Blizzard, causa milionaria contro i cheat

Il produttore di bot e trucchi per videogiochi Bossland dovrà pagare un risarcimento molto salato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-03-2017]

blizzard cheat causa

Imbrogliare nei videogiochi è una questione di onestà ma per la Blizzard, autrice di successi come World of Warcraft e Overwatch, è anche una questione economica.

Chi imbroglia nei MMORPG crea scontento tra i giocatori onesti, che nei casi estremi potrebbero essere tentati di abbandonare il gioco, privando l'azienda degli incassi.

Così, Blizzard ha deciso di agire direttamente contro uno dei maggiori produttori di cheat: la tedesca Bossland, specializzata nella creazione di bot per i giochi online più popolari.

L'accusa di Blizzard è molto ampia: comprende la violazione del copyright dell'azienda, concorrenza sleale e la violazione del DMCA, in particolar modo la sezione che vieta di violare le protezioni. Inoltre, i cheat e i bot di Bossland avrebbero causato perdite per milioni di dollari a causa delle mancate vendite.

Blizzard ha anche fatto i conti: basandosi sulle dichiarazioni stesse di Bossland, che afferma di aver venduto 118.939 prodotti negli USA a partire da luglio 2013, e calcolando che almeno il 36% di questi sono cheat, è arrivata alla conclusione che i prodotti venduti in violazione delle leggi sono 42.828.

Pertanto ha chiesto l'«indennizzo minimo» per ciascuno di essi: dato che tale indennizzo ammonta a 200 dollari, ecco che la richiesta complessiva è di ben 8.563.600 dollari.

«Blizzard richiede soltanto il risarcimento minimo. Pur avendo diritto a richiedere una somma superiore, intende pretendere soltanto il minimo risarcimento previsto per i danni» hanno spiegato i portavoce dell'azienda.

Sondaggio
Quando fai la spesa, qual è tra questi il profilo in cui ti ritrovi maggiormente?
Vado dritto verso quello che devo comprare e non perdo tempo: guardo solo le caratteristiche del prodotto e quanto costa.
Leggo sempre attentamente le etichette dei prodotti.
Per me gli acquisti sono necessari per una vita piena e appagante.
Per me il prezzo è più importante della marca.
Preferisco essere servito piuttosto che servirmi da solo.

Mostra i risultati (805 voti)
Leggi i commenti (4)

Anche perché - aggiunge sempre Blizzard - «200 dollari sono all'incirca il costo di una licenza per un anno di Bossland Hacks. È dunque molto probabile che Bossland abbia ricavato molto più di 8 milioni di dollari dalle vendite di Bossland Hacks».

Dal canto proprio, Bossland ha inizialmente cercato di far cadere le accuse appellandosi a un difetto di giurisdizione, ma la tesi non è stata accolta.

A quel punto ha smesso di rispondere a ogni ingiunzione, e ora sarà probabilmente condannata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
World of Warcraft perde tre milioni di utenti in tre mesi
In tribunale per un cheat a un videogioco
Un multiplayer soltanto per chi bara
Rovinato da World of Warcraft, fa causa a Blizzard

Commenti all'articolo (2)

Eh ma gli americani si ritengono ancora i padroni del mondo... :wink: In ogni caso sono d'accordo con te ma forse ci vorrà solo più tempo per chiudere la vertenza.
19-3-2017 16:47

{Paolo Del Bene}
La Germania non è un paese negli USA, dunque la vedo difficile come richiesta.
17-3-2017 15:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (1742 voti)
Agosto 2017
Accesso a reti Wi-Fi
I sospetti della FDA sull'hamburger vegano
Password, abbiamo sbagliato tutto: usare numeri, maiuscole e caratteri speciali non serve
Arrestato l'hacker che fermò WannaCry
Il file sharing monouso di Mozilla
Antibufala: ''robot di Facebook'' che parlano fra loro una lingua sconosciuta
Video: perché questo uccellino sta a mezz'aria con le ali ferme?
Fondatore di Tor: il Dark Web non esiste
Luglio 2017
Windows 10, Creators Update per tutti
L'antivirus gratuito di Kaspersky
Adobe annuncia la morte di Flash
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Antibufala: il video delle ''scie chimiche'' giganti
Tutti gli Arretrati


web metrics