Zeus News è un notiziario dedicato a quanto avviene nel mondo di Internet, dell'informatica, delle nuove tecnologie e della telefonia fissa e mobile: non è un semplice amplificatore di comunicati stampa ma riserva ampio spazio ai commenti e alle riflessioni, proponendosi quale punto di osservazione libero e indipendente.

Sondaggio
La discriminazione è più difficile da vedere rispetto al passato, ma c'è sempre. Quale di queste affermazioni ti senti di condividere maggiormente?
Le donne spesso sono additate come più pettegole degli uomini e ritenute meno simpatiche.
Le donne hanno più difficoltà degli uomini a ricevere il giusto credito quando partecipano a progetti di gruppo.
Le donne sono giudicate più severamente degli uomini per il loro aspetto.
Le donne in genere ricevono delle proposte economiche più basse degli uomini, a parità di posizione.
Le donne sono ritenute non qualificate fino a quando non hanno dato prova di esserlo, agli uomini accade meno spesso.
Le donne vengono promosse in base ai risultati, gli uomini (anche) in base al potenziale.
Le donne spesso non vengono invitate tanto quanto gli uomini a eventi di socializzazione come le uscite al pub o a vedere le partite.

Mostra i risultati (114 voti)
Settembre 2014
Si suicida in diretta su Skype e la gente fa il tifo
Chiude Italia.it, costato 60 milioni di euro
Il software-spia usato dai governi contro dissidenti e giornalisti
Velocizzare le ricerche dei file
Windows 9, le prime immagini e un video
Telecom Italia aumenta il canone e raddoppia le tariffe
Gmail, pubblicate le password di 5 milioni di account
10 segnali negativi in un colloquio di lavoro
Guarda Facebook guidando e causa la morte di una donna
Chiavi stampate 3D, un business per i topi d'appartamento
Eee PC, Asus ci riprova
Le false antenne cellulari che intercettano chiamate e messaggi
Sfondare le reti Wi-Fi al primo tentativo
Come disinstallare definitivamente il software
Agosto 2014
Così si aggira la censura, anche da smartphone
Tutti gli Arretrati

I proprietari del vostro libro

Un'ordinanza del tribunale proibisce la lettura e il commento di un libro per bambini, fino alla data decisa dall'editore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-08-2005]

Ipotetico libro di Harry Potter
Se la tecnologia non può limitarci i diritti, ci pensa il giudice

Estate 2005. Un negozio di alimentari a Coquitlam, Canada, vende accidentalmente un numero spropositato (ben quattordici copie) del nuovo libro di Harry Potter, qualche giorno prima della data ufficiale di vendita, valida sull'intero globo, del 16 luglio.

Le agenzie riportano che l'editore canadese Raincoast, distributore ufficiale per quel paese del libro della Rowling, erroneamente non ha incluso sulla scatola di spedizione l'avviso di non vendere i tomi prima del giorno previsto. Così succede l'irreparabile.

Venutone a conoscenza, Raincoast non si limita alla prevedibile ramanzina a spedizioniere e libraio. Pretende, e ottiene, un'ordinanza del tribunale dalla Corte Suprema dello stato (British Columbia) per congelare i libri all'interno dell'incarto originale.

L'ordinanza, sostanzialmente, fa divieto di lettura e discussione, pubblica o privata, di qualunque aspetto del libro, naturalmente, fino alla data di uscita ufficiale. "Guai a voi se lo aprite, guai grossi se lo leggete, guai molto grossi se ne parlate con qualcuno." Così suona la diffida del tribunale ai 14 acquirenti, che diventano, senza saperlo, qualcosa di molto vicino a un criminale del copyright.

Il fatto ha una discreta eco nei media, considerati i tempi che corrono tra stragi e guerre, e nascono comitati spontanei di protesta e azioni di boicottaggio. Così Raincoast è costretta a dare spiegazioni, appellandosi al copyright e al segreto industriale: "Il titolare dei diritti è autorizzato a proteggere il suo lavoro. Il contenuto del libro è confidenziale fino al 16 luglio, quindi è nostro diritto impedire l'accesso ai contenuti a chi detiene fisicamente il libro." Così dichiara Neil Blair, legale dell'agente dell'autrice Joanne Kathleen Rowling.

Detiene fisicamente. Ma il libro non è stato regolarmente e in buona fede acquistato? Non vi è dubbio che ci troviamo di fronte a uno sconvolgimento profondo del concetto di proprietà privata, alla base della nostra cultura. Da non avvocato, fatico a capire per quale motivo un oggetto che ho regolarmente acquistato non mi appartenga; per quale motivo, fatto salvo il diritto d'autore, io non possa decidere se leggerlo, farci gli scarabocchi sopra, farmici aria o metterlo sotto la gamba di un tavolo.

Ma anche osservando la questione sotto il profilo tecnico, il richiamo dell'editore alla legge sul copyright è incomprensibile. All'interno dei diritti concessi dalla legge al titolare del copyright, non mi risulta esserci quello di proibire la lettura.

È chiaro che il terreno del conflitto si è spostato, in maniera preoccupante, dalle aule dei parlamenti a quelle giudiziarie. Non bastava lobbizzare in sede legislativa per ottenere leggi vergognose: ora gli adepti del copyright selvaggio cercano di piegarle ulteriormente a loro favore nei tribunali, sempre grazie al loro strapotere finanziario.

Nel campo digitale (musica, software e film) hanno sviluppato una serie di tecnologie, il Digital Rights Management, che a poco a poco toglie diritti consolidati ai fruitori. Ma in campo letterario, dove ci si affida ancora al buon vecchio libro, è necessario il ricorso al giudice.

In questo caso, l'editore dell'evento letterario più importante dell'anno, con i suoi prestigiosi avvocati non ha avuto difficoltà a convincere un pavido (nel migliore dei casi) giudice a compiere un atto assurdo, che si rivelerà un pericoloso precedente. E questo nonostante la richiesta fosse assolutamente infondata sia dal punto di vista legale, che da quello del comune buonsenso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 26)

{simone}
vergogna Leggi tutto
5-10-2005 16:52

Padme
Don't Buy Harry Potter Books, dal sito di Richard Stallman, www.stallman.org :lol:
5-10-2005 13:49


danieladaniela
definirlo "libro" mi sembra un'esagerazione..... vale molto meno dei proverbiali albi illustrati della bibblioteca de totti.... comunque, basta non comprare e lasciare che certe operazioni commerciali di qualita' assai scadente finiscano, come meritano, al macero. Se la Rowling e' diventata megasuperextraricca, sara' perche' milioni di... Leggi tutto
4-10-2005 20:17

{Francesco}
pubblicità Leggi tutto
4-10-2005 16:54

sorrisi
non comprare. Leggi tutto
20-9-2005 18:55

Leggi gli altri 21 commenti nel forum Ribelli digitali
Inserisci un commento - anche se NON sei registrato

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.


web metrics