ad alta velocità, se continuiamo così, il nostro Paese sarà allo stesso livello della Grecia, di Malta e di Cipro, superato forse perfino dalla Turchia. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Secondo te in quale settore si faranno sentire maggiormente gli effetti positivi dell'Agenda Digitale?
La comunicazione
La scuola
L'accesso alle informazioni e ai contenuti culturali
La modalità di interazione con la Pubblica Amministrazione
Il Servizio Sanitario
La qualità dell'ambiente e dell'aria
La qualità della vita
Il costo della vita
La vivibilità delle grandi metropoli con la creazione di Smart City
La trasparenza
Risparmi per lo Stato e per il cittadino
Riduzione del digital divide
L'Agenda... de che?

Mostra i risultati (542 voti)
Leggi i commenti (7)
Probabilmente, più che avere l'ennesima conferma di quello che sappiamo da troppo tempo, ci sarebbe bisogno che il governo trovi i soldi (e li spenda) in modo che i gestori, a partire da Telecom Italia, investano e non facciano solo finanza. Ora che lo ha detto anche Caio, non ci sono più alibi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Banda larga italiana, un disastro: ultimi in Europa

Commenti all'articolo (2)


Gladiator
Almeno il rapporto era, come riportato nell'articolo: Però non credo proprio fosse necessario certificare con un ulteriore rapporto una cosa che è evidente in modo imbarazzante, sarebbe invece ora di porvi rimedio rapidamente! :roll: Leggi tutto
5-2-2014 19:17

{ViR}
Chi paga le spese di questo rapporto?!
4-2-2014 09:43

Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics