Internet Explorer ai minimi storici, Chrome in ascesa

E intanto Opera passa ai cinesi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-01-2017]

browser war
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

C'è stato un tempo in cui Internet Explorer era praticamente l'unico browser utilizzato al mondo, e relegava i concorrenti a percentuali infime del mercato.

Poi, le cose hanno iniziato a cambiare: la seconda guerra dei browser ha visto le alternative acquisire sempre più terreno.

Microsoft decise di reagire facendo ripartire lo sviluppo di Internet Explorer, ma a un certo punto si accorse che serviva un browser più moderno: così, insieme a Windows 10 nacque Edge, destinato nelle intenzioni del gigante di Redmond a rinverdire i fasti di Internet Explorer negli anni migliori.

I dati di Net Market Share, però, ci mostrano che le cose sono andate diversamente: all'inizio dello scorso anno, a meno di sei mesi dal lancio di Windows 10, Internet Explorer era usato ancora dal 46% degli utenti.

Il 32% gli preferiva Chrome, il 12% usava Firefox e gli altri si dividevano il restante 10%: tra questi c'era anche Edge, con un magro 2,8%.

Dodici mesi dopo, all'inizio del 2017, lo scenario è mutato: Internet Explorer ha perso molto terreno, proprio come si augurava Microsoft, ma non a favore di Edge, la cui diffusione è limitata anche dal fatto che questo browser è disponibile soltanto per Windows 10.

Il nuovo anno vede la quota di Internet Explorer calata ormai al 21%. Edge, nonostante l'ultima versione di Windows sia passata dall'avere il 10% del mercato all'avere il 24%, è cresciuto in maniera davvero modesta: oggi è adoperato appena dal 5,3% degli utenti.

A guadagnare da questa fuga degli utenti da Internet Explorer non è stato Firefox, rimasto sostanzialmente stabile al 12% (dopo essere però scivolato sino all'8% in agosto), ma Chrome, balzato sino al 56%.

Se Firefox nel 2016 ha dovuto scontare una certa inferiorità rispetto a Chrome, inferiorità che la versione 51 dovrebbe in buona parte finalmente colmare, un altro venerabile browser non ha vissuto molto bene lo scorso anno: Opera.

Il browser norvegese s'è limitato a galleggiare intorno all'1%, ma i suoi problemi non hanno riguardato tanto la quota di utenti posseduta (che ha subito un duro colpo nel 2013, con l'abbandono del motore di rendering proprietario Presto in favore di Blink, unito a una perdita di funzionalità) quanto il cambio dell'assetto societario avvenuto verso la fine dell'anno.

Sondaggio
Autorizzi il browser a ottenere la cronologia dei siti Internet che hai visitato?
Ho disabilitato questa opzione
Sì, ma cancello la cronologia regolarmente
Sì, è comodo, così non devo digitare l'intero indirizzo
Non so

Mostra i risultati (1122 voti)
Leggi i commenti (16)

A novembre Opera Software s'è divisa in due: una metà, Opera ASA, è rimasta norvegese e si occupa dello sviluppo di app, giochi, Opera TV, della VPN SurfEasy e altro a ancora; l'altra metà, Opera AS, che si occupa dello sviluppo del browser, è passata in mano a un consorzio cinese, che l'ha pagata 600 milioni di dollari.

Il software, il logo e il marchio ora appartengono agli investitori cinesi i quali, appena conclusa l'operazione, hanno licenziato 85 dipendenti, portando il totale al di sotto dei 400.

Il browser Opera, che da poco ha festeggiato i 20 anni, si trova oggi in una posizione difficile, resa complicata dal fatto che le fonti di finanziamento tradizionali come gli accordi con gli operatori e la concessione in licenza delle sue tecnologie vanno esaurendosi a causa dei cambiamenti intercorsi nel mercato.

In questo panorama alcuni nuovi attori si sono presentati sulla scena. Il primo di essi ha molti legami con Opera, essendo stato fondato da alcuni ex dipendenti dell'azienda: si tratta di Vivaldi, basato anch'esso su Blink e dedicato agli utenti che vogliono poter personalizzare ogni parte del proprio browser.

L'altro è Brave, creato dal cofondatore di Mozilla Brendan Eich. Meno dedicato alla personalizzazione estrema, afferma di essere in grado di bloccare il tracciamento nel web e di rimuovere le pubblicità, sostituendole però con dei banner alternativi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Opera lancia ''il futuro del browser''
Firefox 51, più stabile, sicuro e veloce
Opera, motore nuovo e convertitore automatico di valuta
Windows 10 si aggiorna, Edge acquista le estensioni
Dite addio a Internet Explorer 8, 9 e 10
Microsoft frena gli utenti che abbandonano Edge
Microsoft manda in pensione Internet Explorer dopo 20 anni

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Bell'articolo. Dopo un bel po di tempo qualcuno online ha spiegato bene anche se maniera sintetizzata, cosa è successo al vecchio Opera. Io da grande estimatore di Opera con Presto, mi sono rifiutato di usare le versioni blink in quanto chrome derivato. Non ho niente contro chrome a parte che è troppo sempliciotto per i miei gusti, ma il... Leggi tutto
15-1-2017 03:10

Anch'io uso si Chrome che FF, per alcune attività preferisco l'uno per altre attività preferisco l'altro anche in funzione delle estensioni disponibili o che mi sono abituato ad utilizzare. Alla fine concordo con madvero che Chrome è leggermente più veloce - non di molto - ma a me sono molto utili entrambi. :wink:
14-1-2017 15:50

Non è per quello che Firefox non sfonda... Io uso entrambi credo x lo stesso numero di ore al giorno, e Firefox è un attimo più lento. Di pochissimo, ma è più lento. Per contro Chrome certe cose non te le da fa fare con la stessa facilità di Firefox.
13-1-2017 22:58

Mi dispiace moltissimo per Firefox (che uso sempre con soddisfazione); è un browser eccezionale, sicuro e stabile, ma non riesce a sfondare perché non è "trendy" come Chrome.
12-1-2017 23:57

{Antonio Romano}
le statistiche non sono accurate, IE ha perso smalto ben prima di un anno fa, credere che solo 12 mesi fa il suo utilizzo sia del 46 mi fa ricredere molto nell'umanità!! link
12-1-2017 19:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il Garante Privacy ha istituito - ormai da anni - un servizio che in teoria dovrebbe tutelare la privacy dei cittadini iscritti, vietando ai call center di chiamare i loro numeri telefonici. Secondo la tua esperienza, il Registro delle Opposizioni funziona?
Sì. Sono iscritto e non mi scocciano praticamente mai.
Non lo so. Non sono iscritto.
No. Sono iscritto e continuo a ricevere telefonate con proposte commerciali.

Mostra i risultati (2005 voti)
Febbraio 2017
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Mozilla uccide Firefox OS e licenzia
Il trojan che imperversa sui sistemi Linux
Gennaio 2017
La rivincita delle musicassette
I 10 siti di torrent più popolari
Microsoft termina il supporto al Windows 10 originale
La backdoor in WhatsApp che permette di intercettare i messaggi
Quei titoloni su Draghi, Renzi e Monti ''hackerati'' sono una bufala
Galaxy S8, lo smartphone che è anche un PC
Sì, le smart TV sono infettabili
Dicembre 2016
Quanto guadagna una celebrità da una foto su Instagram o Twitter? Tanto
Tutti gli Arretrati


web metrics