Il mistero del numero telefonico dei telegrammi

Il numero 186 per dettare un telegramma al telefono è sparito dall'elenco telefonico e i clienti sono costretti a chiamare i servizi di informazione a pagamento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-09-2004]

C'era una volta l'Avantielenco, quella parte cioè che apriva l'elenco telefonico e che riportava in buona evidenza i numeri dei servizi di telecom Italia e i principali numeri di pubblica utilità: Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Gas, Luce e, naturalmente, il numero telefonico 186 del servizio dettatura telegrammi per l'Italia e l'estero, gestito direttamente da Poste Italiane.

Il servizio di Poste Italiane per la dettatura dei telegrammi qualche anno fa è stato completamente informatizzato e reso molto più efficiente, abbattendo i lunghi di tempi di attesa che lo hanno contraddistinto per molti anni ed arricchito con la possibilità di richiedere, facendoseli recapitare a domicilio, i certificati anagrafici dei principali Comuni italiani e i certificati delle Camere di Commercio. Gli stessi servizi del 186 di dettatura telegrammi sono anche forniti on line sul sito stesso di Poste.it.

Il problema è che quando il 186 dei telegrammi era meno efficiente, era comunque più conosciuto che oggi. Infatti, da due anni a questa parte il cosidetto Avantielenco è sparito, per decisione dell'Authority, che ha voluto che l'elenco telefonico non fosse più di esclusiva gestione Telecom Italia: deve invece essere aperto agli abbonati di tutti gli altri gestori che desiderino farne parte.

Non si doveva quindi accordare un posto di particolare visibilità ai servizi di Telecom, ma questi - come tutti gli altri - dovevano essere inseriti in un inserto a pagamento all'interno dell'elenco. Oggi, nell'Avantielenco sono presenti, con pari evidenza, solo i numeri dei vari servizi di assistenza clienti, dal 187 di Telecom Italia al 155 di Infostrada.

La conseguenza, indiretta, è che, ogni giorno, non trovandolo più all'inizio dell'elenco telefonico, in modo facile ed immediato, migliaia di utenti per avere il numero del servizio telegrammi delle Poste italiane devono chiamare i vari 12/412 di Telecom Italia, Tim, Vodafone, 892424 di Pagine Gialle e pagare un'informazione che prima potevano trovarsi da soli gratis.

Così un telegramma telefonico non costa più solo il prezzo del servizio ma ha una ulteriore sovratassa per il costo del procurarsi il numero stesso. Una piccola, grande (del valore complessivo di centinaia di migliaia di euro) ennesima fregatura, a danno delle tasche degli italiani.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

Fulmine, l'articolo di Pier Luigi Tolardo risale al 2004, ovvero a quattro anni fa: se "ieri" hai trovato il numero vuol dire che nel frattempo le cose sono cambiate. Negli elenchi telefonici del 2008, infatti, il numero 186 "Dettatura telegrammi" viene riportato nuovamente nell'Avantielenco.
29-7-2008 16:13

Io l'ho trovato ieri sull' avanti elenco e ho telefonato spedendo un telegramma. Mi è nuova questa cosa
29-7-2008 12:00

il 186 continua ad esistere, quasi tutti gli operatori di rete fissa hanno stipulato un accordo con Poste Italiane per consentire agli utenti di chiamarlo alle tariffe previste da Poste. probabilmente, ma non lo so per certo, se non riesci a chiamarlo e' perché tele2 non ha ancora stipulato l'accordo, ma mi risulta che altri operatori lo... Leggi tutto
15-7-2008 01:06

{Stella Urso}
è uno schifo Leggi tutto
12-7-2008 13:08

{Gianfranco Bresich}
Caro Gigi Leggi tutto
19-11-2007 09:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2460 voti)
Settembre 2016
Google Car, grave scontro con un furgone
La stufetta a candele che non consuma elettricità
Come vedere tutto quello che avete mai cercato in Google
Hissgate, il fastidioso fischio dell'iPhone 7
Rubati sei milioni di username e password conservati in chiaro
iPhone 7, le cose realmente da sapere
Android nei guai: falle critiche e app infette
Truffatori online rubano 40 milioni di euro a un'azienda tedesca
Rubare le credenziali di accesso a un PC in 20 secondi
UE: stop alle tariffe di roaming, ma col trucco
Siete nel mondo reale: guardatevi intorno e non fate gli stupidi
Sesso e porno sul MegaUpload dell'FBI
Agosto 2016
WhatsApp condivide i dati dell'utente con Facebook
La realtà virtuale di Google è pronta al lancio
Android 7.0 Nougat, ecco le novità
Tutti gli Arretrati


web metrics