Cuffie esplodono in volo, passeggera ferita

Non solo gli smartphone: tutto ciò che usa una batteria è a rischio esplosione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-03-2017]

cuffie esplodono

Specialmente dopo il caso del Galaxy Note 7, siamo ormai quasi abituati a ricevere la notizia di qualche smartphone che di punto in bianco esplode, a volte ferendo il proprietario.

I telefoni o i tablet non sono però gli unici dispositivi dotati di batterie (che sono le vere responsabili degli incidenti): anzi, con il diffondersi degli apparecchi wireless, il bisogno di batterie non fa altro che crescere. E, con esso, il pericolo.

Pochi giorni fa, su un aeroplano in volo da Pechino a Melbourne, s'è udita una forte esplosione e l'odore di plastica e componenti elettronici che bruciavano ha iniziato a diffondersi nella cabina passeggeri.

Non era esploso uno smartphone: erano esplose le cuffie wireless con le quali una signora stava ascoltando della musica. Sono stati proprio il rumore e la sensazione di bruciore a svegliare di soprassalto la donna, che s'era assopita.

«Mi sono voltata e ho sentito il viso che bruciava. Mi sono portata le mani al volto e le cuffie sono scivolate intorno al collo» ha raccontato.

«Continuavo a sentire il bruciore, così le ho prese [le cuffie, NdR] e le ho scagliate sul pavimento. Mandavano scintille e c'erano delle fiamme. Ho iniziato e calpestarle e già le assistenti di volo stavano arrivando con un secchio d'acqua in cui metterle».

La donna ha riportato alcune bruciature al viso e ai capelli e una vescica alla mano (causata da uno dei pezzi delle cuffie che, incandescente, lì si è posato a seguito dell'esplosione), ma nel complesso sta bene.

Sondaggio
Quando devo spostarmi, lo smartphone mi viene comodo soprattutto per...
Consultare le previsioni del tempo.
Navigare le mappe di una città online.
Consultare le informazioni relative a negozi, bar e ristoranti della zona.
Consultare le informazioni relative al trasporto pubblico (autobus, treni, aerei e via dicendo).
Prenotare un taxi o una macchina Uber o un car sharing.

Mostra i risultati (776 voti)
Leggi i commenti (5)

L'incidente fortunatamente non ha avuto grandi conseguenze, a parte lo spavento, qualche ferita e l'odore acre, rimasto in cabina per il resto del viaggio e diventato quindi causa di fastidio per i passeggeri.

La vicenda ha però spinto l'ATSB, l'ente che regola l'aviazione civile australiana e che ha non ha rivelato il produttore delle cuffie sostenendo che non sia importante, a sottolineare l'importanza di rispettare le norme che regolano il trasporto delle batterie, sebbene le precauzioni per un caso come quello occorso siano effettivamente difficili da prendere.

C'è da sperare che il professor Goodenough, inventore delle batterie agli ioni di litio, riesca presto a completare il lavoro su quelle con elettroliti in vetro destinate a sostituirle: hanno il grande vantaggio di non esplodere.

cuffie ferita
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Addio ioni di litio, arrivano le batterie in vetro
Il misterioso caso dell'iPhone 7 che si scioglie
Perché gli smartphone prendono fuoco?
Tesla, l'auto prende fuoco durante un test

Commenti all'articolo (4)

In effetti qualche dubbio viene... Leggi tutto
19-3-2017 16:41

@ utente anonimo Chi te lo ha detto che le batterie "prima non esplodevano"? Al giorno d'oggi, essendo che gli apparecchi alimentati a batteria Li-ion sono molti di più che in passato, le esplosioni sono più frequenti e se capitano su un volo di linea fanno più notizia che in altri casi.
17-3-2017 23:34

{ogden}
Io direi: come mai con tutti gli annunci di nuove batterie che si sono succeduti negli ultimi 10 anni (e più), siamo ancora alle batterie al litio? Nessuno sente puzza di bruciato, oltre alla sfortunata passeggera dell'aereo?
17-3-2017 23:24

{utente anonimo}
Come mai prima che facessimo fare tutto in cina (che poi subappalta all'indonesia o al pakistan) le batterie non esplodevano?
17-3-2017 10:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (1877 voti)
Marzo 2017
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
Come disabilitare i video che partono da soli nei siti Web
Monaco lascia Linux soltanto per motivi politici
Il senatore Bartolomeo Pepe e le ''scie chimiche''
Inflazione e tassi bassi? Ecco perché dire addio al conto corrente
Tagliando assicurativo e dematerializzazione, difficoltà per gli anziani
Il malware che cancella l'hard disk
Quel crack per Mac fa un patatrac
L'altro ieri siete stati buttati fuori dal vostro account Google?
Febbraio 2017
Google ha violato la crittografia SHA-1
Il malware che ti spia dal microfono del PC
WhatsApp attiva l'antifurto: verifica in due passaggi
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Monaco molla Linux e torna a Windows
Cerber, il ransomware che prende di mira gli utenti italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics