Difendersi dalle app-truffa presenti nell'App Store di Apple

Incassano migliaia di dollari al mese.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-06-2017]

fakeapp

Sondaggio
Chi fa la coda fuori dal negozio per acquistare il nuovo iPhone / iPad / iPod il primo giorno è...
Un vero appassionato
Un fanatico
Un iDiota

Mostra i risultati (11435 voti)
Leggi i commenti (55)

Ottantamila dollari al mese: questo è l'incasso stimato di alcune app truffaldine presenti nell'App Store. FreeCodeCamp segnala i dati che ha trovato nelle classifiche pubbliche dello store di Apple: ci sono app che si presentano come soluzioni di sicurezza ricche di recensioni positive ma sono in realtà dei raggiri.

Una di queste, "Mobile protection: Clean & Security VPN", è stata presentata tra le prime dieci app in termini d'incasso della sezione Produttività dell'App Store, che potete visitare andando nella app dell'App Store, scegliendo Classifiche, Categorie, Produttività, Top redditizie.

Un piazzamento di tutto rispetto, che sembra una garanzia per chi la volesse provare. In più quest'app ha recensioni a cinque stelle. Ma c'è qualcosa che non quadra: per esempio, il suo nome, sia tecnicamente sia grammaticalmente, non ha alcun senso, e il suo creatore è un privato, non un'azienda.

Non solo: se la si installa, dapprima tenta di accedere ai contatti (cosa che un software di sicurezza non ha bisogno di fare), poi offre un gioco (che non c'entra nulla con la sicurezza) e poi propone di usare un "antivirus smart", mostrando la dicitura "FREE TRIAL" ("prova gratuita").

mobileprot scam

Poi compare la sorpresa: l'invito mostrato qui sopra, che propone appunto di avviare una "prova gratuita", ma poi avvisa che si pagheranno 99,99 dollari per un abbonamento di sette giorni. Che si rinnova automaticamente. Basta appoggiare il dito sul sensore d'impronta e l'addebito è automatico, se non avete preso precauzioni come il blocco degli acquisti in-app.

FreeCodeCamp fa i conti in tasca a questa truffa, usando le stime fornite da SensorTower.com: per generare gli 80.000 dollari al mese stimati bastano 200 vittime in tutto il mondo che pagano 99 dollari a settimana e probabilmente si accorgeranno del raggiro solo a fine mese, guardando l'estratto conto della carta di credito associata al loro account Apple. In un anno il truffatore incasserebbe quasi un milione di dollari, di cui il 30%, circa trecentomila dollari, andrebbero dritti ad Apple.

Questa truffa specifica ora è stata rimossa, ma non è l'unico caso nell'App Store: basta cercare le parole chiave "mobile protection" nello Store per vedere app decisamente sospette mescolate a quelle delle marche di buona reputazione. Quindi non fidatevi delle recensioni, scegliete soluzioni di sicurezza garantite da case produttrici ben conosciute e attivate il blocco degli acquisti in-app (sotto Restrizioni).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
.

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (1)

Considerato che si portano a casa il 30% ci sta che in Apple siano un pochino lenti a rimuovere certe app... :lol:
7-7-2017 19:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa fai se non usi un'applicazione da molto tempo?
La lascio nel dispositivo, potrei averne bisogno un giorno
La eliminano. Quando ne avrò bisogno, la scaricherò di nuovo

Mostra i risultati (793 voti)
Agosto 2017
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
I sospetti della FDA sull'hamburger vegano
Password, abbiamo sbagliato tutto: usare numeri, maiuscole e caratteri speciali non serve
Arrestato l'hacker che fermò WannaCry
Il file sharing monouso di Mozilla
Antibufala: ''robot di Facebook'' che parlano fra loro una lingua sconosciuta
Video: perché questo uccellino sta a mezz'aria con le ali ferme?
Fondatore di Tor: il Dark Web non esiste
Luglio 2017
Windows 10, Creators Update per tutti
L'antivirus gratuito di Kaspersky
Adobe annuncia la morte di Flash
In arrivo Play Protect, ''antivirus'' di Google per Android
Come violare Facebook con un vecchio numero di telefono
La Camera approva data retention a 6 anni, infilato in emendamento su sicurezza ascensori
Tutti gli Arretrati


web metrics