Aggiornamenti di sicurezza per Android

Troppo lenti anche con i Nexus di Google.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-01-2016]

turtle slow

Ci sono dodici falle di sicurezza da turare in Android: cinque consentono l'esecuzione di codice da remoto o l'accesso di root. Una di queste falle, la CVE-2015-6636, consente di iniettare malware nel dispositivo tramite un file, che può essere incluso in una pagina Web, una mail o un MMS, e va corretto con un aggiornamento già disponibile.

L'annuncio di queste falle e dell'aggiornamento disponibile è nel bollettino di sicurezza di gennaio su Android.com, che risale al 4 gennaio (dieci giorni fa). Ma sul mio telefonino Android Nexus 5X, che monta Android 6.0.1 e in teoria dovrebbe ricevere gli aggiornamenti direttamente da Google (è per questo che l'ho scelto), questo aggiornamento è arrivato soltanto stamattina.

È normale: stando alle info di supporto di Google, "possono volerci fino a due settimane" prima che un aggiornamento raggiunga uno specifico dispositivo. Una finestra di vulnerabilità decisamente ampia. E questo è il livello di servizio che ha chi riceve gli aggiornamenti diretti da Google; non oso immaginare quanto a lungo rimane scoperto chi deve dipendere dall'intermediazione del proprio operatore/venditore per gli aggiornamenti. Un aspetto da non trascurare quando si tratta di investire in uno smartphone.

Sondaggio
Qual è il risultato corretto di 6/2(1+2) ?
1
9

Mostra i risultati (2870 voti)
Leggi i commenti (30)

Avrei potuto forzare l'aggiornamento usando una delle varie procedure pubblicate online, ma mi sembra assurdo dover spendere così tanto tempo e risorse mentali per un semplice aggiornamento di uno smartphone. Da questo punto di vista, il mio esperimento con il Nexus di Google è una delusione.

Per chi volesse controllare lo stato di aggiornamento del proprio Android, nella versione 6.0 e successive si va in Impostazioni - Info sul telefono - Aggiornamenti di sistema e in Verifica la presenza di aggiornamenti e in Impostazioni - Info sul telefono - Livello patch di sicurezza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
.

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Caro Paolo, tu almeno in due settimane l'aggiornamento l'hai avuto, io ho un Galaxy S3 con Android 4.3 acquistato da 2 anni e mezzo e credo che l'ultimo aggiornamento oramai risalga ad oltre un anno fa, francamente nemmeno me lo ricordo più... :incupito: Il problema è che i produttori di smartphone sono più preoccupati ed interessati... Leggi tutto
23-1-2016 18:29

in realtà visto l'uso sempre più a tutto tondo che si fa dello smartphone / tablet (dal navigare al leggere le email, comprare online, prenotare un volo e fare check in nonché magari accedere al proprio tol bancario) quindi un hadrware che potenzialmente é sempre di più con noi in qualunque momento credo che il rischio sia sempre più... Leggi tutto
19-1-2016 20:49

{ictuscano}
"Sono solo io a pensare che è assurdo che qualunque OS per computer riceva aggiornamenti "importanti" di continuo mentre tablet e smartphone no?" No, non sei il solo, tuttavia a quel poco che ho letto a giro, la questione sicurezza sui cellulari è molto meno importante per una questione del modo di... Leggi tutto
19-1-2016 15:31

Io non ho ancora ricevuto l'aggiornamento, ho provato anche in manuale, ho le patch aggiornate a novembre 2015 e ho Android 5... :roll: @utonto medio Bisognerebbe fare una petizione on line, noi come singoli cittadini possiamo fare poco... :( in rete ne hanno già fatta una per un Samsung Galaxy note... :roll: si dovrebbe farne una... Leggi tutto
19-1-2016 12:10

l'UE dovrebbe obbligare i produttori o chi per essi a rendere aggiornabili i loro dispositivi per un periodo di tempo pari al ciclo di vita del prodotto o per un ragionevole numero di anni. E' inaccettabile che uno dopo due anni o meno si ritrovi con un dispositivo che non è più sicuro. Sono solo io a pensare che è assurdo che qualunque... Leggi tutto
18-1-2016 18:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1107 voti)
Aprile 2017
L'attacco phishing impossibile da rilevare
WikiLeaks: Ecco come fa la CIA a violare Windows
La startup che impianta microchip nei dipendenti
''Perché mai dovrebbero rubarmi o clonarmi il profilo Facebook?''
Falla nei chip Wi-Fi, milioni di smartphone vulnerabili
Ubuntu abbandona Unity
Windows 10, il Creators Update è già disponibile
Marzo 2017
''Windows 10 ha distrutto il mio PC'' e fa causa a Microsoft
Wikileaks rivela il ''cacciavite sonico'' della CIA per colpire i Mac
Come violare un account Windows in un minuto
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
Come disabilitare i video che partono da soli nei siti Web
Monaco lascia Linux soltanto per motivi politici
Il senatore Bartolomeo Pepe e le ''scie chimiche''
Inflazione e tassi bassi? Ecco perché dire addio al conto corrente
Tutti gli Arretrati


web metrics